A- A+
Coronavirus
Vaccino anti-Covid, il capo di Pfizer a Davos sceglie il silenzio

Davos, presente anche il Ceo di Pfizer Alberto Bourla

Ieri, a Davos, l’attivista politico canadese di Rebel TV Ezra Levant e lo Youtuber australiano Avi Yemini hanno atteso in strada, con cameraman e fonico, il Ceo di Pfizer Alberto Bourla per rivolgergli una raffica di domande ("tutte le domande che i media mainstream si rifiutano di fare"), alle quali Bourla ha risposto unicamente “grazie mille” e “buona giornata”.

Questa la traduzione del dialogo surreale:

"Quando hai saputo che i vaccini non interrompevano la trasmissione?"

"Da quanto tempo lo sapevi senza dirlo pubblicamente?"

"Grazie Mille"

"Ora sappiamo che i vaccini non hanno fermato la trasmissione. Ma perché l’hai tenuto segreto? Hai detto che era efficace al 100%. Poi il 90%, poi l’80%, poi il 70%. Ma ora sappiamo che i vaccini non fermano la trasmissione. Perché hai mantenuto quel segreto?"

"Buona giornata"

"È ora di scusarsi con il mondo per il tuo vaccino covid inefficace? Non ti vergogni di quello che hai fatto?"

"Sei orgoglioso? Hai guadagnato milioni a scapito della vita della gente"

"Come ci si sente a camminare per le strade dei milionari a spese della normale gente australiana, inglese, canadese?"

"Cosa ne pensi del tuo yacht?"

"Cosa ne pensi del tuo jet privato?"

"Sei preoccupato per le responsabilità legali sul prodotto?"

"Sei preoccupato delle miocarditi?

"Cosa dici delle morti improvvise?"

"Cosa hai da dire sui giovani che muoiono ogni giorno di infarto?"

"Perché non risponde a queste domande di base?

"Pensi che dovresti essere accusato penalmente per alcuni dei comportamenti criminali di cui hai ovviamente preso parte?"

"Quanti soldi hai guadagnato personalmente con il vaccino?"

"Quanti booster pensi che ci vorranno per essere abbastanza felice con i tuoi guadagni?"

"Chi hai incontrato qui in segreto?

"Ce lo rivela?"

"A chi hai pagato le commissioni?"

"Nel passato Pfizer ha pagato 2,3 miliardi di dollari in commissioni per marketing ingannevole. Lei è nuovamente coinvolto?"

"Sei sotto inchiesta come lo eri prima per marketing ingannevole?"

"Se ogni altro prodotto nel mondo non funziona, come promesso, riceverai un rimborso. Non dovresti rimborsare i Paesi che hanno speso miliardi per il tuo vaccino inefficace?"

"Sei abituato solo a media ben intenzionati quindi non sai come rispondere alle domande?"

"Dovresti vergognarti".

Se c’è un video che riassume magistralmente gli ultimi tre anni, è questo.

Siamo stati le vittime della più grande e meglio organizzata campagna di mistificazione della Storia. Alcuni di noi hanno posto incessantemente domande, hanno fatto tutto ciò che potevano per risvegliare gli altri. Ma gli altri erano (e sono ancora oggi) ipnotizzati. Mattias Desmet lo ha spiegato chiaramente: il motivo per cui le persone continuano a credere a una narrazione palesemente falsa, è che questa narrazione è il nuovo collante della società, grazie al quale le persone si sentono di nuovo parte del corpo sociale. Vive, utili in quanto unite da uno scopo comune, compatte contro i dissidenti, percepiti come pericolosi traditori della società, in una cieca e demente personificazione del pericolo.

Alberto Bourla – per molti un novello Albert Sabin – ha mentito. A mio avviso non soltanto dovrebbe vergognarsi, ma dovrebbe essere indagato (da giurista garantista, non mi permetto di scrivere condannato). A una precisa domanda da parte dell’Europarlamentare olandese Robert Roos, Janine Small (rappresentante di Pfizer comparsa avanti al Parlamento Europeo in sostituzione del CEO Albert Bourla) ha candidamente ammesso che la casa farmaceutica non ha mai testato se il “vaccino” fosse in grado di arrestare la trasmissione del virus: “Abbiamo fatto tutto a rischio”.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
pfizervaccino





in evidenza
Annalisa a Le Iene canta il singolo di Sanremo "Sinceramente" e fa impazzire il pubblico

Guarda il video

Annalisa a Le Iene canta il singolo di Sanremo "Sinceramente" e fa impazzire il pubblico


in vetrina
Affari in Rete

Affari in Rete


motori
Opel Astra Sports Tourer Electric: La compagna ideale per ogni viaggio

Opel Astra Sports Tourer Electric: La compagna ideale per ogni viaggio

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.