A- A+
Affari Europei
Gentiloni salvato da Berlusconi. Il Ppe convinto a dare il via libera
Foto: LaPresse

Consenso ampio e via libera alla nomina a commissario all'Economia della squadra von der Leyen. Paolo Gentiloni supera l'esame del Parlamento e ottiene l'investitura piena per sostituire Pierre Moscovici sulla poltrona di 'guardiano dei conti' degli Stati membri della Ue. Al termine di una seduta senza scosse, e senza le 'imboscate' dei rigoristi nordici che qualcuno temeva alla vigilia, l'ex presidente del Consiglio incassa dalla commissione Econ il biglietto per palazzo Berlaymont con un margine netto, che lascia fuori solo i sovranisti di Identita' e Democrazia, il gruppo della Lega, e la sinistra radicale della Gue. 

IL PPE CONTRO GENTILONI, POI LA RETROMARCIA

Ma a dire la verità il Ppe aveva annunciato tempesta. La retromarcia del Ppe è evidente se si confrontano la bordata sparata su Twitter nel primo pomeriggio dal coordinatore del Ppe, il tedesco Markus Ferber, e le dichiarazioni dello stesso Ferber nel comunicato finale del Ppe. "Per due ore - aveva scritto Ferber su Twitter - Paolo Gentiloni non ha risposto a nessuna domanda. E' un vero politico, ma questo non è abbastanza per diventare commissario". Da notare che il coordinatore del Ppe aveva posto la prima domanda al commissario designato, sulla riforma del Patto di Stabilità Ue. Gentiloni aveva dato delle risposte sulla necessità di spingere la crescita, e di concedere flessibilità agli investimenti "verdi" e per la coesione, che non devono essere piaciute granché all'eurodeputato tedesco.

IL PPE VOTA A FAVORE DI GENTILONI

Ma alla fine un comunicato stampa sull'audizione di Gentiloni annunciava che "il gruppo del Ppe approverà condizionatamente la sua nomina a commissario". E riportava una dichiarazione dello stesso Markus Ferber, che riprendeva solo una parte del precedente tweet, correggendolo sostanzialmente: "È chiaro che Paolo Gentiloni è un politico esperto. Anche se ci dispiace per la vaghezza delle sue risposte, possiamo approvarlo, tutto considerato". Il comunicato continua poi sottolineando che "nel corso dell'audizione, il gruppo Ppe ha insistito sull'importanza di rafforzare il Patto di Stabilità e Crescita e di farlo rispettare indiscriminatamente".

DECISIVO IL RUOLO DI SILVIO BERLUSCONI?

A risultare decisivo potrebbe alla fine essere stato nientemeno che Silvio Berlusconi. "Naturalmente noi sosteniamo Gentiloni come italiano, che può essere nella Commissione anche riguardoso di tutti i problemi dell'Europa, ma avendo come primo input la difesa degli interessi dell'Italia", ha dichiarato il leader di Forza Italia che ha così dimenticato l'opposta militanza politica del commissario proveniente dal Pd.

Commenti
    Tags:
    gentiloniberlusconippe
    Loading...
    in evidenza
    Clicca qui e manda il tuo meme a mandalatuafoto@affaritaliani.it
    Una birra in camera, una in... Ecco il nuovo "giro dei locali"

    Coronavirus vissuto con ironia

    Una birra in camera, una in...
    Ecco il nuovo "giro dei locali"

    i più visti
    in vetrina
    Grande Fratello Vip 2020 VINCITORE: IL NOME E' CALDISSIMO... Gf Vip 4 news

    Grande Fratello Vip 2020 VINCITORE: IL NOME E' CALDISSIMO... Gf Vip 4 news


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Nissan dice no al tablet sul cruscotto e punta sull’onda

    Nissan dice no al tablet sul cruscotto e punta sull’onda


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.