A- A+
Costume
Borghi d'Italia: 279 gioielli nascosti, ecco la guida ai borghi italiani

Da Norcia a Furore (in Campania), da Buonconvento (in Toscana) a Morimondo (in Lombardia), passando per Grottammare (Marche) e Castroreale (Sicilia): un viaggio da Nord a Sud per scoprire l'Italia piu' nascosta, quella dei piccoli centri. Un percorso descritto e approfondito dalla guida 2018 'I Borghi piu' belli d'Italia', presentata oggi a Roma e giunta alla sua XIII edizione. Tra i 279 comuni contenuti nel volume spicca Monte Isola, in Lombardia, che sorge dalle azzurre acque del lago d'Iseo ed e' contemporaneamente montagna, lago e isola e si puo' raggiungere solo in barca. Ricca di tesori sottorranei e', invece, Pitigliano, definita la piccola Gerusalemme toscana, che nasconde sotto di se' un'altra citta', fatta di oratori rupestri, gallerie e cunicoli per il drenaggio delle acque. Le costruzioni, tutte in tufo, sono inserite nel paesaggio con una compattezza tale che e' quasi impossibile separare l'opera dell'uomo da quella della natura. Spostandosi in provincia di Macerata, tra i Sibillini e l'Adriatico, nasce Montelupone: uno dei piccoli centri delle Marche che meglio ha conservato le testimonianze della sua storia. Lo si capisce subito osservando le lunghe mura castellane con le quattro porte d'ingresso e l'originale pavimentazione in pietra. C'e' poi il paese delle acque, San Gemini in Umbria, famosa per quelle naturali e minerali e le vicine cascate delle Marmore, dove sulle pietre sconnesse della via Flaminia risuonano ancora i passi degli antichi romani, che qui avevano un citta', Carsulae, oggi museo archeologico en plein air. Antichi ricordi bizantini e normanni possono invece essere scoperti a Viggianello, in Basilicata, dove fioriscono le ginestre. Scendendo in Puglia si trova Locorotondo, il borgo dalla forma circolare con i vicoli che si incuneano stretti tra le case dai tetti spioventi, un chiaro richiamo ai paesaggi nordici ma che hanno invece origine locale. Nascono dall'esigenza di racchiudere volte a botte dal profilo molto rialzato.

Sono solo alcuni dei borghi e delle attrazioni descritte nella nuova guida, rinnovata nella veste grafica e nella quale sono contenuta oltre 2.200 fotografie. Tutti i 'borghi certificati' nel volume non superano i 15mila abitanti e sono popolati nei loro centri storici da almeno 2mila persone. Nelle 672 pagine sono contenute tutte le informazioni necessarie per organizzare un viaggio e sono mostrate al visitatore le bellezze architettoniche, i panorami, la storia e i piaceri della tavola, svelando l'anima profonda della provincia italiana. Non mancano cenni alle produzioni artigianali, alle feste, agli eventi piu' significativi e alle tradizioni di ogni territorio. Nel volume, che puo' essere acquistato in edicola, in libreria e online, sono segnalate anche numerose strutture per suggerire al lettore dove dormire, dove mangiare e informazioni utili per lo shopping. "Il prezzo di 14 euro e' volutamente abbordabile, con il passare degli anni cerchiamo di mantenerlo basso affinche' possa essere diffuso il piu' possibile", ha sottolineato il presidente dell'associazione 'I Borghi piu' belli d'Italia', Fiorello Primi, nel corso della conferenza stampa di presentazione a Roma nella sede Enit.

"Vogliamo - ha proseguito - che tanta gente vada nei nostri borghi perche' sono la vera ricchezza che l'Italia puo' presentare al mondo. Riscontriamo cio' soprattutto all'estero, dove vediamo un interesse straordinario per questi piccoli comuni. Attraverso la guida riusciamo a presentare un Italia diversa che non ha niente da invidiare rispetto a quella piu' conosciuta. Siamo convinti - ha concluso Primi - che il patrimonio che gli italiani hanno appartenga all'umanita', abbiamo quindi il dovere di salvaguardarlo e dobbiamo dare l'opportunita' a tutti di conoscerlo". La guida e' realizzata dall'associazione 'I Borghi piu' belli d'Italia' insieme alla Societa' Editrice Romana (SER). La sua promozione avviene anche attraverso il sito www.borghipiu'belliditalia.it, che ogni anno registra oltre 1,3 milioni di visitatori unici, e la rivista Borghi Magazine, distribuita in tutte le edicole sul territorio nazionale in oltre 50.000 copie e disponibile anche nell'edizione digitale inclusa nell'offerta di abbonamento. Attraverso questo sistema integrato di comunicazione, il mondo dei Borghi si presenta al grande pubblico, permettendo alle persone di ritrovarsi protagoniste di questo patrimonio d'eccellenza. "Con la XIII edizione della Guida de I Borghi piu' belli d'Italia - ha dichiarato ancora Primi - continua il nostro viaggio alla scoperta dell'Italia nascosta: questo e' infatti lo slogan cha abbiamo coniato 16 anni fa, quando nasceva l'associazione, e che e' sempre piu' attuale grazie all'interesse crescente che sta riscuotendo l'universo Borghi". Raccontando i 279 borghi contenuti nella guida vengono messe in evidenza oltre 450 bellezze, tra musei e opere d'arte. Per la prima volta quest'anno, grazie ad un accordo con Poste Italiane, al volume e' stato allegato un primo francobollo, ne usciranno altri 4 nel corso dell'anno.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
borghi d'italiaborghi italia guidaguida borghi italia
in evidenza
Hunziker- Trussardi: è finita “Dopo 10 anni ci separiamo”

Spettacoli

Hunziker- Trussardi: è finita
“Dopo 10 anni ci separiamo”

i più visti
in vetrina
Fuga dalla Omicron: gli italiani scelgono Maldive, USA, Dubai, Mauritius e...

Fuga dalla Omicron: gli italiani scelgono Maldive, USA, Dubai, Mauritius e...


casa, immobiliare
motori
Citroën AMI ha ispirato la creatività dello stilista italiano Massimo Alba

Citroën AMI ha ispirato la creatività dello stilista italiano Massimo Alba


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.