A- A+
Sport
trapattoni

"Giocavo a piedi scalzi, ho avuto poi la fortuna di giocare a calcio a livello internazionale con squadre importanti, sono innamorato del calcio. Mia moglie dice che sono piu' innamorato del pallone che di lei". Ci ride su il Trap ma il segreto e' questo. Il segreto di chi, a 74 anni, dopo aver vinto tutto e dovunque, ha ancora voglia di rimettersi in gioco, con una passione che e' sempre quella di un tempo. "Vedo ancora video su video - rivela Giovanni Trapattoni, ospite di 'Quelli che il calcio' - Ho i miei tecnici che mi programmano le gare analizzando tutti i particolari, che sono quelli che oggi ti danno risultati ed entusiasmo, che entusiasmano anche la squadra". Poche settimane fa e' arrivato l'addio all'Irlanda, un addio quasi obbligato perche', fallita la qualificazione per il Brasile, "non avevo piu' obiettivi da raggiungere dopo 5 anni. Abbiamo raggiunto i play-off mondiali dove siamo stati eliminati dalla Francia, ci siamo qualificati per un Europeo dopo 24 anni e ho mantenuto la mia promessa alla Federazione di rinnovare tutto il gruppo. Abbiamo costruito una squadra molto giovane, con ragazzi che non giocano nemmeno nella B inglese e che mi hanno ringraziato di averli portati in nazionale. Ma quando si e' giovani si commetto anche delle ingenuita', vedi il pari subito dall'Austria al 92'. E cosi' abbiamo deciso di lasciarci in armonia". Nessun rammarico, nemmeno verso i tifosi ("il pubblico mi ha sempre voluto bene, anche dopo il pari con l'Austria mi ha riservato un tributo"), forse il rimpianto di non aver portato i Verdi ai Mondiali, manifestazione rispetto alla quale il Trap ha sempre avuto un rapporto complicato. "Con l'Italia c'era il famoso Moreno che ci ha un po' estromessi - ricorda a proposito dell'esperienza azzurra nel 2002 - e poi, in una nazionale, i giocatori non sono sempre a disposizione, non e' facile, in una squadra a livello di club puoi plasmare di piu'". E in fatto di club, dal Trap un applauso alla Roma che sta guidando la serie A. "Sta giocando bene, Garcia ha dato loro un ottimo gioco e sta facendo acquisire alla squadra grande personalita'. Totti? Lo metto assieme ai Rivera, ai Mazzola ma con una leggera differenza: oggi il calcio e' piu' difficile rispetto a quello di allora, per non parlare della concorrenza straniera". E a proposito di stranieri, per il Trap la nazionale azzurra deve rimanere in mano italiane. "Siamo una nazione fra le prime 4 al mondo, lo dimostrano anche i nostri allenatori all'estero, e difficilmente importeremo un tecnico straniero", il pensiero dell'ex ct azzurro, che da' i voti ai candidati per il dopo-Prandelli: "Zaccheroni 8, e' un allenatore che ha girato l'Italia e ha ottenuto successi all'estero. Allegri 7,5 perche' deve ancora confermarsi a livello internazionale. Mancini 9, ha vinto anche in Inghilterra. Conte 8,5: e' bravo ma voglio vederlo dopo un'esperienza straniera".

Iscriviti alla newsletter
Tags:
trapattonict azzurro
in evidenza
Ferragni spettacolare a Parigi Calze a rete e niente slip

Le foto delle vip

Ferragni spettacolare a Parigi
Calze a rete e niente slip

i più visti
in vetrina
Briatore innocente, non frodò il fisco con lo yacht. "Fine di un calvario"

Briatore innocente, non frodò il fisco con lo yacht. "Fine di un calvario"


casa, immobiliare
motori
Renault svela gli interni della nuova Austral

Renault svela gli interni della nuova Austral


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.