I blog riportano opinioni degli autori e non necessariamente notizie, in ossequio al pluralismo che caratterizza la nostra Testata.
A- A+
Lo sguardo libero
Il manager Draghi stigmatizza l’incompetenza della pubblica amministrazione

Tre sembrano essere le novità del discorso di Mario Draghi – che ha usato slogan efficaci come “Governo del Paese” e “spirito repubblicano del Paese” - tenuto di fronte al Senato per ottenerne la fiducia.  

1 – Non ci voleva tanto. Draghi è semplicemente un economista, un manager. Il suo intervento lo dimostra. È stato costellato di numeri, pochi, ma essenziali su tutti i temi che dovrà affrontare il suo Governo: sostenibilità e green economy, digitalizzazione, scuola, sanità, fisco. Ha detto che gli italiani devono ritrovare la fiducia nel futuro, come quella che avevano i nostri nonni. È ricorso al benchmarking, citando quanto fatto in tema di riforma del fisco dalla Danimarca. Ha ripetuto più volte che servono competenze, capacità di pianificare, programmare, accelerare, verificare e dimostrare i risultati. L’Unione europea non regala niente. I 209 miliardi del Recovery (82 a fondo perduto, 127 in crediti) non possono essere spesi a caso. Se il piano e gli step non sono rispettati, stop al flusso di denaro. Interessanti alcune novità programmatiche. Bisogna investire nella scuola. Anche in quelle tecniche, perché mancano tecnici digitali e ambientali. Giusto dire – anche se la verità può far male e per non scoraggiare tanti insegnanti che, ricorrendo al fai-da-te, hanno lavorato benissimo da remoto durante la pandemia – che la didattica a distanza non ha funzionato in particolare al Sud. Positivo investire nella medicina territoriale, anche grazie alla telemedicina. Si andrà in ospedale solo per le fasi acute.

2 – La grande accusa di Draghi – che passerà inosservata perché tocca un tabù - è che l’amministrazione pubblica non funziona. Soprattutto al Sud. Due citazioni del discorso: 1 – “Bisogna irrobustire le amministrazioni meridionali, anche guardando con attenzione all’esperienza di un passato che spesso ha deluso nella speranza”. 2 – “E’ necessario investire nella preparazione tecnica, legale ed economica dei funzionari pubblici”. Traduzione: lo Stato, la pubblica amministrazione, specialmente al Sud, non è produttiva. Draghi ha lavorato a Bruxelles e ha presieduto la Bce dal 2011 al 2019. Sa che l’amministrazione dell’Unione europea è efficiente. Basta sapere comunicare, interagire e seguire la traccia. Tuttavia, se uno non conosce l’inglese, non sa usare il computer e non sa nulla di pianificazione e controllo di gestione…

3 – Draghi ha parlato di lungo termine. Nei suoi piani il Governo dovrà indicare dove si vuole arrivare nel 2026 (quando terminerà Next Generation EU), ma anche a cosa punta nel 2030 e nel 2050, anno in cui Unione europea dovrebbe diventare a zero emissione di C02 e gas clima-alteranti. Ciò dimostra non solo il profilo da manager ed economista di Draghi, ma che egli è consapevole, come lo è l’Ue, che l’unica politica possibile è quella sostenibile, che tuteli le generazioni future, che pensi al bene non nostro, ma a quello dei nostri figli e dei nostri nipoti.

Fondamentale sarà la serietà, la responsabilità la professionalità di tutti, dai cittadini ai politici. Questi evitino di passare le giornate in televisione, lavorino come tutti, dalle 8:00 alle 20:00. In televisione ci vadano dalle 21:00 in avanti. Il Governo informi con comunicati semplici e in ore che facilitino il lavoro dei giornalisti (che non sono né amici né nemici della politica, ma semplicemente professionisti dell’informazione; diffondere un comunicato alle 23:30 non sta né in cielo né in terra).  Scelgano giornalisti seri e credibili. Non chi urla; non chi ospita al contempo politici e comici (sì invece, oltre che ovvio all’ironia, che è una delle caratteristiche dell’intelligenza, alla scritta “L’angolo del comico”, perché sia chiaro che quello è il momento dello scherzo); non chi non è giornalista.

 

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    mario draghiunione europeanext generation eu
    in evidenza
    CDP, ospitato FiCS a Roma Gorno Tempini: “Agire come sistema unico”

    Corporate - Il giornale delle imprese

    CDP, ospitato FiCS a Roma
    Gorno Tempini: “Agire come sistema unico”

    i più visti
    in vetrina
    Ferrovie dello Stato, al via un nuovo modello per cantieri più sostenibili

    Ferrovie dello Stato, al via un nuovo modello per cantieri più sostenibili


    casa, immobiliare
    motori
    Peugeot: la filosofia della guida elettrica

    Peugeot: la filosofia della guida elettrica


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.