A- A+
Viaggi
"In Thailandia turiste in bikini a rischio". Poi il premier si scusa

E' stato costretto a scusarsi il premier thailandese, il generale-premier Prayut Chan-Ocha, dopo aver affermato che non si puo' garantire la sicurezza delle turiste "se girano in bikini". Parole ancor piu' inopportune in quanto volte a minimizzare l'uccisione a colpi di zappa di una coppia di turisti inglesi di 23 e 24 anni, i cui corpi nudi sono stati trovati lunedi' su una spiaggia di Ko Tao, nel sud.

Dopo la protesta dell'ambasciata britannica, il premier si e' "scusato per quanti possono essersi sentiti feriti" dalle sue affermazioni. "Volevo solo avvertire i turisti che abbiamo tradizioni diverse e che devono prestarvi attenzione", ha aggiunto. L'ambasciata britannica a Bangkok aveva contattato il ministero degli Esteri thailandese per esprimere "preoccupazione" e richiedere "chiarimenti" per queste sorprendenti dichiarazioni.

Prayut aveva affermato che "ci sono sempre dei problemi con la sicurezza dei turisti" e questi "non possono pensare di fare quello che vogliono andando in giro in bikini". Le turiste "possono essere al sicuro in bikini a meno che non siano belle?", si era chiesto il premier, con quello che rischiava di diventare un autogol per il settore turistico del Paese asiatico, gia' danneggiato proprio dall'instabilita' politica e dal golpe militare di maggio.

 

 

Tags:
thailandiaturistebikini
in evidenza
Giulia Pelagatti... a tutto sport Talisa Ravagnani, ex star di Amici

Striscia la Notizia, sexy veline

Giulia Pelagatti... a tutto sport
Talisa Ravagnani, ex star di Amici

i più visti
in vetrina
SPID, tutto ciò che c'è da sapere sull'utile e innovativo sistema informatico

SPID, tutto ciò che c'è da sapere sull'utile e innovativo sistema informatico


casa, immobiliare
motori
Inaugurate Casa 500 e La Pista 500, il manifesto “green” di FIAT

Inaugurate Casa 500 e La Pista 500, il manifesto “green” di FIAT


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.