A- A+
Costume
Laetitia Casta per eyewear di Chanel  4Guarda la gallery - Laetitia Casta per Chanel

Nel 2012 il mercato del lusso in Cina è cresciuto del 18% rispetto al 10% del resto del mondo e le previsioni per l'anno in corso sono ancora più alte. I consumatori cinesi rappresentano il 27% del mercato, nel 2015 saranno il 34%. E soprattutto, i cinesi sono ottimisti: il 74% si vede più ricco tra cinque anni. Insomma, se la moda italiana registra un fatturato interno in calo da anni, all'estero, e soprattutto all'ombra della Muraglia, la situazione è ben diversa.

La Cina si attesta nel 2012 - e si riconfermerà nel 2013 -  come il motore di crescita del mercato del lusso. Lo hanno spiegato i professionisti di Havas Media Group (HMG) durante il workshop Il “Chinese Luxury Customer Journey”, in cui sono stati presentati i risultati di una ricerca sulle motivazioni, le consuetudini ed i trend emergenti che riguardano il consumatore cinese nell’approccio e nell’acquisto di prodotti di lusso.

Soprattutto è una nuova tipologia di consumatore a emeregere: la cosiddetta "generazione x", ovvero giovani fino a vent'anni d'età che spendono i soldi dei genitori. Se i consumatori più maturi vedono ancora l'acqisto come qualcosa di cerimoniale e chiedono esclusività e una relazione personale con la griffe e la boutique, i giovanissimi invece si aspettano un'esperienza a 360°, che li coinvolga e li diverta. Fondamentale in questo è il ruolo delle nuove tecnologie. Seicento milioni di cinesi oggi navigano in Rete (oltre il 50% della popolazione), di cui il 74% tramite device. La generazione x è omnichannel, ovvero costantemente collegata e in contatto con le proprie griffe di riferimento. 

Se devono indicare spontaneamente i loro brand preferiti, i cinesi non hanno dubbi: Louis Vuitton (34%) e Chanel (17%) sono nettamente in testa. Seguono Hermes, Dior, Armani, Valentino, Gucci, Versace e Prada. "Piacciono" perché sinonimo di qualità e stile classico. I consumatori cinesi si aspettano beni durevoli perché devono rappresentare a lungo il loro "status".

La prospettiva da seguire allora per le maison della moda? I professionisti di Havas Media Group suggeriscono di puntare sul "glocal brand storytelling". Bisogna "coccolare" il consumatore, monitorando il suo comportamento e avendo ben chiaro il suo profilo, in modo da ingaggiarlo in modo sempre più coerente e rilevante.

Una ricerca in collaborazione con Human Highway ha evidenziato proprio una diretta correlazione fra i brand più noti (Louis Vuitton, Chanel, Gucci, Hermes, Dior e Armani) e la loro capacità di trasferire il "brand storytelling" in modo coerente su tutti i touch points. Sono soprattutto i touch points ed i contenuti digitali a risultare i più rilevanti (l’88% dichiara di visitare il sito ufficiale dei brand e di ritenerlo lo strumento più rilevante per conoscere il “brand heritage” e i suoi prodotti). La più grande occasione persa nel raaporto col consumatore? Newsletter, inviti, mailing: raggiungono la maggior parte del target di riferimento, ma non avendo contenuti personalizzati perdono di rilevanza. La sfida invece da non perdere assolutamente? Il microblogging, in crescita esponenziale tra i consumatori cinesi. 

Maria Carla Rota

 

grafico cinesi
Tags:
cinesilussomoda
in evidenza
Fedez e J-Ax, pace fatta "Un regalo per Milano e..."

La riconciliazione

Fedez e J-Ax, pace fatta
"Un regalo per Milano e..."

i più visti
in vetrina
Simest, la qualità a supporto della competitività delle esportazioni italiane

Simest, la qualità a supporto della competitività delle esportazioni italiane


casa, immobiliare
motori
Marco Antonini (Citroen) vince il Ceo For Life Award Italia

Marco Antonini (Citroen) vince il Ceo For Life Award Italia


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.