A- A+
Viaggi
Bit2015 punta su lusso e sport: qui il turismo non sente la crisi

Cambia look e diventa modernissima, mettendosi al passo con i tempi, la Bit - Borsa Internazionale del Turismo, presentata oggi a Milano. La tradizionale fiera del turismo, arrivata alla 35 esima edizione, combatte la crisi, puntando anche sui settori lusso, sport, Mice e sul digitale. Al tradizionale Leisure, Bit2015, che si terra' a fieramilano a Rho da giovedi' 12 a sabato 14 febbraio, affianchera' un'area dedicata al Mice, uno spazio d'elite per il segmento Luxury, che si amplia con l'arrivo di nuovi operatori da Lombardia e Toscana, e Digital World, area dedicata all'innovazione supportata dalle tecnologie. Nel dettaglio, l'area Leisure ospitera' uno spazio riservato alla cultura e l'enogastronomia italiana.

I riflettori dei mercati sono puntati in particolare sul lusso, segmento che, com'e' noto, risente meno di altri della congiuntura economica: la crescita a doppia cifra, rileva l'Osservatorio Bit, riguarda soprattutto i mercati emergenti, in particolare Cina, India, Russia e Brasile, per i quali il nostro Paese si colloca tra le prime preferenze. Inoltre, se il turista medio oggi si concede 1-2 viaggi all'anno, questo numero sale a 4 per il cliente di lusso e, per alcuni mercati, risulta di gran lunga maggiore, aggiungendo gli short break: risponde cosi' l'89% degli intervistati per la Germania, il 49% per l'Italia e il 40% per la Francia. Tutto nuovo anche Destination Sport, spazio realizzato in collaborazione con Decathlon e dedicato al pubblico dei viaggiatori: aperto solo il sabato: ospitera' i piccoli operatori che offrono pacchetti sportivi relativi alle diverse discipline e rivolti al target, in crescita, dei viaggiatori sportivi. Comincia a definirsi anche Digital World, con una parte espositiva che affianchera' player primari e start-up, completata dal ricco palinsesto della Digital Arena, alcuni dei quali organizzati in collaborazione con Amadeus, che approfondira' i temi piu' hot del momento, dalla mobile fino alla customer journey e le contaminazioni tra canali on e offline nelle esperienze di acquisto di prodotti turistici. A salutare il nuovo corso "sono attese oltre 2.000 aziende, che incontreranno piu' di 1.500 buyer italiani e internazionali" ha spiegato l'ad Fiera Milano Ernesto Pazzali.

Le regioni italiane, al momento, dovrebbero essere tutte presenti. Cristina Tasselli, direttore Bit2015 non si sbilancia oltre. I nomi e i numeri saranno forniti piu' avanti. Tra le molte realta' che hanno gia' confermato la loro presenza, oltre a Consorzi, Convention Bureau, Tour Operator e grandi Hotel, gli Enti del Turismo di Paesi quali Autorita' Palestinese, Cina, Cipro, Corea, Croazia, Giappone, India, Israele, Malesia, Nuova Caledonia, Polonia, Repubblica Dominicana, Thailandia, Tunisia. "Il nostro Paese puo' tornare a crescere soltanto puntando sulle eccellenze, dal food al fashion al design - commenta Enrico Pazzali, Amministratore Delegato di Fiera Milano Spa - Ma la nostra vera eccellenza e' l'Italia stessa, un patrimonio unico di bellezza plasmata da natura, storia e arte che non si puo' delocalizzare. Per questo Bit, la piu' importante manifestazione italiana del turismo, e' centrale nella strategia di internazionalizzazione del Gruppo, e ancor piu' nell'anno di Expo. Lo testimonia il rilevante investimento nel nuovo concept, unico nel settore, ancora piu' orientato allo sviluppo di nuove opportunita' di business, e nell'ampliamento del numero dei buyer".

Bit2015, infatti, amplia il rinnovato programma hosted buyer a ben 1.500 partecipanti (+50% sul 2014) da oltre 70 Paesi tra i quali, per la prima volta, 250 buyer italiani che potranno acquistare l'offerta estera. In particolare, i dieci Paesi piu' rappresentati, Italia esclusa, si caratterizzano per l'equilibrato mix di tradizionali mercati forti ed economie emergenti: USA, Germania, Russia, UK, India, Brasile, Cina, Francia, Austria e Paesi Bassi. Effettuata direttamente dal Buyer Office dedicato di Bit, la ricerca avviene gia' seguendo i segmenti della manifestazione - Leisure, MICE e Luxury - e con un elevatissimo turn-over rispetto a Bit2014. Il Congresso Annuale del Turismo sara' moderato da Gianni Riotta, editorialista de La Stampa, e per il panel internazionale da William Ridgers, editorialista e responsabile pagine turismo di The Economist. Durante la conferenza sara' presentata la nuova ricerca di Think with Bit, il think-tank di Bit, dedicata questa volta a Viaggio nel lusso Made in Italy e curata da Emilio Becheri e Ilaria Nuccio di Mercury- Turistica. In dirittura d'arrivo anche il talk show che coinvolgera' Tour Operator e Network, a cura di Roberto Gentile, esperto di retail nel turismo, autore di due volumi sul tema e gia' socio e Amministratore Delegato di Frigerio Viaggi. Per maggiori informazioni: www.bit.fieramilano.it. (AGI) Cre

Tags:
bitturismoviaggi
in evidenza
Giulia Pelagatti... a tutto sport Talisa Ravagnani, ex star di Amici

Striscia la Notizia, sexy veline

Giulia Pelagatti... a tutto sport
Talisa Ravagnani, ex star di Amici

i più visti
in vetrina
SPID, tutto ciò che c'è da sapere sull'utile e innovativo sistema informatico

SPID, tutto ciò che c'è da sapere sull'utile e innovativo sistema informatico


casa, immobiliare
motori
Inaugurate Casa 500 e La Pista 500, il manifesto “green” di FIAT

Inaugurate Casa 500 e La Pista 500, il manifesto “green” di FIAT


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.