A- A+
Sport

 

Smantellata dalla Guardia di Finanza di Modena un'intera filiera produttiva di figurine dei calciatori "Panini" contraffatte. I militari hanno sequestrato oltre 5,7 milioni di prodotto e attrezzature per realizzarle.

A capo dell'organizzazione, c'era un ex dipendente della Panini che da circa 10 anni si e' messo in proprio ed ha aperto una ditta operante nella provincia di Modena che si occupa di commercializzare beni da vendere nelle edicole (per lo piu' piccoli giocattoli e gadgets per bambini). Sette le persone denunciate all' Autorita' Giudiziaria. Le false figurine venivano rivendute soprattutto in Emilia Romagna ed in particolare nelle province di Modena, Bologna e Reggio Emilia.Il valore delle figurine contraffatte sequestrate e' stato quantificato in oltre 2,7 milioni di euro. I militari, grazie anche alla collaborazione della Panini, sono riusciti quindi a risalire al promotore dell'iniziativa e via via alla societa' che scannerizzava le figurine, a quella che provvedeva alla stampa e ad un'altra che si occupava del confezionamento nonche' all'azienda che che curato il trasporto e lo stoccaggio e al soggetto che doveva poi proporre il prodotto ai distributori. Nel dettaglio, la Guardia di Finanza ha sequestrato: oltre 5,7 milioni di figurine Panini "calciatori 2012-2013"; oltre 3 milioni di bustine Panini "calciatori 2012-2013"; circa 3.000 scatole Panini "calciatori 2012-2013"; computers e apparecchiature utilizzati per le operazioni di scannerizzazione e di grafica; macchinari altamente specializzati per la stampa, il taglio e l'imbustamento delle figurine; 1 autoarticolato utilizzato per il trasposto della merce. I prodotti contraffatti erano tutti individuati e caratterizzati dal logo della "Panini" e dall'immagine della cosiddetta "rovesciata", impressi sia sulle figurine che sulle confezioni originali, entrambi depositati in Italia ed in ambito internazionale quali marchi registrati. Non vi era alcuna traccia delle figurine cosiddette "speciali" (quali quelle "fustellate" riportanti il puzzle delle squadre schierate, o quelle con vernici speciali riportanti le immagini dei capitani delle squadre o quelle olografiche rappresentanti gli stemmi delle diverse squadre), perche' evidentemente riproducibili solo a costi elevati. Per gli stessi motivi, invece, le bustine contraffatte contenevano un elevatissimo numero di doppioni: e' stato accertato, infatti, che le figurine contraffate riproducevano solo un quarto di quelle originali. Gli indagati proponevano le figurine contraffatte ai distributori "paralleli" ad un prezzo di vendita molto piu' basso di quello ufficiale proposto dalla Panini ai propri rivenditori. La commercializzazione di tali prodotti avveniva senza l'emissione di alcun documento fiscale e richiedendo tassativamente il pagamento in contanti. Durante le indagini e' stato, anche "monitorato" un ulteriore tentativo di contraffazione di figurine di un ulteriore editore avente ad oggetto delle figurine per bambini (la collezione "amici cucciolotti 2013"). In questo caso, l'organizzazione aveva gia' provveduto alla scannerizzazione ed alla realizzazione del supporto grafico; l'operazione non e' stata portata a termine per problematiche di natura tecnico-realizzativa. Tra i progetti per il futuro vi era sicuramente anche quello di duplicare simili iniziative in occasione dei prossimi Mondiali di calcio in Brasile.

PANINI, GRATI A GDF MODENA PER BRILLANTE OPERAZIONE - "Siamo molto grati alla Procura di Modena e al Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Modena per il brillante risultato dell'Operazione Cromos, che ha smantellato un importante traffico di figurine false della collezione Calciatori 2012-2013". Lo ha dichiarato Aldo Sallustro, amministratore delegato della Panini."La nostra gratitudine va, in particolare, al procuratore aggiunto dott.ssa Lucia Musti, che ha coordinato le indagini, al tenente colonnello Carlo Tomassini, comandante del locale Nucleo di Polizia Tributaria, e ai suoi uomini"."Gia' tre anni fa, ha aggiunto Sallustro, un analogo traffico di figurine false - seppur di dimensioni piu' limitate - era stato sventato a Latina sempre dalla Guardia di Finanza. Queste attivita' a tutela dei marchi e della proprieta' industriale non solo difendono le iniziative imprenditoriali, ma garantiscono ai consumatori di poter acquistare prodotti originali e di altissima qualita'. Alla nostra gratitudine, dunque, si unisce certamente anche quella degli oltre due milioni di nostri collezionisti in tutta Italia".

"Questa importante operazione della Guardia di Finanza di Modena ha fortunatamente bloccato l'arrivo sul mercato di milioni di figurine false della collezione Calciatori 2012-2013, attualmente in vendita, ed ha anche smantellato l'intera filiera produttiva del prodotto contraffatto", ha sottolineato Antonio Allegra, direttore Mercato Italia della Panini. "E' un risultato davvero straordinario, che permette ai nostri collezionisti, tra cui moltissimi bambini appassionati di calcio, di poter continuare tranquillamente la loro raccolta sul Campionato italiano, nel rispetto che l'Azienda ha nei loro confronti cercando di offrire sempre la massima qualita' nei propri prodotti. Il successo di questa indagine, inoltre, ci consentira' di proseguire il nostro lavoro con serenita', anche in vista dei prossimi appuntamenti del 2014, come la nuova raccolta Calciatori e la collezione di figurine sui Mondiali FIFA che si svolgeranno in Brasile".

Iscriviti alla newsletter
Tags:
paninialbumfigurineguardia di finanza
in evidenza
CorporateCredit, l'intervista al Ceo Giordano Guerrieri

Pnrr e opportunità per le Pmi

CorporateCredit, l'intervista al Ceo Giordano Guerrieri

i più visti
in vetrina
Meteo, Italia nella morsa del caldo africano di Hannibal, picchi fino a 34°C

Meteo, Italia nella morsa del caldo africano di Hannibal, picchi fino a 34°C


casa, immobiliare
motori
16 maggio 1968: Citroen presenta alla stampa mondiale la Mehari

16 maggio 1968: Citroen presenta alla stampa mondiale la Mehari


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.