A- A+
Sport
Napoli, quella Supercoppa andrebbe dedicata a Ciro Esposito

Il Napoli ha regalato ai partenopei e agli antipatizzanti della squadra degli Agnelli una notte magica, grazie alla conquista della Supercoppa italiana, nella avvincente finale di Doha contro la Juventus. Con i tifosi della Vecchia Signora tutt'altro che...Allegri con l'allenatore toscano, ex Milan, per la sconcertante decisione di sostituire Andrea Pirlo, rigorista infallibile, che sarebbe stato decisivo nella emozionante lotteria dei tiri dagli undici metri.
Sarebbe bello e significativo se il Napoli dedicasse la conquista della Supercoppa a Ciro Esposito, il giovane tifoso ucciso, durante gli scontri che, a Roma, precedettero, nel maggio scorso, la finale di Coppa Italia, vinta da Hamsik e c. contro la Fiorentina dei fratelli della Valle e dell'ex scugnizzo partenopeo, Vincenzino Montella.

Quando la squadra-che fu di Maradona e prima ancora, ai tempi di Lauro, di Jepsson-affronta la Juventus, non solo i supporters del team di "don Rafè" Benitez, ma tutta la città  non resta mai indifferente, come se fosse in gioco la ribellione dei nuovi "Masanielli" del Golfo a una subalternità,  intrisa di antiche e nuove sudditanze nei confronti del sabaudo Piemonte, trasversale a tutti gli strati sociali.
La grinta, la determinazione, i "cabasisi"-termine coniato da Camilleri per definire gli attributi- evidenziati dai calciatori azzurri dovrebbero indurre i meridionali a reagire alle difficoltà, in primis a quelle sociali ed economiche, non abbattendosi davanti alla crisi sociale ed economica e alla galoppante disoccupazione. Lottando come hanno fatto, in campo, Higuain e Rafael, dopo aver subito i goal di Carlito Tevez, connazionale di Maradona, ancora idolatrato a Napoli.
Il rischio, che corre Napoli e tutto il Mezzogiorno, è di archiviare, presto, la bella pagina di sport, firmata a Doha dal team di Benitez, e  di ripiombare nella rassegnazione, nella subalternità ai "poteri forti", al governo e ai sindacati nazionali, che continuano a ignorare i problemi e i drammi delle regioni meridionali.
Così è avvenuto in passato, dopo altri trionfi sportivi, rari ma significativi, in primis i 2 scudetti dell'era del fuoriclasse argentino.
"Siamo tutti utili, nessuno è indispensabile !" : queste parole, pronunciate alla vigilia della finale da Alfonso de Laurentiis, vengano recepite dai napoletani, per non chinare la testa e non rifugiarsi dietro il fatale vittimismo della gente del Sud. 
La partita, che la gente della Campania e del Mezzogiorno combatte ogni giorno, è molto più difficile di quella, giocata e vinta dal Napoli contro Buffon, Chiellini e Tevez. Ma occorre disputarla, senza arrendersi e dichiararsi sconfitti, anche se le sicurezze vacillano e la tentazione di affidarsi ai miracoli di San Gennaro, come in passato a quelli di Diego Armando, è, sempre, molto forte.

Pietro Mancini

Tags:
napoliciro espositosupercoppajuventus
in evidenza
Fedez e J-Ax, pace fatta "Un regalo per Milano e..."

La riconciliazione

Fedez e J-Ax, pace fatta
"Un regalo per Milano e..."

i più visti
in vetrina
Simest, la qualità a supporto della competitività delle esportazioni italiane

Simest, la qualità a supporto della competitività delle esportazioni italiane


casa, immobiliare
motori
Mercedes-AMG è la musa ispiratrice del progetto di arte digitale NFT

Mercedes-AMG è la musa ispiratrice del progetto di arte digitale NFT


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.