I blog riportano opinioni degli autori e non necessariamente notizie, in ossequio al pluralismo che caratterizza la nostra Testata.
A- A+
Lo sguardo libero
Salvini fa bene a temere l’accordo di Governo M5S-Pd

Matteo Salvini teme un governo M5S-Pd, preconizzato dal fatto che i due abbiano votato insieme il nuovo commissario europeo Ursula von der Leyen. “Hanno tradito il voto degli italiani – ha affermato il leader della Lega. - In Europa sono già al governo col Pd”. Il plausibile accordo tra il movimento guidato da Luigi Di Maio e il partito di cui è segretario Nicola Zingaretti si baserebbe su un ossimoro, ossia su fondamenta  fragili e solide al contempo. Ciò più per le caratteristiche autoreferenziali, paradossali, si potrebbe dire da monade dei 5 Stelle.

Quando Silvio Berlusconi sostiene che quella tra le due attuali componenti del Governo presieduto da Giuseppe Conte sia un’ alleanza innaturale, si riferisce probabilmente al fatto che l’organizzazione ideata da Beppe Grillo è centralista e statalista, quella fondata da Umberto Bossi liberale e autonomista. In economia le convergenze tra M5S e Pd potrebbero fondarsi su un approccio centralista che dia stimolo alla crescita grazie a incentivi alle aziende e alle opere pubbliche, nonostante la politica del no circa le infrastrutture dei pentastellati (si veda la Tav), che tuttavia sembra essere un retaggio dell’intransigenza delle loro origini.

Tale paradigma sarebbe equilibrato dalla acquisizione di un metodo liberale, sempre più consapevole nel Pd, meno nei 5 Stelle, e dal taglio delle tasse compensato da una lotta all’evasione ancor più severa, che consentirebbe di assecondare il lato giustizialista dei secondi. La sintesi potrebbe essere l’Europa: il fatto che il M5S sia stato determinante nella elezione della von der Leyen non sembra essere casuale e si pensi solo alla proposta del neo commissario del salario minimo europeo, tema, quello dei sussidi economici ai settori più poveri della popolazione, caro a Di Maio. Ed è forse ciò che Salvini paventa: l’Unione come un grande e ricco contenitore, con un’economia forte e protetta dall’esterno, con aiuto in denaro alle fasce più deboli della società. Tuttavia la vera sfida di Di Maio e Zingaretti sarebbe individuare come superare il formidabile cavallo di battaglia di Salvini: la lotta all’immigrazione clandestina, un indubbio successo sotto l’aspetto dei numeri, che ha premiato la Lega portandola a essere il primo partito in Italia.

Commenti
    Tags:
    salvinidi maiozingaretti
    in evidenza
    Vacanza da sogno per i Ferragnez In Puglia tra masserie di lusso

    Savelletri, Torre Canne e...

    Vacanza da sogno per i Ferragnez
    In Puglia tra masserie di lusso

    i più visti
    in vetrina
    Pasta Garofalo, il pastificio presenta il suo primo Report di Sostenibilità

    Pasta Garofalo, il pastificio presenta il suo primo Report di Sostenibilità


    casa, immobiliare
    motori
    BMW prosegue lo sviluppo delle auto che restituiscono energia green

    BMW prosegue lo sviluppo delle auto che restituiscono energia green


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.