A- A+
Sport
Atalanta, 10 giornate di squalifica per razzismo al baby Grassi

"Vai via, vu cumprà", parole che sarebbero state pronunciate dal Primavera dell'Atalanta Alberto Grassi (il calciatore nigeriano del Verona Salifu) e che gli sono costate dieci giornate di squalifica. L'arbitro ha sventolato il rosso diretto e, letto il suo rapporto, il Giudice Sportivo ha deciso la pesante sanzione.

Su cui il club orobico ha già fatto sapere che non farà ricorso (in base al proprio codice etico interno che rinnega qualsiasi tipo di comportamento razzista o simili). A differenza del giocatore, che invece non ci sta e vuole tutelare la propria immagine. Oltretutto questo stop gli farebbe perdere la convocazione alla Nazionale Under-19.

In prima squadra ha invece ripreso ad allenarsi in gruppo l'attaccante croato Livaja (in comproprietà con l'Inter), che ha scontato le due settimane di punizione inflittegli dalla società (per aver rifiutato di scaldarsi durante il match contro l'Udinese).

 

Tags:
primavera atalantagrassi
in evidenza
Energia e misurabilità ESG Svolta nel libro di Dal Fabbro

Transizione green

Energia e misurabilità ESG
Svolta nel libro di Dal Fabbro

i più visti
in vetrina
Caldo record e rincari Condizionatori, come scegliere i migliori: i consigli per risparmiare

Caldo record e rincari
Condizionatori, come scegliere i migliori: i consigli per risparmiare


casa, immobiliare
motori
DS3 E-Tense Crossback:protagoniste alla Marina di Santa Margherita Ligure

DS3 E-Tense Crossback:protagoniste alla Marina di Santa Margherita Ligure


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.