A- A+
Costume

Per la prima volta dal dopoguerra le mamme italiane e più in generale le famiglie cominciano a risparmiare anche sul benessere dei figli, a partire dai primi mesi di vita. Si taglia su biberon e bavaglini, innanzitutto: nel 2012 gli acquisti per i bambini da 0 a 36 mesi si sono ridotti del 4,3% rispetto al 2011, facendo registrare al settore un calo pari a 89,3 milioni di euro. E' quanto emerge dal Rapporto annuale sui comportamenti d'acquisto nella maternita' realizzato da Marketing Management, Istituto di ricerche statistiche e sondaggi di opinione, presentato oggi all'Universita' Iulm di Milano.

A pesare maggiormente, per il 62% del valore totale, sulla contrazione dei consumi e' il comparto alimentare (latte artificiale, omogeneizzati, biscotti, formaggini e yogurt fresco) seguito dai prodotti per la pulizia del bambino (come salviette detergenti, olio, prodotti per il bagnetto, shampoo, latte detergente, etc.) per il 13% mentre il risparmio sui prodotti per la nutrizione (succhietti, biberon, tettarelle, sterilizzatori, frullatori, bavaglini, etc.) risulta pari al 25% del valore totale. Tra i prodotti su cui si tende a risparmiare c'e' il latte artificiale (23,7 milioni di euro in meno rispetto al 2011). Le mamme italiane lo considerano un prodotto facilmente sostituibile con il latte materno o con il latte a lunga conservazione.

Seguono gli omogeneizzati, la cui flessione rispetto al 2011 e' del 9,3% (pari a circa - 20 milioni di euro) e i biscotti il cui calo si attesta intorno al 9,3%, pari a 11,5 milioni di euro in meno rispetto al 2011. Si tende da un lato a rinviare il piu' possibile gli acquisti superflui e dall'altro a ridurre lo spreco. Attraverso la ricerca di prezzi e/o offerte promozionali, le famiglie italiane hanno risparmiato 23,6 milioni di euro rispetto al 2011, dei quali solo 7,3 milioni imputabili al comparto alimentare mentre i restanti 16,3 provengono dai comparti pulizia e nutrizione.

Aspetto ancora più grave, la crisi economica spegne anche il sorriso di 2 milioni di bambini, mettendo a rischio la salute della loro bocca. E' l'allarme degli esperti riuniti a Roma, dal 18 al 20 aprile, per il XX Congresso Nazionale del Collegio dei Docenti di Odontoiatria. Una famiglia su tre non puo' piu' permettersi di affrontare il costo di una cura ortodontica adeguata, cosi' rinuncia o ritarda a mettere l'apparecchio ai propri figli, prendendo d'assalto le strutture pubbliche ormai al collasso: secondo stime recenti, le richieste di prestazioni tramite Ssn sono infatti cresciute del 20% in un solo anno.

Il 90 per cento degli under 14, pari a 5 milioni di bimbi, avrebbe bisogno dell'apparecchio per i denti ma nel 2012 le terapie ortodontiche sono crollate del 40%, cosi' circa due milioni di bimbi rischiano danni ai denti per colpa della crisi economica. Il costo medio minimo per un apparecchio ortodontico e una terapia adeguata fra i 6 e i 14 anni e' di 3.000-6.000 euro, e oggi molti genitori non possono piu' permetterselo: cresce la richiesta di pagamenti dilazionati e prestiti, cosi' come l'accesso all'odontoiatria pubblica che rischia di esplodere. Le richieste al Ssn sono aumentate del 20% ma i 3.500 dentisti che operano nelle strutture pubbliche, erogando circa 4 milioni di prestazioni ambulatoriali all'anno sono ormai al collasso. Per favorire l'accesso alle cure riducendo il carico economico sulle famiglie a costo zero per lo Stato, il Collegio dei professori universitari, le Associazioni dei professionisti e le imprese del settore, hanno approvato il primo documento programmatico con cui si richiede la possibilita' di detrarre dalle imposte le spese dentistiche e concedere benefici fiscali agli studi che investono in innovazioni tecnologiche per combattere cosi' anche la piaga dell'evasione ancora consistente a fronte di un fatturato di 6 miliardi di euro di spesa complessiva da parte degli italiani. Il provvedimento servira' anche a ridurre l'abusivismo: sono infatti circa 15mila i professionisti falsi o abusivi che oltre a evadere le tasse costituiscono un evidente e grave pericolo per la salute dei cittadini.

Tags:
crisifamigliafiglidentistabiberon
in evidenza
Aria fredda polare sull'Italia Fine maggio da... brividi

Meteo previsioni

Aria fredda polare sull'Italia
Fine maggio da... brividi

i più visti
in vetrina
Scatti d'Affari Design Week 2022: per la prima volta le creazioni del lighting designer Entler

Scatti d'Affari
Design Week 2022: per la prima volta le creazioni del lighting designer Entler


casa, immobiliare
motori
Nuovo ŠKODA KAROQ: design più raffinato e miglior efficienza

Nuovo ŠKODA KAROQ: design più raffinato e miglior efficienza


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.