A- A+
Affari Europei
Balcani, sfida indiretta Conte Macron. ROma vuole l'allargamento, Parigi no

CONTE, 'ITALIA PRO ALLARGAMENTO A BALCANI, RINVIARE E' MIOPE'

"Il Consiglio europeo affronterà inoltre il tema dell'Allargamento, sulla base delle conclusioni raggiunte al riguardo, ieri 15 , dal Consiglio Affari Generali. L'Italia continua a sostenere le 'Conclusioni' favorevoli all'avvio dei negoziati di adesione per Albania e Macedonia del Nord. Rimaniamo inoltre contrari ad una decisione di 'decoupling' riguardo ai due Paesi, perché essa invierebbe un segnale negativo all'intera regione". Lo ha detto il premier Giuseppe Conte nel suo intervento al Senato in vista del prossimo vertice europeo. "La mia visita ieri a Tirana -ha spiegato- è stata caratterizzata proprio dalla riaffermazione del pieno e convinto sostegno italiano ad una decisione positiva affinché il percorso europeo di Tirana e di Skopje prosegua, con approccio responsabilmente riformatore della leadership di quei Paesi. Sarebbe miope, da parte europea -ha avvertito Conte- decidere un ulteriore rinvio, dopo quello del Consiglio europeo di giugno scorso, riguardo ad una tappa che comunque - come detto - non attenua di certo i doveri dei due Paesi balcanici nei confronti dell'Unione europea". "Si tratta, in sostanza -ha sottolineato il premier- di comprendere che una bocciatura senza dare neppure l'occasione di svolgere i 'compiti a casa' allontanerebbe quei Paesi dall'orizzonte europeo. Non c'è da augurarselo, tanto più considerando che l'allargamento è un processo che consente agli Stati Membri controlli ben più efficaci - una volta avviati i negoziati di adesione - rispetto ad un'esclusione che inviterebbe Tirana e Skopje a dinamiche di instabilità politica, con conseguenze anche sul piano regionale".

BALCANI, LA FRANCIA FRENA SULL'ARGAMENTO DELL'UE

Ma a dire di no ci sarebbe proprio quell'Emmanuel Macron che recentemente ha visitato Conte a Roma. La Francia e l'Olanda non intendono togliere il veto sull'avvio dei negoziati di adesione all'Ue per la Macedonia del Nord e l'Albania, secondo le indicazioni alla vigilia della discussione tra i capi di Stato e di governo Ue sull'allargamento e le prospettive europee per i due Paesi balcanici. A causa della complessità delle diverse posizioni, i leader Ue riusciranno difficilmente a sciogliere il nodo, dopo che i ministri riuniti al Consiglio affari generali ieri non sono riusciti a trovare l'unanimità. La Francia si oppone all'avvio dei negoziati per entrambi i Paesi e chiede una riforma del processo di allargamento Ue. L'Olanda è invece contraria all'avvio dei colloqui con l'Albania, ritenendo che Tirana non abbia raggiunto gli standard comunitari, in particolare nel settore della giustizia. 

Commenti
    Tags:
    balcanicontemacronitaliafranciakosovoalbania
    Loading...
    i più visti
    

    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Nissan lancia X-Trail Salomon in esclusiva per il mercato italiano

    Nissan lancia X-Trail Salomon in esclusiva per il mercato italiano


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.