I blog riportano opinioni degli autori e non necessariamente notizie, in ossequio al pluralismo che caratterizza la nostra Testata.
A- A+
Lo sguardo libero
Il Governo nega 145 milioni di euro a Milano, ma ne dà 1,3 miliardi a Napoli

Senza merito non ci sono progresso, uguaglianza e solidarietà

Da un lato, Giuseppe Sala, il sindaco di Milano – capitale economico-finanziaria e città più ricca d’Italia, senza dubbio per merito e volontà (tutta farina del proprio  sacco, non soldi elargiti dall’alto, ossia dalle tasse pagate dai contribuenti); l’unica italiana dove da tutto il mondo le multinazionali vengono spontaneamente ad aprire uffici e i migliori giovani del Sud a lavorare –… ebbene Sala si lamenta con Roma (“Non ho fiducia in un Governo che non ascolta la città”) perché non può utilizzare da subito l’avanzo di bilancio dello scorso anno, circa 145 milioni, per evitare di tagliare i servizi ai cittadini.

Dall’altro lato, a fine marzo - notizia passata sotto silenzio dai media - è stato siglato dal presidente del Consiglio Mario Draghi e dal sindaco Gaetano Manfredi il “Patto per Napoli”, un accordo tra il Governo e il Comune partenopeo, secondo cui lo Stato verserà nelle casse di Palazzo San Giacomo circa 1 miliardo e 300 milioni spalmati in 20 anni. Ultimo caso di città, in particolare del Centro-Sud, da Roma a Catania, salvate dallo Stato, quindi dai contribuenti italiani. Per giunta, che cosa si è ricevuto in cambio? Alla luce del confronto con Berlino, Londra e Parigi, si accolga, per intenderci, una definizione di Roma, in voga nei frizzi e lazzi a base di alcol nei locali milanesi: “Roma… la capitale del terzo mondo”.

Un unico aggettivo viene in mente: semplicemente… ingiusto. È vero, in ciò che chiede Sala ci sono dei tecnicismi che congelano l’avanzo di bilancio e il sindaco del capoluogo lombardo si recherà presto a Roma a parlare col ministro del MEF Daniele Franco. È pure esatto, il salvataggio di Napoli è inquadrato nella prospettava di colmare il ritardo di alcune aree e città del Paese divenuto intollerabile. Tuttavia, il primo principio della democrazia è il merito (ossia per sineddoche l’individuo), presupposto senza il quale non ci sono uguaglianza (delle opportunità) e solidarietà. Senza merito non c’è progresso, coloro che dicono il contrario sono reazionari e conservatori.

In tale visione italiana, pesa in senso negativo la cultura cattolica per cui c’è sempre qualcuno che pensa a te, qualcuno che ti aiuta dall’alto… appunto lo Stato. Servirebbe invece quella concezione, per così dire capitalistico-ebraica, tipica degli Usa, in cui il successo è un valore morale, ben visto dal Creatore (per usare la terminologia appunto ebraica), che è indifferente alla pigrizia, alla mediocrità e all’inettitudine. Esprime una consapevolezza democratica della Repubblica italiana il fatto che la provincia di Napoli ha più persone che accedono al reddito di cittadinanza di Lombardia, Piemonte, Veneto, Trentino e Valle d’Aosta insieme?

Il federalismo – che include il federalismo fiscale pur nel contesto dell’unità e del principio di solidarietà nazionali e che è più difficile, complesso e “faticoso” da gestire rispetto a un approccio centralistico, ma ciò che è prezioso si ottiene con fatica - è uno dei punti essenziali del pensiero liberale. È inutile girarci intorno: col federalismo la democrazia è più democrazia. Il presidente del Consiglio, Mario Draghi, ex presidente della Bce, colui che ha salvato l’euro (la sua frase Whatever it takes entrerà nei libri di storia) e ha serietà, competenze e autorevolezza riconosciute in tutto il mondo, è la persona migliore per guidare l’Italia, che ha affrontano il cigno nero della pandemia e ora si confronta con la  guerra in Ucraina - supportato al MEF da un grande economista quale il ministro Daniele Franco - nondimeno  ha finora espresso una visione centralista dello Stato, ma da vero democratico e liberale, quando le emergenze saranno terminate, potrà dedicarsi al federalismo, tema oggi non necessariamente  prioritario.

 

Iscriviti alla newsletter





in evidenza
Al via le riprese del primo docufilm sulla vita privata di Alberto Sordi

Guarda le immagini

Al via le riprese del primo docufilm sulla vita privata di Alberto Sordi


in vetrina
Milano/ Nuovo flagship store per Swarovski: oltre 500 metri quadri in Duomo

Milano/ Nuovo flagship store per Swarovski: oltre 500 metri quadri in Duomo


motori
Citroën inaugura a Parigi “Le Chëvron” per presentate la nuova e-C3

Citroën inaugura a Parigi “Le Chëvron” per presentate la nuova e-C3

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.