A- A+
Sport
SVINDAL modificato 1                                     Aksel Lund Svindal

DISCESA MASCHILE CANCELLATA. SORRIDE SVINDAL CHE VINCE SENZA CORRERE. MA PER LUI E' ANCHE UNA BEFFA PER LA COPPA GENERALE - Niente discesa libera e coppa di specialita' ad Aksel Lund Svindal. Dopo i continui rinvii per la nebbia presente lungo la pista "Silvano Beltrametti", gli organizzatori della discesa maschile di Lenzerheide hanno deciso alla fine di cancellare la gara. A questo punto la classifica premia il norvegese che era in testa con 439 punti davanti al campione uscente Klaus Kroell (381) e agli italiani Dominik Paris (378) e Christof Innerhofer (370).

Il 30enne, che ha gia' confermato il titolo in Super-G, riceve anche una cattiva notizia da questo annullamento: perde una buona occasione per ridurre le distanze in classifica generale su Marcel Hirscher, che resta davanti per 149 punti. In forte dubbio, causa nebbia, anche la discesa femminile: la partenza, per il momento, e' slittata alle 15. Paris diventa il sesto italiano della storia a salire sul podio finale della coppa dopo Kristian Ghedina (secondo nel 1995, 1997 e 2000 e terzo nel 2002, Herbert Plank (secondo nel 1974 e 1976 e terzo nel 1975, 1978 e 1980), Michael Mair (secondo nel 1988 e terzo nel 1986), Marcello Varallo (terzo nel 1973) e Werner Heel (terzo nel 2010). In classifica generale Hirscher rimane a 1375 punti contro i 1226 di Svindal e si avvantaggia in modo decisivo in vista dello sprint finale, quando mancano soltanto supergigante, gigante e slalom alla fine della stagione. Si chiude in questo modo una stagione indimenticabile per la squadra azzurra, che ha vinto ben cinque delle otto gare disputate con Innerhofer vincitore a Garmisch, Wengen e Kitzbuehel e Paris dominatore a Bormio e Kitzbuehel.

TINA MAZE

ANNULLATA ANCHE DISCESA FEMMINILE
BEFFA PER LA MAZE E COPPA ALLA VONN

Dopo avere costretto alla cancellazione la discesa maschile, la nebbia metto in ginocchio anche la discesa femminile in programma sulla pista di Lenzerheide e ribalta nuovamente le sorti di una specialita' che sembrava ormai nelle mani di Tina Maze (nella foto).

La slovena si era presentata in Svizzera con un solo punto di svantaggio nei confronti dell'infortunata Lindsey Vonn (340 contro 339) e le bastava piazzarsi nelle quindici per conquistare la terza sfera di cristallo di specialita' della stagione dopo quelle gia' sicure di gigante e supergigante.

Stavolta la dea bendata e' rimasta dalla parte dell'americana, che festeggia cosi' il sesto trofeo consecutiva della disciplina, mentre Maria Hoefl-Risch chiude terza e Daniela Merighetti (miglior azzurra) settima.

Tags:
svindaldiscesainnheroferparis
Loading...

i più visti

casa, immobiliare
motori
Gladiator segna il ritorno del marchio Jeep® nel segmento dei pick-up

Gladiator segna il ritorno del marchio Jeep® nel segmento dei pick-up


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.