A- A+
Sport

Di Alberto Foà

totti modificato 4

Non notizie dal mondo del pallone: Juve, Napoli e Inter pagano l’impegno di coppa. Il Napoli un poquito meno – anche se con la Samp non va oltre lo zero a zero – perché per parlare di impegno riguardo al match infrasettimanale ci vuole – per dirla alla De André – tanto, troppo coraggio. Chi delle tre perde anche la faccia è invece la squadra nerazzurra, letteralmente travolta dalla Fiorentina di Montella e del ritrovato Jovetic che fa esultare il presidente Della Valle (che peraltro io, per sentito dire, sapevo interista). Nel calcio le mezze stagioni – basta guardare alla classifica delle milanesi - ci sono ancora. Sono le bandiere a non esistere più. Colpa dei cosiddetti procuratori, dei troppi soldi (reali ma anche virtuali) messi in circolo in tempi non sospetti e magari anche delle donne dei calciatori che, per dirla alla “Via col Vento”, francamente se ne infischiano dell’attaccamento alla maglia dell’uomo e quando decidono che è ora di cambiare aria o semplicemente di fargli levare le tende (meglio ancora, cioè ancora peggio, le due cose insieme) dispongono che così sia. E così è…
Due soli campionissimi fanno eccezione: l’argentino Leo Messi, legato al Barca indissolubilmente (anche perché non esisterebbe acquirente in grado di pagare quanto vale) da scelte personali che conservano perfino un vago alone romantico di gratitudine e riconoscenza verso il club che lo ha fatto grande in ogni senso e l’italiano – pardon il romanista - Francesco Totti, ancora una volta sugli scudi, sabato sera, per il meteorite scagliato alle spalle e alla faccia di Buffon.
Totti è romano prima e romanista poi (meglio ancora le due cose insieme, che poi lui sostiene siano la stessa cosa) e con lui le chiacchiere stanno a zero: da giovane promessa, così come da campione affermato, avrebbe potuto ambire a qualsiasi maglia, a qualsiasi ingaggio, in qualsiasi club di qualsiasi Paese, ma il capitano non ha mai neppure preso in considerazione l’ipotesi di cambiare colori. E neppure c’è stato qualche agente tentatore (anzi, a parte il periodo in cui si faceva consigliare da Maurizio Costanzo, quanti sanno se Totti abbia o meno il procuratore e, nel caso, chi sia) oppure l’idea sia venuta a Ilary; niente di tutto questo, tanto, se anche ci avessero provato i marines Totti non si sarebbe schiodato da Roma e, soprattutto, dalla Roma.
Questione di feeling – per dirla alla Cocciante – di fedeltà, di legame con i tifosi ma, anche, di una cosa ancora più importante, riassumibile in tre parole: qualità della vita.
La grande intelligenza di Totti è tutta nell’avere capito la priorità di questa scelta, gli enormi vantaggi, diretti e di indotto. Lui, nella Roma, può fare il bello, il cattivo tempo e anche quello così così; può perfino permettersi di essere messo in discussione da qualche allenatore di passaggio, tanto lo dice la parola stessa che è, appunto, di passaggio. Roma e la Roma per Francesco sono in un tempo la madre, la sorella, l’amica, la moglie e l’amante e nell’altro l’ambiente, la famiglia dove è nato, cresciuto e ha imparato a scegliere di non scegliere, perché il cambiamento migliore – e ne sanno qualcosa il Cassano o il Kakà di Madrid – spesso è decidere di non cambiare…
Perché a volte in un mondo di banderuole, essere una bandiera non solo è bello ma, il più delle volte, conviene… 

Iscriviti alla newsletter
Tags:
tottimessibandierenapolijuve
in evidenza
La startup EdilGo guida la ripresa edile in Italia

Corporate - Il giornale delle imprese

La startup EdilGo guida la ripresa edile in Italia

i più visti
in vetrina
Luce e Gas, passaggio al Mercato Libero. Abbassalebollette fa chiarezza

Luce e Gas, passaggio al Mercato Libero. Abbassalebollette fa chiarezza


casa, immobiliare
motori
Mercedes, approvato piano al 2026 con investimenti da 60 MLD

Mercedes, approvato piano al 2026 con investimenti da 60 MLD


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.