A- A+
Sport

 

Gigi Riva

GIGI RIVA LASCIA RUOLO TEAM MANAGER NAZIONALE - Gigi Riva saluta la Nazionale. Il bomber tuttora piu' prolifico in maglia azzurra con 35 reti (in 42 partite), lascia il ruolo di team manager della squadra azzurra dopo averlo comunicato al presidente della Federcalcio Giancarlo Abete. "Lo vogliamo con noi al Mondiale - ha dichiarato il presidente federale secondo quanto si legge sul sito della Figc - Riva non sara' sostituito, il posto e' suo e lo aspettiamo". Anche se la decisione di Riva, dovuta a motivi di salute, sembra definitiva. L'inizio della sua carriera da dirigente della Nazionale e' datata 1990, prima come dirigente accompagnatore ed infine come team manager.

Prandelli, via le tensioni. In azzurro col sorriso - ''Questa Nazionale deve avere sempre il sorriso''. E' quanto chiede ai suoi ragazzi Cesare Prandelli, a Coverciano per la due giorni di test fisici in vista dei prossimi impegni con la Repubblica Ceca nelle qualificazioni al Mondiale e con la Confederations Cup. Il Ct invita i giocatori a lasciare da parte le tensioni accumulate in campionato e a ricaricare le batterie per questo finale di stagione in maglia azzurra: ''Quando c'e' un ritrovo della Nazionale, c'e' sempre gioia. Dopo un campionato lungo, stressante e difficile c'e' voglia anche di staccare un po'. Quando ci ritroveremo dovremo presentarci con il sorriso''. Dopo aver rinnovato i complimenti alla Fiorentina (''per la qualita' del gioco meritava lo scudetto'') e al tecnico del Milan Massimiliano Allegri (''ha fatto un campionato strepitoso''), Prandelli e' tornato a parlare degli ultimi episodi di razzismo che hanno colpito Mario Balotelli: ''Non ci siamo ancora confrontati sull'argomento razzismo, non lo faremo solo con lui, ma con tutti. Nel caso ricevesse cori razzisti entreremmo in campo e lo abbracceremmo, non facendolo uscire cosi' dal campo. Quello degli ululati razzisti - ha aggiunto - non e' un problema solo del Milan o della Nazionale, ma di tutto il calcio. Non dobbiamo piu' tollerare cose simili''. Per quanto riguarda il suo futuro, il Ct ha ribadito che non ha dubbi: ''Fino al 2014 ho un impegno con la Federazione, con la squadra, con tutti. La mia massima concentrazione e' sulla Nazionale''.

Razzismo: Abete, le multe non bastano. Chiudere settori stadio - Fra sostenibilita' economica, stadi e fair play, si e' svolto oggi a Milano il workshop ''Il calcio che vogliamo'' organizzato da Gazzetta dello Sport e Tim. Ospiti della sala Buzzati i vertici del calcio italiano, dal presidente del Coni Giovanni Malago', al presidente della Figc Giancarlo Abete, al vicepresidente federale Demetrio Albertini, a quelli delle leghe di Serie A e Serie B, Maurizio Beretta e Andrea Abodi, fino al presidente dell'Aia Marcello Nicchi, e vari presidenti e dirigenti di club da Andrea Agnelli a Adriano Galliani, Giampaolo Pozzo, James Pallotta, Claudio Lotito ed Enrico Preziosi. A margine del convegno, il presidente federale Abete ha affrontato vari argomenti come riforme, razzismo, stadi. ''Il ruolo del Parlamento - ha sottolineato - e' fondamentale per gli stadi, anche se Juve e Udinese dimostrano che si puo' fare senza. Loro hanno usato siti gia' esistenti, se si cercano quelli nuovi servono leggi. Razzismo? Siamo in normative sportive internazionali. Nel prossimo congresso Uefa parte il rafforzamento della norma con chiusura di parti dello stadio, le multe non bastano, non e' un deterrente sufficiente. Queste norme porteranno ad un salto di qualita', ma serve formazione e prevenzione: le frange di incivili esistono ovunque, dobbiamo isolarli ed evitare che creino danni''. E, per concludere, un auspicio: ''Il tecnico Montella e' stato molto equilibrato ieri sera nei commenti. Non giudico la singola giornata, il campionato e' frutto di 38 giornate. La Fiorentina e' stata a un passo da un grande risultato. Ora con la Coppa Italia si deve chiudere bene la stagione''.

Tags:
gigi rivanazionaleabete
in evidenza
Simest, la qualità a supporto della competitività delle pmi italiane

Esportazioni

Simest, la qualità a supporto della competitività delle pmi italiane

i più visti
in vetrina
Pnrr e opportunità per le Pmi CorporateCredit, l'intervista al Ceo Giordano Guerrieri

Pnrr e opportunità per le Pmi
CorporateCredit, l'intervista al Ceo Giordano Guerrieri


casa, immobiliare
motori
Stellantis, successo confermato al Company Car Drive 2022

Stellantis, successo confermato al Company Car Drive 2022


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.