A- A+
Sport
Valentino Rossi, rabbia contro Bradl: "Potevo chiudere secondo se lui...."

"Sono molto dispiaciuto perché anche qui come Austin avevo il potenziale per andare a podio". Il Dottore è amaro per il quarto posto argentino. A differenza della gara negli States dove aveva avuto problemi di gomme, questa volta è stato il contatto con Bradl che ha ha cancellato i suoi sogni di chiudere almeno alle spalle delle due Honda Hrc: "Non so Bradl dove volesse andare su quel sorpasso ai miei danni che mi ha fatto perdere tantissimo tempo. Credo che non volesse superarmi, ma ha semplicemente staccato troppo tardi. Il primo errore però l'ho fatto io, perché ero secondo e ho perso il treno dei primissimi". Vale sente che poteva anche chiudere al secondo posto: "Avrei potuto battere Lorenzo e anche Pedrosa. È però un buon punto di partenza in vista di Jerez. Le Honda adesso riescono a staccare più tardi rispetto a noi e questo è un gran vantaggio".

Marquez: "Ora pensiemo a Jerez" - "Il prossimo weekend arriva il Gp di Jerez e dalle prossime ore cominceremo a pensare già alla gara spagnola. Credo che lì sarà più difficile per me, perché Pedrosa su quel tracciato è molto forte e un anno fa ha vinto. L'obiettivo è trovare il giusto set-up e poter essere competitivi. Dopo Jerez ci sarà una pausa che la Yamaha proverà a sfruttare per migliorarsi. Noi, però, non staremo a vedere e cercheremo anche noi di progredire. La cosa importante finora è aver conquistato 75 punti nelle prime tre gare"

Lorenzo non è deluso: "E' un terzo posto dolcissimo" - Sono davvero felice, questo è probabilmente il più dolce terzo posto nella mia carriera in MotoGP, che arriva dopo due gare difficili. Abbiamo dimostrato che pur non essendo nella nostra forma migliore, possiamo lottare con le Honda e arrivare terzi e orgogliosi. Vogliamo migliorare, sia la mia condizione che quella della moto e quando arriverà il momento saremo in grado di lottare per la vittoria. Dobbiamo continuare a migliorare e avere pazienza ed aspettare il nostro momento.”

Marquez a punteggio pieno, dominio Honda. Padroni del MotoGp -  Non ce n'e' per nessuno: Marc Marquez e' il padrone della MotoGP. Nel ritorno del Motomondiale in Argentina dopo 15 anni, il campione del mondo in carica, si lascia intruppare al via per poi regalare una serie di sorpassi che non ammettono replica, compreso quello a Jorge Lorenzo che con una partenza a martello aveva provato a prendere il largo. Ma contro questo Marquez neanche il mallorchino della Yamaha puo' nulla. Anzi, contro queste Honda Hrc, visto che quando nei giri finali e' rinvenuto anche Dani Pedrosa, ha dovuto chiudere la manetta perche' il catalano era molto piu' veloce di lui. Dominio Honda, dunque, confermato con le Movistar Yamaha che si accodano con anche il quarto posto di Valentino Rossi che paga un errore nelle prime tornate quando e' scivolato indietro nel sorpasso subito da Bradl. Il tedesco del team LCR Honda alla fine sara' buon quinto davanti un ottimo Andrea Iannone, sesto dopo una gara da grande combattente con la sua Pramac Racing Ducati. Delusione, invece, per Andrea Dovizioso che non riesce a ripetersi sugli stesso livelli di Austin, classificandosi al nono posto.

La cronaca. Lorenzo parte benissimo, male Marquez, con Iannone secondo davanti a Pedrosa e Rossi, mentre dietro cade Bautista e Petrucci nel tentativo di evitarlo. Poco dopo fuori anche Aleix Espargaro. Inizia la rimonta di Marquez che si porta alle spalle di Lorenzo seguito da Iannone e Rossi. Valentino attaccato da Bradl va lungo e perde qualche posizione, ma rinviene nuovamente, supera Dovizioso e si porta alle spalle di Pedrosa, quinto.Marquez, intanto, si porta alle spalle di Lorenzo. All'ottavo giro Pedrosa e Bradl superano Iannone che ora e' quinto davanti a Rossi che poco dopo lo passa. A dodici giri dalla fine il "Dottore" passa anche Bradl per la quarta piazza. A nove giri dal termine Marquez comincia a farsi vedere da Lorenzo e alla prima occasione si porta al comando. Il campione del mondo in carica registra subito il giro piu' veloce della gara e prende il largo. A due giri dal termine e' bagarre anche per la seconda piazza con Pedrosa attaccato agli scarichi di Lorenzo. Alla curva 13 il catalano passa il mallorchino con un sorpasso all'interno e si invola verso il secondo gradino del podio, consegnando una bella doppietta alla Repsol Honda Hrc. Per Lorenzo il primo podio della stagione dopo due Gran premi da dimenticare. Valentino Rossi, quarto, paga il lungo al momento del sorpasso di Bradl che l'ha costretto alla rimonta. Peccato perche' il "Dottore" alla fine girava sugli stessi tempi dei primi tre. Stefan Bradl regala il quinto posto al team Honda di Lucio Cecchinello, mentre Andrea Iannone festeggia con un'impennata all'arrivo il suo ottimo sesto posto con la Ducati del Pramac Racing, davanti alle due Moster Yamaha Tech 3 di Bradley Smith e Pol Espargaro'. Andrea Dovizioso sperava di piu' dopo aver riportato sul podio la Ducati ad Austin. Oggi non e' andato oltre la nona piazza finale davanti alle due Drive M7 Aspar di Hiroshi Aoyama e Nicku Hayden.

Classifica generale. Marquez a punteggio pieno a quota 75, contro i 56 del compagno di team Pedrosa. terzo Valentino Rossi con 41, davanti a Dovisioso con 34e Iannone con 25. Jorge Lorenzo e' settimo con 22, due in meno di Bradl. Ora tutti a Jerez dove il 4 maggio Marc Marquez provera' a calare il poker davanti a proprio pubblico.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
valentino rossimotogpmarquezbradljorge lorenzopedrosaiannone
in evidenza
Confindustria, presentazione del 3° Rapporto sulle Reti d’Impresa

Scatti d'Affari

Confindustria, presentazione del 3° Rapporto sulle Reti d’Impresa

i più visti
in vetrina
Sanremo 2022, svelata la scenografia: tra passato e futuro. FOTO

Sanremo 2022, svelata la scenografia: tra passato e futuro. FOTO


casa, immobiliare
motori
Fiat Panda, regina incontrastata delle auto usate vendute online

Fiat Panda, regina incontrastata delle auto usate vendute online


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.