A- A+
Costume
Donne che rubano, vittoria del femminismo

Donne che rubano — È per certi versi una vittoria del femminismo. Statistiche americane rivelano che, almeno in quel paese, le donne sono ancora più disposte a rubare degli uomini. Il reato di appropriazione indebita—“embezzlement” in inglese—che più spesso si configura come il furto dal proprio datore di lavoro, è diventata un crimine prettamente femminile. I dati disponibili non sono in perfetta sincronia, ma dal 56% al 66% di questi furti sono compiuti da donne negli Usa.

Paragoni italiani non si hanno. Gli studi sulla criminalità femminile nel Belpaese sembrano concentrarsi su due temi: la confutazione delle tesi offensive del criminologo novecentesco Cesare Lombroso, secondo cui il minore sviluppo mentale delle donne le renderebbe incapaci di commettere un crimine “ragionato”, e l’approccio psicologico che si riassume nel titolo di un testo moderno sull’argomento: “Ragazze trasgressive in cerca d'identità”.

La dominanza femminile nel settore è relativamente recente. Secondo l'FBI, il numero delle donne a commettere questo tipo di furto negli Usa è aumentato del 40% dal 1990, quello degli uomini solo del 4%. L’orgoglio maschile si salva solo per il fatto che, seppure gli uomini siano più fedeli alle aziende per cui lavorano, quando rubano portano via mediamente il doppio. Anche le motivazioni sono diverse. I maschi—secondo Kelly Paxton, una specialista nelle indagini sulle frodi— sono mossi “dai tre ‘W’, wine, women e wager”, l’alcool, le donne e il gioco. La motivazione femminile sarebbe più sottile. Mentre il reato spesso viene giustificato nelle aule del tribunale—tra lacrime—con problemi economici familiari, le prove tendono a rivelare grosse spese per i consumi di lusso.

Si stima che due terzi di questi furti non vengano mai scoperti. La normale revisione, fatta sulle carte che si hanno davanti, sovente non li rileva. Forse è per questo che i meccanismi più comuni emersi nei processi siano estremamente semplici: la falsa fatturazione di forniture inesistenti e, ancora più elementare, la falsificazione dei dati bancari sugli ordini di pagamento, di modo che i soldi arrivino su un conto privato anziché al destinatario indicato.

La predominanza delle donne nel campo dei furti dal colletto bianco—o “rosa”, secondo qualcuno—non ha una spiegazione definitiva. Con l’aumento dell’attenzione al wage gap—la disparità tra i salari maschili e femminili—l’accresciuta propensione a rubare potrebbe configurarsi come una sorta di vendetta, ma le donne coinvolte sono spesso quelle con ruoli di responsabilità ben retribuiti. Viene scomodato anche il tema del moral licence, un meccanismo dell’inconscio per cui chi compie un’azione buona può sentirsi in qualche modo “in credito” e giustificato a compierne un’altra meno buona—”dopo l’insalata a pranzo, merito un gelato”. Secondo i sociologi il fenomeno è più presente nelle femmine che nei maschi.

Forse la vera spiegazione è più semplice. Negli ultimi decenni il livello di responsabilità aziendale raggiunto dalle donne è aumentato in tutto l’Occidente. Cioè, è cresciuta l’opportunità di commettere questi particolari reati. Se è così, dobbiamo attenderci un aumento del ricavato femminile e con quello il raggiungimento di una sorta di parità. Quando le donne arriveranno a rubare quanto gli uomini, la rivoluzione sarà compiuta.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
donne che rubano
in evidenza
Mourinho furia contro Orsato Ma non per il rigore...

Juve-Roma, polemica continua

Mourinho furia contro Orsato
Ma non per il rigore...

i più visti
in vetrina
Meteo, inverno sconvolto dalla Niña. Neve in pianura già a dicembre

Meteo, inverno sconvolto dalla Niña. Neve in pianura già a dicembre


casa, immobiliare
motori
Nuova Ford Focus: un accurato restyling aggiorna look e tecnologie

Nuova Ford Focus: un accurato restyling aggiorna look e tecnologie


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.