A- A+
Sport

Ritiri ed eliminazioni eccellenti. E nello spazio di poche ore Wimbledon perde Maria Sharapova e Roger Federer. L'eliminazione dello svizzero, campione uscente, a caccia dell'ottavo titolo e mai fuori da un torneo dello Slam prima dei quarti di finale dal Roland Garros 2004, ha ceduto clamorosamente all'ucraino Sergiy Stakhovsky, numero 116 delle classifiche Atp, che dopo essere andato sotto nella prima partita per 6-7 ha portato a casa un match tiratissimo: 7-6, 7-6, 7-5 l'esito dei tre parziali successivi. Al quinto match-point, invece, la portoghese Michelle Larcher De Brito elimina da Wimbledon la russa Maria Sharapova. La vincitrice dell'edizione 2004 ha faticato a tenere testa ai missili della lusitana numero 131 del mondo e alla fine ha ceduto per 6-3, 6-4. Ma la giornata ha visto cadere molte teste di serie, soprattutto a causa degli infortuni. E' il caso di Viktoria Azarenka, altra giocatrice tra le favorite alla vittoria finale del singolo femminile che, al contrario della rivale russa, non e' neppure scesa in campo.

Un bene per i colori azzurri visto che il forfait della tennista di Minsk ha fatto avanzare al terzo turno Flavia Pennetta. I dubbi sulla presenza della Azarenka, numero 2 del mondo e del tabellone, per la verita' erano consistenti gia' ieri alla vigilia del match e hanno trovato conferma gia' in mattinata quando e' arrivato il cosiddetto 'walkover' per la brindisina. Rimanendo ai nostri colori, molto entusiasmante e' stato anche il passaggio del turno dell'altra azzurra Karin Knapp: l'altoatesina era opposta alla ceca Lucie Safarova e dopo aver ceduto la prima partita per 6-4, ha portato a casa i due successivi set con lo stesso identico punteggio. Come detto, questa terza giornata di torneo va in archivio caratterizzata da una lunga serie di infortuni: il belga Steve Darcis, che al primo turno aveva estromesso Rafa Nadal, era atteso alla prova del nove contro il polacco Lukasz Kubot ma non e' sceso in campo per un problema ad una spalla. Darcis in conferenza stampa ha poi spiegato di essersi fatto male nel primo set del match con Nadal. "Non sono in grado di servire, ho l'articolazione piena di liquido, e' la cosa piu' deludente che mi sia mai capitata", ha dichiarato il belga.

federer modificato 11

Non ha giocato neppure il croato Marin Cilic che ha lasciato strada al francese Kenny De Schepper, per un fastidio ad un ginocchio. L'americano John Isner ha invece abbandonato dopo appena due giochi contro l'altro transalpino Adrian Mannarino, pure lui per un dolore ad ginocchio, mentre il ceo Radek Stepanek ha stretto la mano al polacco Jerzy Janowicz sotto 6-2, 5-3, anche se si era fatto male dopo una ventina di minuti. La maledizione del ginocchio non ha lasciato scampo nemmeno alla testa di serie numero 6 del torneo maschile: dopo aver vinto il primo set per 6-3, il francese Jo-Wilfired Tsonga ha dovuto cedere i successivi due con lo stesso score al lettone Ernest Gulbis prima di annunciare il ritiro. Non al meglio nel torneo femminile nemmeno Caroline Wozniacki che ha provato a chiedere l'intervento medico ma ha poi perso 6-2, 6-2 contro la ceca Petra Cetkovska. La danese e' stata vittima del campo due, quello che ha successivamente ha letteralmente messo in ginocchio per un paio di volte la gia' citata Sharapova. Tutto facile invece per il britannico Andy Murray: lo scozzese idolo di casa ha piegato in tre set il cinese di Taipei, Ywn-Hsun Lu, per 6-3, 6-3, 7-5.

 

Iscriviti alla newsletter
Tags:
wimbledoneliminazionifederertennis
in evidenza
Ferragni spettacolare a Parigi Calze a rete e niente slip

Le foto delle vip

Ferragni spettacolare a Parigi
Calze a rete e niente slip

i più visti
in vetrina
Briatore innocente, non frodò il fisco con lo yacht. "Fine di un calvario"

Briatore innocente, non frodò il fisco con lo yacht. "Fine di un calvario"


casa, immobiliare
motori
Renault svela gli interni della nuova Austral

Renault svela gli interni della nuova Austral


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.