A- A+
Costume
Billie Holiday

Di Maria Carla Rota

Timbro blu. Conosciuto e misterioso, familiare e perturbante, intimo e lontano. E' questa la nota "magica" che sentiamo nella voce di Billie Holiday, conosciuta anche come Lady Day, cantante statunitense fra le più grandi di tutti i tempi nei generi jazz e blues. Le sue canzoni ci fanno sperimentare un senso di vertigine che arriva dritto al nostro inconscio. Un abisso si apre nella nostra anima mentre la sua voce arriva alle nostre orecchie.

"Alcune voci ci interpellano in un luogo intimo, toccano un punto sensibile, ci catturano. Ci fanno vivere una 'riedizione dell'inconscio'. Il loro timbro chiama, tiene sospesi, perturba: ascoltiamo qualcosa che sappiamo e non sappiamo. Ciascuno riconosce e si riconosce in quel timbro, a modo suo", spiega ad Affaritaliani.it Laura Pigozzi, psicanalista e insegnante di canto, che l'11 maggio al Museo Internazionale della Musica di Bologna organizza una conferenza​-concerto con gli allievi del "Non Coro" da lei fondato.

Separazioni e famiglie ricostituite, l'intervista di Laura Pigozzi ad Affari: "Ecco il nuovo ruolo della matrigna"

"Il timbro blu si rifà alla quasi impercettibile 'nota blu' di Chopin, come la definì un visivo come Delacroix - continua Pigozzi -. Non a caso il blu è il colore più psichico. Per i greci e i romani aveva una connotazione negativa, perché lo associavano ai barbari, nel Medioevo iniziò a essere considerato un colore etico, ma nell'epoca romantica divenne il colore dell'anima e poi da lì si legò a tutto il filone della musica blues".

Ognuno di noi ha un timbro particolare a cui la sua anima risponde. Non necessariamente una musica o una canzone, ma anche semplicemente una voce parlata. "Basta un particolare suono che però fa sì che il mondo si metta a parlare alla nostra parte più intima. Kandinsky si innamorò della moglie solo sentendola al telefono e subito dopo dipinse l'acquerello 'In omaggio ad una voce sconosciuta'. Nella grana della voce di qualcuno, nella sua pasta vocale c'è un'intera storia personale". 

E la voce di Billie Holiday è perfetta perché piena di rumori, al punto da risultare per qualcuno troppo perturbante. Nel suo timbro blu, così ricco di spasmi, c'è la storia di una donna violata, psicologicamente ma anche fisicamente, e di un rapporto conflittuale con entrambi i genitori. "Non è una voce potentissima, infatti l'aiuto del microfono per lei era essenziale, ma è una voce interessante per la psicoanalisi, perché lascia emergere l'inconscio in tutta la sua ricchezza. Una tensione vocale ideale per trattare l'intrattabile, proprio come fanno la psicoanalisi e anche l'arte. Ogni opera è il risultato del viaggio di un artista nella vertigine abissale attorno a cui ci muoviamo".

Ognuno di noi, ascoltando la propria voce, può recuperare la soggettività che lo contraddistingue, in un mondo "dominato dall'individualismo di massa: siamo tutti uguali, puntiamo tutti all'imitazione. L'anestesia è la cifra della contemporaneità".

Non c'è solo l'inconoscio nella voce, ma anche la dimensione sociale. "Il primo grido tra i primitivi, il loro modo di comunicare, è stato anche il primo legame sociale della storia. Recuperiamo la nostra voce come ponte verso noi stessi, verso l'altro, verso l'umanità".

 

IL PROFILO
Laura Pigozzi, psicanalista e insegnante di canto a Milano e Verona. Autrice di Voci smarrite. Arte e legame sociale contro il dominio dell'anestesia (2013), Chi è la più cattiva del reame? Figlie, madri, matrigne nelle nuove famiglie (2012), A nuda voce (2008). Ha creato Rapsodia, rete di psicoanalisti e artisti (www.rapsodia-net.info). Conduce laboratori di sperimentazione vocale e ha fondato il Non Coro.

L'EVENTO
Sabato 11 maggio 2013 - Ore 16,30
Museo Internazionale della Musica
Strada Maggiore, 34 Bologna
tel. +39 0512757711 fax +39 051 2757728 museomusica@comune.bologna.it
Durante l’incontro alcuni allievi di Laura Pigozzi interpreteranno brani di Billie Holiday

Voci di: Giuseppe Attanasio, Emanuela Baldi, Elena Calvi, Elena Indraccolo, Gabriella D’Amico, Paola Gonanu, Paola Grifo, Chiara Liotta, Mirella Quinti, Jusy Sequino, Emanuela Vavassori

Tags:
billie holidaycantantevocetimbro blupsicanalisiinconscio
in evidenza
Simest, la qualità a supporto della competitività delle pmi italiane

Esportazioni

Simest, la qualità a supporto della competitività delle pmi italiane

i più visti
in vetrina
Pnrr e opportunità per le Pmi CorporateCredit, l'intervista al Ceo Giordano Guerrieri

Pnrr e opportunità per le Pmi
CorporateCredit, l'intervista al Ceo Giordano Guerrieri


casa, immobiliare
motori
Stellantis, successo confermato al Company Car Drive 2022

Stellantis, successo confermato al Company Car Drive 2022


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.