A- A+
Sport
Napoli, ora si rischia. Lite Insigne-stadio

Il vestito buono, quello delle migliori serate, era un po' sgualcito. Necessitava una mano di ferro da stiro, dopo otto mesi nei quali era stato messo, per necessita', nell'armadio. Ha impiegato oltre un'ora, il Napoli, per ritrovare, contro l'Athletic Bilbao, la brillantezza delle notti magiche contro Chelsea, Borussia Dortmund e Arsenal, ha rischiato di non ritrovare piu' il bandolo della matassa, ma, alla fine, si e' salvato, lasciando aperte, con l'1-1 firmato Higuain (di Muniain il momentaneo 0-1), le speranze di qualificarsi alla fase a gironi della Champions League. Spinti dall'urlo dei 50.000 del San Paolo, gli uomini di Benitez partono forte: in una gara che sembra una corrida, con spazi strettissimi e lotte furiose su tutti i palloni, il Napoli sembra trovarsi a proprio agio. Nonostante il pressing molto alto dei baschi, che dimostrano di avere una chimica di squadra rodata da anni di lavoro insieme, gli azzurri fanno girare bene il pallone e collezionano tre occasioni in neanche sette minuti. La piu' clamorosa e' per Insigne, che Jorginho pesca splendidamente al centro dell'area di rigore: lo "scugnizzo", pero', non riesce a decidere se calciare al volo o controllare il pallone e finisce per non fare nessuna delle due cose, lasciando gioco facile al portiere Iraizoz. Non sara', almeno stasera, profeta in patria, Lorenzo Insigne, che finira' la propria gara dopo un'ora, sostituito da Mertens e fischiato sonoramente dai propri tifosi e concittadini. Il Napoli, insomma, in avvio, e' un fuoco di paglia: dura poco, cala vertiginosamente, non riesce piu' a trovare Higuin in profondita' e lascia campo ai baschi.

La doccia fredda, per Benitez e le ambizioni del Napoli arriva a quattro minuti dall'intervallo: Insigne e Britos si fanno prendere in mezzo da De Marcos, che pesca al centro dell'area di rigore Muniain. Per il "Messi basco", piu' giovane marcatore della storia della Liga, e' un gioco da ragazzi mettere, con un colpo da biliardo, alle spalle di Rafael, nell'angolino di destra. La botta e' forte e la squadra di Benitez fatica a reagire: due episodi, pero', risvegliano finalmente il vecchio spirito combattivo del Napoli da Champions. L'ingresso in campo di Mertens, con uscita polemica dal campo di Insigne, che da' vivacita' alla manovra, ed una giocata da top player di Higuain, che porta a spasso Balenziaga al limite dell'area di rigore e batte Iraizoz con un grande diagonale di destro. A venti minuti abbondanti dalla fine, la partita cambia radicalmente: il Napoli inizia a recitare, finalmente, la parte del leone, l'Athletic quella dell'agnellino, preoccupato e chiuso a difesa della propria area di rigore. Il Pipita non perde piu' un pallone e, prima serve Callejon, incapace di concretizzare una bella verticalizzazione, poi costringe Iraizoz ad un vero e proprio miracolo da pochi passi. E pensare che, ieri, Benitez aveva annunciato che l'attaccante argentino era soltanto all'80% della forma. Poteva finire meglio, ma poteva pure finire peggio: Se tra una settimana, nel catino del San Mames, il Napoli potra' ancora giocarsi la qualificazione, lo deve soltanto al suo uomo piu' elegante. Quello che, nelle notti magiche, non manca mai di lasciare il segno.

Benitez, reazione positiva, fiducia per il ritorno - "Credo che abbiamo visto la partita che ci aspettavamo alla vigilia contro una squadra che gioca con grande intensita'. Anche all'inizio abbiamo avuto 1-2 occasioni, poi loro sono cresciuti e sono andati in vantaggio, pero' la squadra anche nella ripresa ha creato tante palle-gol. E' stata positiva la reazione ed e' importante in vista del ritorno al San Mames". Questa la prima analisi di Rafa Benitez dopo l'1-1 con l'Athletic Bilbao nell'andata dei playoff di Champions League. Il pareggio al San Paolo sposta i favori del pronostico dalla parte degli spagnoli, ma Benitez non molla: "non e' una questione di percentuali: loro sicuramente andranno in campo per vincere, non possono pensare che un pareggio per 0-0 sia sufficiente. Devono vincere e questo significa che dovranno fare un gol. Per noi e' lo stesso: dobbiamo fare un gol per cambiare tutta la partita e vedere se possiamo andare avanti. Io ho fiducia, perche' abbiamo dimostrato oggi, con 4-5 occasioni, che possiamo fare gol contro di loro e qualsiasi difesa".

L'allenatore spagnolo, poi, si e' espresso sulla rabbia di Higuain, al fischio finale, e sui gesti polemici di Insigne, all'atto della sostituzione. "Gonzalo come tutti e' arrabbiato, perche' ci aspettavamo una partita difficile, ma che si poteva vincere - ha aggiunto l'allenatore del Napoli -.Se e' arrabbiato, meglio cosi': fara' la seconda partita meglio di questa". Insigne al momento della sostituzione e' stato fischiato e ha risposto ai tifosi con gesti polemici. "Lorenzo credo che senta la passione dei tifosi: e' napoletano, vuole vincere e dimostrare alla sua gente il suo livello - la spiegazione di Benitez -. Per questo, tante volte, in questo tipo di partite di massima intensita', non e' facile tenere sotto controllo tutte le emozioni". Benitez elogia Gargano: "perche' ho scelto lui? E' facile spiegarlo, basta guardare la partita, e' stato uno dei migliori in campo". Benitez ha anche parlato di Britos: "sappiamo che non e' un terzino, ma ha fatto bene in quel ruolo". Lui Miguel Britos dice: "penso che nel primo tempo non abbiamo fatto bene ma abbiamo creato occasioni con Lorenzo e Marek. Nel secondo tempo siamo stati piu' aggressivi e abbiamo pareggiato. Poi potevamo segnare due o tre volte e meritavamo il successo. Giocare terzino? Il mister mi ha dato questo ruolo e io sono disponibile e mi sto trovando bene anche a sinistra, ci metto tutto l'impegno possibile per dare il mio contributo alla squadra".

Tags:
napoli
in evidenza
Aria fredda polare sull'Italia Fine maggio da... brividi

Meteo previsioni

Aria fredda polare sull'Italia
Fine maggio da... brividi

i più visti
in vetrina
Banca Ersel, inaugurato il progetto di ristrutturazione della nuova sede

Banca Ersel, inaugurato il progetto di ristrutturazione della nuova sede


casa, immobiliare
motori
BMW, nuova iX xDrive50 rivoluziona il piacere di viaggiare

BMW, nuova iX xDrive50 rivoluziona il piacere di viaggiare


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.