A- A+
Costume
Dolce&Gabbana e quelle scuse contrite. Ma la Cina dice: "Troppo tardi". VIDEO

Di Maria Carla Rota

"In questi giorni abbiamo pensato moltissimo e con grande dispiacere a quello che è successo. Non succederà più". Con queste parole Domenico Dolce e Stefano Gabbana sono usciti allo scoperto dopo le polemiche scaturite in Cina a causa di uno spot "sessista", che hanno portato alla cancellazione della sfilata prevista a Shanghai e a un’ondata di critiche che sta travolgendo il marchio in tutto il mondo.

Considerata l'emergenza, una delle più gravi affrontate nel corso della storia aziendale, i due stilisti sono scesi in campo mettendoci la faccia. Ecco allora il video diffuso sul social network cinese "Weibo". "Le nostre famiglie ci hanno insegnato il rispetto per le altre culture e per questo vogliamo chiedervi scusa se abbiamo commesso errori nell’interpretare la vostra". "Vogliamo anche chiedere scusa a tutti i cinesi del mondo, prendiamo molto seriamente queste scuse e questo messaggio". “Siamo sempre stati molti innamorati della Cina, amiamo la vostra cultura e certamente abbiamo ancora molto da imparare. Per questo ci scusiamo se abbiamo sbagliato nel nostro modo di esprimerci”, continua Dolce. “Faremo tesoro di questa esperienza. E non succederà mai più, anzi: proveremo a fare di meglio”. Seguono le scuse in lingua cinese.

dolce e gabbana video

Un gesto necessario considerata la rivolta planetaria dei consumatori. Un gesto estremo dopo il goffo tentativo iniziale (e prontamente caduto nel dimenticatoio) di addossare la colpa a un presunto attacco  hacker all'origine di quei messaggi razzisti che hanno scatenato l'ira degli abitanti all'ombra della Grande Muraglia. Per scusarsi i due co-fondatori della casa di moda hanno scelto un look minimal: entrambi in felpa nera, siedono con le mani strette, quasi congiunte, appoggiate a un grande tavolo. Sguardo contrito, voce impostata. Leggono lentamente un testo di scuse. Un'immagine da carcerati, a guardarla da Milano. Un'atmosfera alla bin Laden, commentano gli italiani in televisione. E non aiuta l'inquadratura per noi sballata, la cosiddetta "aria in testa",  ovvero tutto quello spazio vuoto sopra i due protagonisti del video, su cui incombe uno sfondo arabescato rosso e oro. Una scelta che potrebbe sembrare sbagliata. Un'atmosfera molto lontana dall'eccentricità che caratterizza le creazioni Dolce & Gabbana. Una sobrietà che contrasta con quelle meravigliose vetrine e con le sfilate-evento, in entrambi i casi quasi delle opere d'arte, a cui gli stilisti ci hanno abituato. 

Eppure tutto è probabilmente studiato a tavolino per la cultura cinese: gli abiti neri, la gesticolazione inesistente, la mancanza di primi piani. Sono tutte accortezze prese per non urtare, almeno stavolta, i consumatori di un Paese che entro il 2030 rappresenterà il 46% del mercato del lusso mondiale. 

La posta in gioco è alta e bisogna tentare il tutto per tutto per recuperare una situazione che potrebbe pesantemente danneggiare il marchio, considerato che i responsabili dei siti di e-commerce, un importante canale di vendita per l'azienda, hanno deciso di cancellare dalle loro piattaforme i prodotti D&G. E anche molte celebrità cinesi, come l'attrice Zhang Ziyi, l'attore Chen Kun e il cantante Karry Wang Junkai, avevano annunciato pubblicamente che avrebbero boicottato la sfilata.

Non resta ora che vedere se le scuse avranno convinto il popolo cinese... Dalle prime reazioni sui social netowrk sembrrebbe un tentativo ormai fuori tempo massimo: la tensione tra i consumatori cinesi non accenna a calare. "It's too late to apologise" ("è troppo tardi per scusarsi") recita un video virale che gira sui social network da Pechino a Shangai, sulle note di una famosa canzone.  

 

Commenti
    Tags:
    dolce & gabbanacina
    in evidenza
    "Rido con Zalone, amo gli horror Only Fun? Sarà sorprendente..."

    Elettra Lamborghini ad Affari

    "Rido con Zalone, amo gli horror
    Only Fun? Sarà sorprendente..."

    i più visti
    in vetrina
    Pnrr e opportunità per le Pmi CorporateCredit, l'intervista al Ceo Giordano Guerrieri

    Pnrr e opportunità per le Pmi
    CorporateCredit, l'intervista al Ceo Giordano Guerrieri


    casa, immobiliare
    motori
    Duster protagonista del my Dacia road 2022

    Duster protagonista del my Dacia road 2022


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.