I blog riportano opinioni degli autori e non necessariamente notizie, in ossequio al pluralismo che caratterizza la nostra Testata.
A- A+
Lo sguardo libero
L’anacronismo dell’incoronazione di Carlo III
Carlo III è nato a Londra il 14 novembre 1948

La nobiltà è fine a sé stessa

L’incoronazione di Carlo III a Westminster Abbey fa venire in mente la tradizione, cui è legato il concetto di uomo spirituale, quali erano gli uomini delle società appunto tradizionali, come quella del Medioevo giudaico-cristiano, in cui l’esistenza degli individui aveva un senso, a differenza di quanto succede oggi per la maggioranza (come chi segue gli influencer). Alla nobiltà è legato il concetto di mecenatismo, di arte, una delle massime espressioni umane. Tutto ciò merita massimo rispetto.

Tuttavia, visto che siamo in democrazia, come lo è la Gran Bretagna, si accolga. Il privilegio per nascita è anacronistico. Quasi un giovane britannico su due inizia a pensare così. Non lo sarebbe se parte delle tasse dei cittadini non fossero destinate ai monarchici. È più che simbolico, non importa se si tratta di uno o due euro a cittadino e se la monarchia porta l’indotto economico. La nobiltà è fine a sé stessa, il denaro non c’entra assolutamente nulla con essa. Come è fondamentale la differenza tra l’essere suddito (etimologia da “sottomettere”) e cittadino.

In un certo senso la democrazia è la forma in cui la nobiltà ha continuato ad esistere. La democrazia liberale mette al centro l’individuo – che è la democrazia – che può arrivare, a prescindere dalla propria origine, a eccellere, ad avere un’intelligenza e un intelletto superiori a quelli di un nobile di nascita.  Nel passato si diceva che la nobiltà venisse da Dio, giustamente nel senso della fortuna: nascere figlio di Carlo III o di un povero di un villaggio sperduto dell’Africa è solo caso. Tale destino (Dio?) continua oggi dal momento che il genio di nascita c’è sempre stato e ci sarà sempre, ovviamente, poi serve l’ambiente, lo studio etc. etc.

Il tema dell'etichetta – l’educazione rimane fatto essenziale e fondamentale delle relazioni - è secondario… esistono i libri di cerimoniale alla portata di tutti. Nessun segreto. Come scrive Giacomo Leopardi (che era conte, come conte era Alessandro Manzoni – come scrisse Alberto Arbasino in Italia per saper scrivere bisogna esser conti) - scrive il poeta di Recanati: “Compito dell’arte è nascondere l’arte”.

Iscriviti alla newsletter





in evidenza
Francesca Verdini e Andrea Giambruno: la strana coppia beccata al bar

Guarda le foto

Francesca Verdini e Andrea Giambruno: la strana coppia beccata al bar


in vetrina
Affari in rete/ Miele alleato per la salute dell'uomo: ecco tutti i benefici

Affari in rete/ Miele alleato per la salute dell'uomo: ecco tutti i benefici


motori
Citroën AMI e il Cubo di Rubik illuminano la Milano Design Week

Citroën AMI e il Cubo di Rubik illuminano la Milano Design Week

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.