A- A+
Sport

Mentre l'affaire ds (leggi: cambio di direttore sportivo) si delinea (Sean Sogliano in pole, ma è ancora sotto contratto col Verona) e si arricchisce di colpid di scena (voci: Ariedo Braida si dimette, ma lui smentisce), il nuovo Milan potrebbe ricominciare da dove si è perso negli ultimi due-tre anni: in mezzo al campo. Quando Clarence Seedorf lasciò malgrado avrebbe voluto restare e Andrea Pirlo si vide offrire un contratto che non riteneva adeguato (dal punto di vista economico, della durata e come fiducia nel suo ruolo in campo) e preferì la Juventus. I tifosi rossoneri hanno rimpianto tantissimo il regista bresciano e la ferita si apre sempre più ogni volta che illumina la squadra bianconera con i suoi gol e le sue giocate. Ora è in scadenza con il club di Corso Galileo Ferraris e la sua maglietta viene tirata da tutte le parti: Agnelli-Marotta lo terrebbero altri due anni (lui ne vuole tre), Real Madrid, Arsenal, Tottenham e Bayern Monaco sono alla finestra. E si fa avanti anche il Milan. Barbara Berlusconi lo vorrebbe riportare in rossonero.

Il prossimo allenatore designato Clarence Seedorf recentemente gli ha mandato un sms in tema. E nelle scorse ore il Milan gli ha mandato pubblici auguri di pronta guarigione (apprezzati) dall'infortunio che lo terrà fuori per una quarantina di giorni circa. Indizi che raccontano la volontà di officiare un nuovo patto da parte del Diavolo. E Pirlo? Lui continua a chiedere 3 anni a chi lo corteggia e non scnderà facilmente sotto ingaggi da 3,5 milioni perchè a 34 anni si sente ancora al top.

Sempre sul Milan di Seedorf. Sono ancora più forti le voci che vorrebbero i rossoneri su Matheus Doria. Il 19enne difensore del Botafogo (seguito anche dalla Juventus) è compagno di squadra di Clarence ed il suo agente è lo stesso del portiere Gabriel. Si può chiudere per giugno, quando riceverà il passaporto comunitario e il suo cartellino sarà a soli 12 mesi dalla scadenza.

Tags:
pirloseedorfbarbara berlusconibraida

i più visti

casa, immobiliare
motori
Ford ed Herme testano i veicoli a guida autonoma per le consegne a domicilio

Ford ed Herme testano i veicoli a guida autonoma per le consegne a domicilio


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.