A- A+
Sport
vidal modificato 3

Alla fine a Viale Mazzini non hanno piu' resistito. Tre anni senza un ralenty e una polemica di rigore, senza che la moviola animasse la discussione e scatenasse l'inferno della parola buttata al vento. Il ''biscardismo'' - osserva 'AgenziaInforma' - torna in casa Rai rinnegando quella scelta controcorrente e coraggiosa, per le conseguenze dell'audience, e tornando all'antico, alla vivisezione del penalty concesso o negato, del fuorigioco fischiato o ignorato. Nel 2010, su input dell'allora direttore di Rai Sport, Eugenio De Paoli, l'emittente pubblica decise di dire basta alle discussioni infinite sugli episodi dubbi delle partite. Una linea filosofica ma anche strategica: dare un segnale di diversita' era anche un modo per non competere con colossi come Sky e Mediaset che invece aggiungono pepe ad ogni azione contestata. Ora quel ''segnale culturale'' tanto difeso e celebrato e' saltato. A cambiare impostazione e' il nuovo direttore della testata giornalistica sportiva della Rai, Mauro Mazza, che non intende rinunciare a quell'ingrediente nel dibattito post-gara. A partire dal 25 agosto, prima giornata del massimo campionato di serie A, nella trasmissione cult dell'azienda, ''Novantesimo Minuto'', l'analisi delle azioni incriminate avranno molto piu' spazio. Moviola e bar sport al centro della scena anche nel nuovo ''Processo del lunedi''', in onda in prima serata su Rai Sport 1 con la conduzione (probabile) di Enrico Varriale. Resta invece ancora in dubbio quale sara' la ''linea editoriale'' della ''Domenica Sportiva'' che sara' ancora una volta condotta da Paola Ferrari: nel salotto della seconda serata di Rai2 la moviola pero' scalpita. Vedremo come andra' a finire. Certo e' che la tv pubblica che, a differenza della concorrenza non puo' contare sulle dirette dei match di serie A, stavolta non vuole piu' stare in difesa ma intende giocare al meglio le sue carte nel dopo partita. Resta da capire come verra' usata la moviola. In questo senso il presidente degli arbitri italiani, Marcello Nicchi, lancia il suo messaggio alla Rai: ''La moviola si puo' fare facendo vedere le immagini e la si puo' utilizzare mettendoci a fianco commenti e discussioni, alimentando pero' in questo modo polemiche a non finire''. E' probabile che a spingere Mamma Rai verso un ritorno al passato sia stata anche la novita' della prossima stagione calcistica che prevede l'introduzione delle telecamerine ''anti gol fantasma'', voluti dalla Lega di A per elevare la qualita' audiovisiva delle partite di campionato. Tutti gli impianti della massima divisione saranno dotati di questo apparecchio tecnologico posizionato sulla linea di porta per cogliere le situazioni dubbie attorno ai gol dati o non dati. Non avra' alcuna interferenza sulle decisioni arbitrali ma certamente servira' ad alimentare la polemica. Anche in casa Rai.

Tags:
raimoviola

i più visti

casa, immobiliare
motori
Ford ed Herme testano i veicoli a guida autonoma per le consegne a domicilio

Ford ed Herme testano i veicoli a guida autonoma per le consegne a domicilio


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.