A- A+
Sport
nibali

NIBALI VUOLE IL TOUR E CHIAMA SCARPONI

Con Cris Froome che ha dichiarato di voler puntare la prossima stagione sul bis al Tour de France (lui che ha vinto l'edizione numero 100), Alberto Contador voglioso di rivincita dopo lo schiaffo preso nel 2013, tra gli aspiranti alla vittoria della Gran Boucle 2014 ci sarà anche Vincenzo Nibali. Lo Squalo dello Stretto - quest'anno primo al Giro d'Italia e secondo alla Vuelta - punterà tutto sulla corsa a tappe francese in cui finì terzo nel 2012. E l’Astana gli sta costruendo una squadra fatta apposta per metterlo nelle migliori condizioni nella guerra agli altri fuoriclasse e in particolare alla corazzata Sky (per cui corre Froome). Da qui l'arrivo di Franco Pellizotti e Mikel Landa. Ma al mosaico manca un tassello che dovrebbe essere ufficializzato a ore: Michele Scarponi. Un luogotenente di extra-lusso che sarà al fianco di Nibali sulle grandi montagne d'oltralpe. Il marchigiano e non Ivan Basso (di cui Vincenzo è grande amico oltre ad averci corso assieme nei grandi Giri in passato) anche perchè il campione di Cassano Magnago avrebbe potuto essere liberato dalla Cannondale entro il 21 ottobre per esigenze di squadra. Ma la trattativa non ha trovato sbocco e quindi si è virato a tutta su Scarponi. Che, tra l'altro, potrebbe correre anche il Giro insieme alla giovane stella nascente  Fabio Aru cui sarà affidato l'onore di essere per la prima volta capitano in una grande corsa a tappe.

CONTADOR: FROOME RESTA IL FAVORITO

“Chris Froome resta il favorito anche per il prossimo Tour de France, per tutto quello che ha dimostrato in questa stagione, con il suo trionfo di Parigi e le altre grandi vittorie può fare il bis. Inoltre il percorso si adatta benissimo alle sue caratteristiche”. Alberto Contador low profile dopo aver visionato le tappe del Tour del 2014. Lo spagnolo spiega: “Ci sono tre parti distinte: prima delle salite il percorso è molto nervoso, sul pavè c’è il rischio di qualche caduta che potrebbe avere effetti devastanti. Poi ci sono le tappe di montagne, ben ripartite tra Alpi e Pirenei e infine la crono del penultimo giorno che potrebbe fare la differenza”. Sull'unica crono individuale di 54 km sistemata alla vigilia della passarella parigina: “Se avessi potuto scegliere avrei preferito due cronometro come quest’anno, con un po’ di montagna e un po’ più dure e non solo una corsa piatta e lunga come quella che ci aspetta. Personalmente spero di fare meglio dell’anno scorso. Devo dare il massimo per fare la differenza prima della crono, in quei 54 km conterà più la forza fisica che non le caratteristiche da specialista, perciò quanto più vantaggio riuscirò ad avere prima di quella tappa meglio sarà”.

Tour2014, solo una crono, sara' percorso per scalatori - Cinque arrivi in salita, l'attraversamento dei Vosgi, 15 km di pave' e una solo cronometro individuale alla vigilia dell'arrivo a Parigi. Sara' un Tour de France per scalatori quello in programma dal 5 al 27 luglio 2014, presentato oggi. Gli specialisti della corsa contro il tempo, insomma, avranno una sola chance di mettersi in luce, i 54 chilometri da Bergerac a Perigueux della 20esima tappa (che ricorda la vittoria di Indurain nel '94) visto che gli organizzatori non hanno previsto nemmeno prologo o crono a squadre.

"E' dal 1934 che i chilometri a cronometro non erano cosi' pochi", ha riconosciuto il direttore del Tour, Christien Prudhomme. La Grand Boucle, insomma, si decidera' sulle montagne con cinque arrivi in alta quota: Planche des Belles Filles sui Vosgi, Chamrousse e Risoul sulle Alpi e Pla d'Adet e Hautacam sui Pirenei a tre giorni dalla conclusione. Mancheranno magari nomi suggestivi come l'Alpe d'Huez o il Mont Ventoux ma nell'arrivo a Risoul, nella 14esima tappa, i corridori dovranno misurarsi con Lautaret e Izoard mentre sulla strada che porta all'Hautacam, nella 18esima frazione, ci sara' da scalare il Tourmalet. Il giorno prima la tappa regina, con Portillon, Peyresourde, Val Louron e Pla d'Adet. Nella seconda delle tre tappe in Inghilterra (confermata la partenza da Leeds il 5 luglio) un percorso che gli organizzatori paragonano alla Liegi-Bastogne-Liegi mentre al rientro in Francia, nella quinta tappa, i corridori sono attesi da nove settori in pave', per un totale di 15 km sui 70 finali. Tra le novita' le tre giornate sui Vosgi, con l'arrivo dell'ottava tappa sul muro di Gerardmer che ricorda quello di Huy della Freccia Vallone. Due i giorni di riposo, a cavallo fra 10^ e 11^ e fra 15^ e 16^ tappa.

Questo l'elenco delle frazioni 1^ Tappa: Leeds-Harrogate; 2^ Tappa 2: York-Sheffield; 3^ Tappa: Cambridge-Londra; 4^ Tappa: Le Touquet Paris-Plage-Lille; 5^ Tappa: Ypres-Arenberg Porte du Hainaut; 6^ Tappa: Arras-Reims; 7^ Tappa: Epernay-Nancy; 8^ Tappa: Tomblaine-Gerardmer; 9^ Tappa: Gerardmer-Mulhouse; 10^ Tappa: Mulhouse-Planche des Belles Filles; riposo a Besancon; 11^ Tappa: Besancon-Oyonnax; 12^ Tappa: Bourg-en-Bresse-Saint Etienne; 13^ Tappa: Saint Etienne-Chamrousse; 14^ Tappa: Grenoble-Risoul; 15^ Tappa: Tallard-Nimes; riposo a Carcassonne; 16^ Tappa: Carcassonne-Bagneres-de-Luchon; 17^ Tappa: Saint Gaudens-St Lary Soulan (Pla d'Adet); 18^ Tappa: Pau-Hautacam; 19^ Tappa: Maubourguet val d'Adour-Bergerac; 20^ Tappa: Bergerac-Perigueux (cronometro); 21^ Tappa: Evry-Parigi.

Tags:
tour de francefroomenibali
in evidenza
Berardi ciliegina dello scudetto Leao deve 20 mln allo Sporting

Le mosse del Milan campione

Berardi ciliegina dello scudetto
Leao deve 20 mln allo Sporting

i più visti
in vetrina
Simest, la qualità a supporto della competitività delle esportazioni italiane

Simest, la qualità a supporto della competitività delle esportazioni italiane


casa, immobiliare
motori
Al via le consegne di Alfa Romeo Tonale

Al via le consegne di Alfa Romeo Tonale


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.