I blog riportano opinioni degli autori e non necessariamente notizie, in ossequio al pluralismo che caratterizza la nostra Testata.
A- A+
Lo sguardo libero
Alle elezioni Europee si voti con pragmatismo
Il nuovo Parlamento europeo sarà composto da 720 rappresentanti di cui 76 italiani.

L’Unione europea è un fatto concreto, né ideologico, né spirituale, che riguarda gli interessi di ciascun cittadino

È ovvio. Il giusto non sta da una sola parte. Tutti i partiti italiani che si candidano ad esprimere i 76 rappresentanti nazionali dei 720 totali del prossimo Parlamento europeo alle elezioni di sabato e domenica (voteranno 359 milioni di europei, di cui 23 milioni giovani per la prima volta) possono avere punti del programma condivisibili e altri meno.

 La stella polare che deve guidare la scelta si può riassumere in una parola: pragmatismo. In questo senso la frase metaforica del capo dello Stato Sergio Mattarella (“Con il voto consacreremo la sovranità dell’Unione”) può essere parsa a qualcuno fuorviante: l’Unione europea è un fatto concreto - etimologicamente “sacro” è tutto ciò che appartiene a un ambito fuori o parzialmente accessibile all’umano -.

 L’Unione europea, l’Europa dei 27 Stati membri (l’”Europa”) è una cosa concreta. E’ l’Erasmus che ha fatto diventare i giovani fratelli europei, il Green deal che mira a fare dell’Europa entro il 2050 l’area a emissioni zero più competitiva e innovativa (tramite le infrastrutture digitali) del pianeta, l’area dei diritti (che dire delle parole del generale Roberto Vannacci, candidato della Lega, sugli omosessuali o il colore della pelle degli italiani?), della tutela degli scambi commerciali e della produzione industriale contro i colossi USA e Cina, della difesa dei risparmio e del mercato dei capitali, dell’appoggio all’’Ucraina (in modo così netto non ad Israele purtroppo).

Certamente ci sono anche le norme sulla lunghezza della (famosa) zucchina e su scelte ideologiche – appunto non pragmatiche – in tema di ambiente; il rischio di annullare le culture nazionali o dei cedimenti culturali nei confronti dell’Islam: non ci si dimentichi delle radici giudaico-cristiane dell’Europa. Da che mondo è mondo, le guerre si fanno per piantare la bandiera su due scogli perché uno Stato, un’organizzazione politica, più è grande - e più è popolosa - meglio è. Ben venga quindi a tempo debito l’ingresso dell’Ucraina e della Georgia nell’Unione.

Anche il voto deve essere pragmatico. Se si vuole fare l’interesse dell’Italia, si votino i partiti che possono entrare nella stanza dei bottoni: se è vero che il sistema elettorale è proporzionale (con soglia di sbarramento al 4%), i regolamenti del Parlamento sono molto dirimenti. È bene quindi ricordare i gruppi attivi a Strasburgo e a Bruxelles. Nella legislatura uscente i gruppi politici europei erano sette: il più numeroso era il gruppo del Partito Popolare Europeo (PPE -  di cui fa parte Forza Italia), seguito dal gruppo dei Socialisti e Democratici (S&D, di cui fa parte il Pd), dai liberali di Renew Europe – di cui fanno parte Azione e Italia Viva), dai Verdi e dell’Alleanza Libera Europea (Verdi-ALE – di cui fanno parte Alleanza Verdi e Sinistra), dai Conservatori e Riformisti europei (ECR - di cui fa parte Fratelli d’Italia), da Identità e Democrazia (ID – di cui fa parte la Lega), dal gruppo della Sinistra. Attualmente il M5S risulta tra i “non iscritti”.

Dal 1979, anno delle prime elezioni Europee, i due gruppi con più seggi nel Parlamento di Strasburgo sono stati popolari e socialisti, che hanno sempre ottenuto la maggioranza assoluta dei seggi, a eccezione delle ultime elezioni del 2019. La maggioranza uscente, che esprimeva la Commissione presieduta dalla commissaria Ursula von der Leyen, era sostenuta, oltre che dai popolari e socialdemocratici, dai liberali.

 






in evidenza
Bianca Censori regina alla Fashion Week. Le foto

Lady Kanye West sfila a Parigi

Bianca Censori regina alla Fashion Week. Le foto


in vetrina
Affari in rete... a Euro 2024 (e non solo)

Affari in rete... a Euro 2024 (e non solo)


motori
24 ore di Le mans, Porsche dona 911.000 euro con "Racing for Charity"

24 ore di Le mans, Porsche dona 911.000 euro con "Racing for Charity"

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.