A- A+
Lo sguardo libero
Caso Olimpiadi 2026, il neo-statalismo 5Stelle “non vede” la liberale Milano

Stato liberale cercasi. Il sottosegretario al Governo, il leghista Giancarlo Giorgetti, dice al Senato che la proposta Torino-Milano-Cortina quali sedi delle Olimpiadi invernali del 2016 “non ha il sostegno del Governo ed è morta qui”.

Mancava armonia. Con Torino, guidata dalla sindaca 5Stelle Chiara Appendino, preoccupata della certezza delle risorse e della parità di rango con Milano; Cortina d’Ampezzo entrata nella candidatura all’ultimo (il che non parrebbe di per sé negativo) per volontà del governatore del Veneto Luca Zaia e Milano col sindaco Pd Giuseppe Sala, che soprattutto voleva che il brand Milano capeggiasse, precedesse le altre città nelle attività di comunicazione e marketing. Fondamentale la stroncatura di Simone Valente, sottosegretario 5Stelle ai Rapporti col Parlamento e responsabile dello Sport dei pentastellati: “Richieste di Sala insostenibili… Non in linea…”.

Le ragioni del sindaco Sala sembrano essere inoppugnabili dal punto di vista del business e del pensiero liberale. I grandi eventi trascinano il brand. Milano, che ancora vive gli effetti positivi a tre anni da Expo, prevedeva un giro d’affari di 2 miliardi, 40mila posti di lavoro, un nuovo palazzetto dello sport, il villaggio olimpico in un ex scalo ferroviario.

L’area metropolitana di Milano è una delle più ricche del mondo. Secondo lo studio “Global cities of the future” di McKinsey & Company, produce ogni anno 200 miliardi di dollari. Una crescita destinata a salire, con il resto dell’Italia lontana anni luce e con la distanza che aumenterà nella nuova economia globalizzata. Senza soldi pubblici, senza pubblica amministrazione. Anche se la verità può far male e suscita invidia: puro merito. Ed è già tanto Milano non corresse da sola (come noto, quando si fanno insieme le cose, per i furbi l’assunzione di responsabilità meglio sia nel torbido: così poi i meriti sono di tutti, i demeriti degli altri, anzi del più bravo).

Rimane il piano B: Milano-Cortina, con i veneti (a loro modo pragmatici) che sapranno riconoscere l’oggettiva superiorità nel mondo del brand Milano rispetto a quello Cortina d’Ampezzo. Resta tale infelice vicenda, che sembra riflettere quel lato statalista dei 5Stelle: tutti uguali (traduzione: tutti mediocri) e soldi (reddito di cittadinanza) a chi non lavora.

Commenti
    Tags:
    olimpiadi 2016giancarlo giorgettigiuseppe sala
    Loading...
    in evidenza
    Clicca qui e manda il tuo meme a mandalatuafoto@affaritaliani.it
    Soldi, riforme e opere Conte promette di tutto

    Coronavirus vissuto con ironia

    Soldi, riforme e opere
    Conte promette di tutto

    i più visti
    in vetrina
    Nina Moric mostra il lato B: foto in intimo bellissima

    Nina Moric mostra il lato B: foto in intimo bellissima


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Skoda non solo auto, in gamma 17 biciclette da quelle per bambini alle e-bike

    Skoda non solo auto, in gamma 17 biciclette da quelle per bambini alle e-bike


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.