I blog riportano opinioni degli autori e non necessariamente notizie, in ossequio al pluralismo che caratterizza la nostra Testata.
A- A+
Lo sguardo libero
Perché la monarchia inglese non è in discussione?
lapresse

Con profondo e sincero rispetto,  in questo  momento di dolore dei familiari per la scomparsa del principe Filippo, cui è doveroso chiedere di ricevere  condoglianze, sorprende che nessuno in Gran Bretagna - ma anche fuori di essa (anzi sul “Corriere della Sera” di oggi si leggono proposizioni tipo: Non ci sarà Meghan: la sua gravidanza è una buona scusa per restare a Los Angeles oppure Quando Harry e Meghan furono privati dai loro incarichi da Elisabetta ebbero l’ardire di rinfacciarle che il servizio è universale) - abbia colto l’occasione per mettere in discussione la monarchia e  speso una parola a favore della Repubblica.

È vero che la democrazia inglese è tra le più antiche del mondo, ma la monarchia è un’istituzione arcaica e soprattutto, se si dà valore all’etimologia, i britannici sono sudditi, un vocabolo che deriva dal latino subditus “sottomesso”. Per un francese, un italiano, uno statunitense, un tedesco (ma forse sarebbe meglio dire: per gran parte di essi) sarebbe come fare violenza a sé stessi pronunciare la frase: “Sono un suddito”. Si guardi alla democrazia (“potere del popolo”), una condizione privilegiata, che presuppone l’uguaglianza di nascita, ma è basata sull’individualismo e sul merito. E che fa emergere i migliori (aristocratici, dal greco áristos, “migliore”).

Commenti
    Tags:
    regina elisabettaharrymeghan
    in evidenza
    Simest, la qualità a supporto della competitività delle pmi italiane

    Esportazioni

    Simest, la qualità a supporto della competitività delle pmi italiane

    i più visti
    in vetrina
    Pnrr e opportunità per le Pmi CorporateCredit, l'intervista al Ceo Giordano Guerrieri

    Pnrr e opportunità per le Pmi
    CorporateCredit, l'intervista al Ceo Giordano Guerrieri


    casa, immobiliare
    motori
    Citroën firma la serie speciale C3 «Elle»

    Citroën firma la serie speciale C3 «Elle»


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.