A- A+
Sport
Tuffo a caduta libera da 5mila metri d’altezza per Roberta Mancino

Altezza, velocità e caduta in picchiata verticale: le parole chiave per la sfida che Roberta Mancino e Gardaland hanno deciso di intraprendere per presentare Oblivion - The Black Hole, le nuove montagne russe 2015 di Gardaland, il primo Dive Coaster in Italia e il più lungo d’Europa.

Roberta Mancino - italiana di nascita ma americana d’adozione, modella internazionale, campionessa di paracadutismo sportivo, stunt-woman nel colossal cinematografico Iron Man 3, atleta di sport estremi e volto copertina di molti magazine nazionali e internazionali - si è cimentata in un’impresa sensazionale: raggiunti i cinquemila metri d’altezza la Mancino si è tuffata, in caduta libera, all’interno di un “cerchio umano” del diametro di 5 metri, all’incredibile velocità di 400 km/h.

Un evento unico ed adrenalinico per rivelare al pubblico le caratteristiche e l’esperienza da cui prendono ispirazione le nuove attesissime montagne russe,  il primo Dive Coaster in Italia che Gardaland inaugurerà in concomitanza dell’apertura di stagione, il prossimo 28 marzo.

Insieme a Roberta Mancino, protagonisti di questa esperienza da brivido, anche dieci paracadutisti - tra loro Pablo Hernandez, campione del mondo di “Canopy Piloting” - che, per primi, si sono lanciati in caduta libera disegnando nel cielo una “stella piatta” ovvero una formazione a cerchio con il corpo disposto parallelamente al terreno. Grazie a fumogeni assicurati ai loro piedi il gruppo di paracadutisti ha creato un vero e proprio tunnel verticale della lunghezza di ben 3 km.

Roberta Mancino, sganciata da un secondo aereo, si è tuffata nel vuoto ad una velocità di 400 km/h e ha attraversato il tunnel formato dall’anello umano centrandolo con millimetrica precisione.

La coraggiosa atleta-modella, durante il lancio, si è cimentata in una serie di figure acrobatiche di paracadutismo freestyle e freefly.

La figura realizzata in cielo dal team di paracadutisti estremi è stata chiamata Oblivion - The Black Hole svelando così il nome e le caratteristiche dell’adrenalinico Dive Coaster che Gardaland sta ultimando in vista dell’inaugurazione della stagione 2015.

Un’avventura da togliere il fiato ma anche un’impresa destinata ad entrare ufficialmente nel Guinness dei Primati! I dettagli dell’intera operazione, infatti, saranno comunicati al Guinness World Records di Londra.

Le riprese video e foto dell’evento sono state affidate a Max Haim, uno fra i migliori fotografi paracadutisti al mondo,  mentre l’impresa del record è stata eccezionalmente filmata da Noah Bahnson, vera e propria leggenda del Promixity Fly.

Oblivion - The Black Hole, il primo Dive Coaster in Italia nonché il più lungo d’Europa, regalerà emozioni mozzafiato a tutti i fan di Gardaland a partire dall’apertura 2015 del Parco. Gli amanti del brivido e dell’adrenalina  potranno vivere così un’esperienza senza eguali, a bordo delle nuove montagne russe a caduta in picchiata verticale! I coraggiosi Ospiti precipiteranno in picchiata verticale - ben 85 gradi di inclinazione - da un’altezza di 42,5 metri per infilarsi in un tunnel stretto e buio dal quale riemergeranno per affrontare, alla velocità di 100 km/h, inversioni, capovolgimenti a testa in giù, torsioni su grandi spirali e rotazioni a 360°.

E gli scienziati di Operation Orange? Finalmente trovano risposta alle loro intuizioni e si preparano ad affrontare una sfida mozzafiato, un viaggio sensazionale che li condurrà ad attraversare il misterioso condotto spazio-temporale comparso improvvisamente nel Parco per portarli verso un’ignota dimensione. Per ulteriori informazioni visitare il sito gardardalandoblivion.it

Tags:
gardalandoblivionroberta mancini
in evidenza
Consumi, come tagliare la bolletta rispettando l’ambiente

verso un mondo più sostenibile

Consumi, come tagliare la bolletta rispettando l’ambiente

i più visti
in vetrina
Covid-19, le regole europee per conviverci durante l’estate

Covid-19, le regole europee per conviverci durante l’estate


casa, immobiliare
motori
Ferrari 296 GTB: la prima berlinetta ibrida plug-in

Ferrari 296 GTB: la prima berlinetta ibrida plug-in


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.