A- A+
Sport
Striscioni contro la mamma di Ciro. "Ho pianto". Pjanic gol: Napoli ko

Mamma di Ciro, ho pianto, spero Dio converta cuori tifosi - "Sono senza forze, chi ha scritto quelle frasi non sa neanche di cosa sta parlando e del dolore che sto patendo per una morte assurda. Ma sanno cosa significa perdere un figlio?". Sono queste le parole di Antonella Leardi, la madre di Ciro Esposito, il tifoso del Napoli ucciso negli scontri prima della partita di finale di Coppa Italia all'Olimpico di Roma il 3 maggio dello scorso anno. Dalla Curva Sud, nel corso della partita di oggi contro il Napoli, sono apparsi degli striscioni contro la signora "che cosa triste.. lucri sul funerale con libri e interviste", e altri di sostegno a Daniele De Santis 'Gastone' accusato dell'omicidio di Ciro. "Spero solo che Dio possa convertire quei cuori di quei tifosi che ancora fanno del male a persone che stanno soffrendo da mesi per una morte assurda. Ho visto quelle scritte in televisione mentre guardavo la partita a casa e le ho lette sui siti poco dopo. Ho pianto e mi si e' stretto il cuore. Ho perso Ciro e quelle parole sono veramente orribili". Dice di non cercare vendetta, ma "giustizia" e di non chiedere sanzioni perche' "a questo ci penseranno i miei avvocati, io piango e basta".

L'avvocato della famiglia Esposito chiede la squalifca dell'Olimpico - 'Il dolore di un avvenimento tragico ed innaturale come quello della perdita di un figlio non lo auguro a nessuno e non si commenta mai soprattutto in maniera così strumentale e offensiva da parte di tifosi che dovrebbero augurarsi la pace ed i valori nello sport non l'odio e la violenza''. Lo ha spiegato l'avvocato Angelo Pisani, legale della famiglia di Ciro Esposito, che ha chiesto di squalificare l'Olimpico per gli striscioni contro la madre di Ciro durante Roma-Napoli.

 Sul campo, grazie a un gol realizzato da Pjanic al 25' del primo tempo, la Roma batte il Napoli 1-0 all'Olimpico (dove non vinceva dal 30 novembre) e consolida per ora il secondo posto salendo a 56 punti.

I partenopei vedono allontanarsi in modo pericolosissimo e forse definitivo la zona Champions League. Piu' che pace e' una tregua quella che stipula sull'altro fronte la Roma con i suoi tifosi dopo la vittoria sul Napoli che forse mette la parola fine alle ambizioni dei partenopei di raggiungere la zona Champions. Decide un gol al 25' di Pjanic, la cui esultanza e' polemica verso stampa e tifosi. Il Napoli sonnecchia nel primo tempo, poi nella ripresa monopolizza il gioco senza pero' mai trovare il pari. L'unico vero tiro in porta dei primi 45' e' della Roma ed e' gol. I giallorossi si erano gia' fatti pericolosi su calcio piazzato al 20' ma Astori non era riuscito ad arrivare sul pallone. Al 25' comunque passano: Iturbe difende bene palla all'altezza dell'area partenopea e serve Florenzi sull'out di destra, palla al centro e destro sicuro di Pjanic che brucia Andujar per l'1-0. Il Napoli prova a reagire in contropiede al 29', buono il suggerimento di Callejon in profondita' per De Guzman ma e' bravo a De Sanctis a spazzare in fallo laterale.

La Roma arretra e la squadra di Benitez prova subito a riaprire i giochi, poco dopo Mertens fa tutto bene ma il suggerimento in mezzo viene soffocato dalla retroguardia di Garcia. Al 39' Napoli in contropiede con Callejon, che scarta la difesa romanista e serve indietro De Guzman ma il nazionale olandese viene ben coperto da Manolas in scivolata (con il ginocchio e quindi il tocco involontario a terra di mano), ed e' ancora il greco ad incrociare la strada ad Higuain poco dopo sull'ennesimo buon lancio di prima di Jorginho. Si va alla ripresa e il Napoli prova a spingere per trovare il pareggio. Al 9' Mertens brucia Manolas in velocita' ma De Sanctis e' attento e blocca. Il bis arriva poco dopo con un grandissimo gesto d'istinto che nega ancora il gol al belga. Benitez cambia e inserisce Gabbiadini per Callejon, che fin li' era stato un fantasma. L'ex doriano impegna al 22' De Sanctis, costretto a volare per evitare il gol. Nel finale e' assedio Napoli, con Garcia che si copre a destra (dentro Yanga-Mbiwa per Torodisis) per evitare di perdere i tre punti. Negli ultimi 10' Garcia getta nella mischia Ibarbo, Benitez risponde con Insigne, di nuovo in campo dopo cinque mesi di stop. Il risultato pero' resta bloccato, anzi e' la Roma ad avere l'opportunita' per raddoppiare (Iturbe spara al lato dopo aver scartato Andujar) e Garcia riesce cosi' a staccare l'amico Benitez a +9 punti. La vittoria ai partenopei manca da 5 turni, troppi per ambire al terzo posto.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
romastriscioniciro espositopjanicnapoli
in evidenza
La startup EdilGo guida la ripresa edile in Italia

Corporate - Il giornale delle imprese

La startup EdilGo guida la ripresa edile in Italia

i più visti
in vetrina
CDP, approvato Piano Strategico. Gorno Tempini: "Occasione senza precedenti"

CDP, approvato Piano Strategico. Gorno Tempini: "Occasione senza precedenti"


casa, immobiliare
motori
ŠKODA KAROQ: il SUV boemo di grande successo si aggiorna

ŠKODA KAROQ: il SUV boemo di grande successo si aggiorna


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.