I blog riportano opinioni degli autori e non necessariamente notizie, in ossequio al pluralismo che caratterizza la nostra Testata.
A- A+
L'avvocato del cuore
"Mio marito è morto ma eravamo separati, ho diritti sul suo patrimonio?"

Caro Avvocato, mi chiamo Marta e sono separata da mio marito da ormai due anni perché lui mi ha tradita. Qualche settimana fa, a causa di una brutta malattia che lo ha colpito, è deceduto. Quali sono i miei diritti? Anche se eravamo separati, posso avanzare pretese sul suo patrimonio?

La separazione tra coniugi può essere consensuale, in caso di accordo, oppure giudiziale, cioè a seguito della causa davanti al giudice. La separazione giudiziale può essere: senza addebito o con addebito. Si parla di separazione “con addebito” quando uno dei coniugi è stato ritenuto dal giudice responsabile per la fine del matrimonio. Quindi, il coniuge ha tenuto un comportamento contrario ai doveri che derivano dal matrimonio e tale comportamento ha provocato l’intollerabilità della convivenza per l’altro coniuge che ha richiesto l’addebito. Comunque sia, anche se separati legalmente, moglie e marito continuano a essere considerati “coniugi”, perché tra loro rimane il vincolo coniugale, quindi reciprocamente eredi.

La posizione del coniuge separato, tuttavia, cambia a seconda che quest’ultimo sia stato ritenuto dal giudice, colpevole (oppure no) per la fine del matrimonio. Ossia, detto in termini più tecnici, se gli è stata o non gli è stata addebitata la separazione. Se vi è stata separazione senza addebito, il coniuge e il coniuge separato sono praticamente equiparati. Quantomeno sino al divorzio.

Il coniuge separato “non colpevole”, infatti, succede all’altro deceduto, come se i due fossero ancora sposati. Avrà quindi diritto: a) all’intera eredità se non concorre con altri successibili; b) alla metà dell’eredità se alla successione concorre con un solo figlio; c) a un terzo dell’eredità se concorre alla successione con più figli; d) ai due terzi dell’eredità se concorre con gli ascendenti o con fratelli e sorelle del coniuge defunto.

In poche parole, il coniuge al quale non è stata addebitata la separazione con sentenza passata in giudicato, gode degli stessi diritti successori del coniuge non separato. Diversamente, se la separazione è stata addebitata con sentenza passata in giudicato, il coniuge “colpevole” perde i diritti successori e potrà avere diritto al solo (eventuale) assegno vitalizio a carico dell’eredità. A condizione, però, che al momento dell'apertura della successione, già godesse di un assegno alimentare.

E in caso di divorzio? Il divorzio fa perdere al coniuge superstite la possibilità di succedere. Solamente a seguito del divorzio, gli ex coniugi perdono tutti i diritti successori e il patrimonio del de cuius viene devoluto integralmente a favore degli altri eredi. Tuttavia, se il coniuge divorziato superstite versa in stato di bisogno (quindi non ha le risorse economiche per soddisfare le essenziali e primarie esigenze di vita) ed era titolare di un assegno divorzile, il Giudice potrà disporre un assegno periodico in suo favore a carico dell'eredità.

In caso di accordo fra l’avente diritto e i soggetti obbligati, poi, la corresponsione dell’assegno può anche avvenire in un’unica soluzione.

* Studio Legale Bernardini de Pace

Commenti
    Tags:
    avvocato del cuoreavvocato del cuore blogl'avvocato del cuorel'avvocato del cuore blogseparazionemorte ex maritopatrimonio
    in evidenza
    Giorgia Rossi-Dazn, colpo di scena Arriva la "nuova" Diletta Leotta

    Colpo di tele-mercato

    Giorgia Rossi-Dazn, colpo di scena
    Arriva la "nuova" Diletta Leotta

    i più visti
    in vetrina
    Come conciliare il risparmio con il rispetto dell'ambiente

    Come conciliare il risparmio con il rispetto dell'ambiente


    casa, immobiliare
    motori
    MÓ eScooter 125, il primo scooter completamente elettrico di Seat

    MÓ eScooter 125, il primo scooter completamente elettrico di Seat


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.