A- A+
Costume
Il divorzio? Passa da Whatsapp. L'app citata nel 40% delle cause

Prima la bufera sulla privacy per la novità della doppia spunta blu. Ora una nuova 'polemica' si abbatte sul servizio di messaggistica istantaneo. Secondo l'Associazione Avvocati Matrimonialisti, l'app è citata nel 40% delle cause di divorzio.

Whatsapp sarebbe infatti il mezzo ideale per consumare tradimenti, tra foto e messaggi compromettenti. Alcuni uomini, grazie alla praticità dell'app, riuscirebbero addirittura a intrattenere tra le 3 o 4 relazioni extraconiugali contemporaneamente.

Ovviamente non è l'app a istigare i 600 milioni di utenti al tradimento. Ma certo i fedifraghi sono "facilitati" dalla possibilità di contatti veloci...

Tags:
divorziowhatsapp
in evidenza
"Speriamo che sia femmina": la politica può essere sexy? Scoprilo alla Piazza, crocevia delle elezioni!

La kermesse di Affari dal 26 al 28 agosto - Il programma

"Speriamo che sia femmina": la politica può essere sexy? Scoprilo alla Piazza, crocevia delle elezioni!


in vetrina
Scatti d'Affari ATIU, protagonista del più importante round di equity crowdfunding 2022

Scatti d'Affari
ATIU, protagonista del più importante round di equity crowdfunding 2022


casa, immobiliare
motori
Dacia Spring: l’elettrica oltre gli incentivi

Dacia Spring: l’elettrica oltre gli incentivi


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.