A- A+
Viaggi

Di Franca D. Scotti


Da quando l'aggettivo "slow" ha assunto un valore positivo, alcune regioni turistiche sono balzate in primo piano. Così la Frisia, una delle 12 province dei Paesi Bassi, quella regione che si estende nel nord ovest olandese, affacciata sul mare del Nord, è diventata una splendida e insolita meta turistica. Foreste, ma anche pittoresche città storiche, laghi e 3000 chilometri di canali navigabili, lunghissime piste ciclabili, mulini a vento, tulipani e prati verdi su cui pascolano placidamente mucche pezzate e morbide pecore lanose. Il tempo non si è fermato, ma l'atmosfera di altri tempi é stata preservata per gli abitanti del posto e per i turisti.

La Frisia olandese é una terra accogliente e rilassante, piena di opportunità, soprattutto per chi ama il turismo all'aria aperta. Gli sport qui sono un'attività quotidiana: bici, trekking, canoa, barca a vela, wind surf. Ma non mancano le emozioni forti, come il "wadlopen" o camminata nel terreno scivoloso, mezzo acqua e mezzo terra, che, durante la bassa marea, scopre un panorama davvero unico. Si svolge nel Waddenzee, Mar Frisone Occidentale, un'area di importanza naturalistica senza eguali al mondo, un mondo a sé, governato dall'acqua, dalla sabbia e dalle maree, ricco di almeno 10.000 diverse specie animali e vegetali, per cui è entrato a far parte del Patrimonio Mondiale dell'UNESCO nel 2009. Due volte al giorno, ogni sei ore, la corrente delle maree porta l'acqua del Mare del Nord, ricca di sedimenti e plancton, mentre crescono le alghe, base della ricca catena alimentare che rifornisce gli abitanti di queste terre, pesci, uccelli e foche. 

Conoscere bene l'ambiente é fondamentale per godere in tranquillità la passeggiata fino alle isole frisone che si stendono come un cordone davanti al Waddenzee, affacciate sul Mare del Nord. Con stivaloni da pescatore e pantaloncini, in fila indiana, attenti a dove mettere i piedi, si procede nel terreno fangoso, con l'aiuto di guide esperte, che conoscono esattamente l'andamento delle maree. Per i turisti abituati al paesaggio mediterraneo, l'esperienza è  davvero unica e indimenticabile. Con  la bassa marea si possono percorrere a piedi i chilometri che separano da Ameland, conosciuta come il "Diamante delle Isole Frisone Occidentali", o da Texel, l'isola più grande, o da Schiermonnikoog, che è anche Parco Nazionale. Poi si torna indietro in barca, mentre la marea si è già alzata e impedirebbe il ritorno a piedi.

Nella stessa zona, a Pieterburen, merita una visita l'ospedale/asilo delle foche, che si vedono, tenere e goffe, nelle loro vasche. La montagna di reti da pesca colorate è un monumento simbolico alla protezione dell'ambiente e degli animali: ogni rete ha imbrigliato in acqua le foche, che sono state pazientemente liberate, risanate e rimesse in libertà.

Nel sud della Frisia, invece, tra laghi, porticcioli e canali navigabili, il panorama cambia completamente. Alberi e vele al vento, scafi snelli e battelli panciuti, motoscafi e  barconi da pesca delle aringhe si affollano per uscire dal porto, attraversare i canali e arrivare ai laghi più estesi. L'escursione combina cittadine storiche, acqua, canneti e prati verdi. In un pomeriggio si passa dal porto di Heeg ai laghi Sleattemer ed Hegermeer, dove mille windsurfisti sfrecciano velocissimi, trascinati dal vento potente che qui soffia a 80 chilometri l'ora, fino alla romantica Sloten, una delle undici città storiche della Frisia.

La più piccola città fortificata del mondo, nata nell'undicesimo secolo, divenuta città nel 1426, deve la sua origine e la sua fortuna alla posizione favorevole sulle vie commerciali di terra e di acqua, quando i mari olandesi erano ben più estesi, prima della costruzione delle dighe.

La passeggiata in città conduce lungo un canale sognante sotto il sole dove si affacciano case rosse, facciate a volute, insegne storiche, vetrine pittoresche e si conclude con il grande mulino e  una chiusa con le porte di legno. Aldilà prati con oche e papere che si tuffano felicemente in acqua, come i salici piangenti.

Anche le altre città storiche della Frisia, come Dokkum e Sneek offrono un ambiente pittoresco, torrioncini che si specchiano nei canali, mulini e alte facciate rosse a gradoni di ricche case/magazzini del '600. Si comprende qui un ritmo di vita diverso, rilassante e a misura d'uomo, il piacere di sostare su una panchina a contemplare il paesaggio, una passeggiata lenta lungo i bastioni per scrutare l'orizzonte, una birra bevuta in compagnia, seduti tra aiuole fiorite. 

Da non perdere infine la fabbrica degli zoccoli Scherjon, che lavora da quattro generazioni, unica in tutta la Frisia. La macchina per realizzarli risale al 1840, mentre prima gli zoccoli erano fatti a mano, ricavati dal legno di pioppo o di salice. Sul legno nudo si stende la vernice lucida, su cui poi vengono impressi con timbri a forma di foglia i decori tradizionali. Zoccoli di ogni tipo, compresi stivali di pelle, cavallino, gomma, con plantare in legno e suole in gomma, perfetti per affrontare la pioggia e i terreni zuppi d'acqua. Dopo le escursioni, niente di meglio di un Menu Frisone: tre portate, antipasto o zuppa, un secondo di carne o pesce o vegetariano e un dolce a soli 19,50 Euro.

Per raggiungere la Frisia, ottimo il volo Ryanair da Milano a Groningen. Qui, perfetto  per sostare una notte e visitare questa deliziosa cittadina, l'hotel NH Groningen, a pochi minuti dal centro storico della città.

www.nh-hotels.com
www.vivalafrisia.it
www.frieslandtravel.com

Tags:
olandafrisia
in evidenza
Paola Ferrari in gol, sulla barca "Niente filtri". Che bomba, foto

Sport

Paola Ferrari in gol, sulla barca
"Niente filtri". Che bomba, foto

i più visti
in vetrina
SPID, tutto ciò che c'è da sapere sull'utile e innovativo sistema informatico

SPID, tutto ciò che c'è da sapere sull'utile e innovativo sistema informatico


casa, immobiliare
motori
Jeep, RAM e FIAT insieme a (RED) per combattere AIDS e COVID-19

Jeep, RAM e FIAT insieme a (RED) per combattere AIDS e COVID-19


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.