A- A+
Coronavirus
Covid, in Austria la Corte boccia i test. Tribunale belga: "Stop alle misure"

Covid, tribunale di Vienna: "I test PCR non hanno alcuna valenza diagnostica"

In Europa cresce l'insofferenza per test e regole anti-Covid. La prima polemica arriva direttamente dal tribunale amministrativo di Vienna e riguarda la politica dei tamponi in Austria. Una sentenza del 24 marzo 2021, riporta il sito austriaco tkp.at, mette in discussione l'uso dei test PCR, considerandoli non "idonei" e diagnosticamente non rilevanti. Per il tribunale amministrativo, che ha studiato da vicino le basi della della politica del governo federale austriaco, la definizione di malattia del ministro della Sanità Anschober è completamente sbagliata e infondata.

Inoltre, in un passaggio del testo (in allegato a fine articolo), il tribunale mette in luce come la disinformazione da parte dei media mainstream non ha fattto altro che alimentare dubbi e confusione: "Il servizio sanitario della città di Vienna utilizza le parole "numero di casi", "risultati dei test", "eventi del caso" e "numero di infezioni". Questa confusione di termini non rende giustizia a una valutazione scientifica della situazione epidemica. Per l'Oms il fattore decisivo è il numero di contagi- malati e non quelli risultati positivi o altri “numeri di caso”. 

Basti ricordare– fa sapere il sito austriaco tkp.at – che il famoso scienziato medico John Ioannidis ha recentemente dimostrato in un nuovo studio che il tasso medio di mortalità per infezione è solo dello 0,15% in tutto il mondo, sebbene vi siano differenze locali significative. 

 

 

Covid, tribunale di Bruxelles: "Revocare tutte le misure anti-Covid entro 30 giorni" 

Controversia anche in Belgio, e questa volta sulle misure anti-Covid. Secondo quanto stabilito dal tribunale di Bruxelles il Belgio deve "revocare entro 30 giorni tutte le misure Coronavirus", poichè la base giuridica per esse è insufficiente. La Lega per i diritti umani aveva intentato la causa diverse settimane fa– riporta The Brussels Time– contestando al sistema belga di attuare le misure utilizzando decreti ministeriali, senza nessun contributo da parte del Parlamento. Il giudice del tribunale, secondo quanto riferisce il quotidiano Le Soir, ha concesso allo Stato belga "trenta giorni per fornire una solida base giuridica, o rischia una sanzione di € 5.000 al giorno per il superamento di questo periodo, con un limite massimo di € 200.000". 

Le attuali misure sul Coronavirus si basano sulla legge sulla sicurezza civile del 2007, che consente allo Stato di reagire rapidamente in "circostanze eccezionali", ma il giudice ha ora stabilito che queste leggi non possono servire come base per i decreti ministeriali, riporta The Brussels Time.  "Il giudice ha stabilito che il principio di legalità è stato violato perché l'attuale modo di lavorare non è abbastanza prevedibile", ha confermato all'emittente radiofonica VRT Kati Verstrepen della Human Rights League, aggiungendo che le conseguenze sono "non così drammatiche" che da un giorno all'altro successivamente, le misure non sarebbero più valide. Per ora le misure anti-Covid in Belgio non cambieranno, ma il verdetto è allo studio del ministro dell'Interno Annelies Verlinden, riferisce il quotidiano De Standaard. 

La presentazione del ricorso contro la sentenza del tribunale è ancora possibile, ma trattandosi di una sentenza sommaria, l'appello non sospenderebbe l'esecuzione della sentenza, riferisce The Brussels Time. La Camera intanto dovrà discutere l'imminente legge belga sulla pandemia, che dovrebbe fornire "una base giuridica permanente, per l'adozione di questo tipo di misure restrittive durante una pandemia". Secondo diversi esperti legali, anticipare la legge il prima possibile è fondamentale, onde evitare che i giudici annullino "le ammende scritte per violazione delle misure". E questa sentenza– conclude il quotidiano belga– non fa che aumentare la pressione per adottarla rapidamente. 

Commenti
    Tags:
    covid belgio portogallo austria restrizionicovid coronavirus belgio portogallo austria
    Loading...
    Loading...
    in evidenza
    I ristoranti riaprono all'aperto E la pipì dietro un cespuglio?

    Covid vissuto con ironia...

    I ristoranti riaprono all'aperto
    E la pipì dietro un cespuglio?

    i più visti
    in vetrina
    Chiara Nasti e Nicolò Zaniolo si sono lasciati? Indizi clamorosi sull'addio

    Chiara Nasti e Nicolò Zaniolo si sono lasciati? Indizi clamorosi sull'addio


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Fiat Professional presenta il nuovo E-Ducato,100% elettrico

    Fiat Professional presenta il nuovo E-Ducato,100% elettrico


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.