I blog riportano opinioni degli autori e non necessariamente notizie, in ossequio al pluralismo che caratterizza la nostra Testata.
A- A+
Lo sguardo libero
La serie A di calcio in crisi? Sì al capitale di rischio, no ai ristori
CRISTIANO RONALDO (Lapresse)

Quella del capitale di rischio è una delle questioni irrisolte dell’industria italiana degli ultimi decenni. La pandemia ha peggiorato la situazione. Molte aziende hanno problemi di capitale e, se non trovano soluzioni, sono costrette a indebitarsi. Non possono così investire in innovazione e produttività. Si indeboliscono e non sono in grado di competere a livello globale. Rischiano di essere acquisite da organizzazioni straniere e di dover trasferirsi spostando la produzione o il domicilio fiscale fuori dall’Italia. Ed è per questo che alcuni economisti giustamente auspicano di destinare parte delle risorse del Next Generation EU alle aziende indebitate, magari creando un fondo pubblico-privato.

Ben venga quindi - e sia anche da esempio e stimolo per imprenditori di altri settori – la decisione della Lega di seria A di calcio di cedere per 1,7 miliardi il 10% della media company, che sarà creata per commercializzare i diritti televisivi, al consorzio di fondi di private equity Cvc-Advent-Fsi. Dice bene il CEO della Lega di serie A Luigi De Siervo: “Un passo fondamentale sulla via della trasformazione del calcio in un’industria”.

Dall’altra parte, per far fronte ai debiti e ai problema di liquidità, peggiorati dall’emergenza sanitaria, la stessa Lega chiede ristori al Governo. Il calcio vuole soldi dallo Stato. Come le aziende di altri settori per la cassa integrazione, i ristoratori, gli albergatori, i tassisti e via dicendo. Nell’ultima stagione, le perdite aggregate delle 20 società di A sono state di 770 milioni. Entro il primo dicembre vanno saldati circa 300 milioni di stipendi, che nella prima serie sfondano 1,3 miliardi l’anno. I conti non tornano. L’ingaggio medio netto in A è di 1,2 milioni. Non è solo una questione di proporzioni tra quanto guadagna Cristiano Ronaldo (31 milioni netti l’anno) e il comune lavoratore italiano (20.000 euro).

Certo, dispiace per il magazziniere della squadra di calcio che sarà coinvolto. Certo, il problema del tetto degli ingaggi va risolto a livello di UEFA. Tuttavia, come si insegna in tutte le facoltà di Economia, un’azienda deve generare redditività, investendo e anche rischiando (per esempio col capitale di rischio appunto), ma in modo sostenibile. Gestire un'impresa è una responsabilità verso tutti gli stakeholders: dipendenti, fornitori, clienti… Stato incluso. Un’azienda non può indebitarsi all’infinito. Per giunta, in attesa dei fondi di Next Generation EU, fino a prova contraria oggi i ristori sono i soldi dei contribuenti italiani (di quelli che pagano le tasse, non di tutti) e debito che graverà sui nostri figli e nipoti.

Commenti
    Tags:
    cristiano ronaldogovernolega calcio
    in evidenza
    Imprese colpite dalla guerra SIMEST lancia una campagna aiuti

    Ucraina

    Imprese colpite dalla guerra
    SIMEST lancia una campagna aiuti

    
    in vetrina
    Fotovoltaico Plug and Play, ecco la soluzione green contro la crisi energetica

    Fotovoltaico Plug and Play, ecco la soluzione green contro la crisi energetica


    motori
    Dacia, dai colori e dai materiali nascono i valori della marca

    Dacia, dai colori e dai materiali nascono i valori della marca

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.