A- A+
Costume
Grazie all'e-commerce di snack lo zio d'America trova casa nel Sud Italia.

Ci sono giovani al Sud che emigrano in cerca di maggiore fortuna. Ma c’è anche chi preferisce rimanere nella propria terra d’origine ed investire in innovazione. E’ la storia di Alessandro Odierna (nella foto), classe ’95 della provincia di Salerno, affascinato da digital e marketing che con mille euro e la giusta intuizione è riuscito a fatturare un milione di euro in appena tre anni. “Studiavo Giurisprudenza ma ero intenzionato ad effettuare qualche test per provare a capire se c'era la possibilità di struttura qualcosa di interessante online. Mi ero iniziato a documentare leggendo libri e blog, non avevo budget importanti da investire, né tanto meno delle basi di conoscenza solide”. Poi una vacanza all’estero gli fece balenare l’idea. “In Spagna ho scoperto gli snack americani, venduti in uno dei tanti market che invadono le città. Mi convinsi che il prodotto potesse avere seguito anche in Italia”.

Gli albori di American Uncle: tanto tempo dedicato e il fatturato reinvestito

Nel 2015 crea così una pagina Facebook col nome American Uncle. “In ambito nazionale non c'erano realtà consolidate e questo mi ha dato la possibilità di iniziare il mio progetto. La prima importazione di prodotti sono riuscita ad effettuarla grazie a qualche risparmio ed un piccolo prestito dai miei primi investitori: la mia famiglia. Nulla di importante, soltanto mille euro. Utili ad acquistare abbastanza prodotti da rivendere in poco più di dieci giorni. Ovviamente neanche un euro di quelle vendite è arrivato da un cliente acquisito online. Era scontato, non mi conosceva nessuno ed una pagina Facebook non poteva rappresentare nulla di importante. Tra un esame in Giurisprudenza e qualche mini-rifornimento ho continuato così per diversi mesi, fino a quando non sono arrivate le prime recensioni e di conseguenza le prime vendite online. Normale conseguenza di una fiducia che stava nascendo. Con pazienza e perseveranza ho continuato ad investire il mio tempo e le mie risorse in quell'idea: finalmente iniziando a produrre qualche risultato tangibile. La ricetta era semplice: tanto tempo dedicato e tutto il fatturato reinvestito”. L’offerta iniziale era di circa 30 prodotti tra le barrette di cioccolato più vendute in America, e i ritmi di vendita del 2015 erano pari a poche spedizioni settimanali.

La nascita dell’e-commerce e l’accordo con nuovi soci

Qualche mese dopo, nel 2016, nasce www.americanuncle.it, un progetto in continua evoluzione ed espansione. “Ho conosciuto Alessandro Sportelli, consulente di web marketing strategico. Grazie a lui ho partecipato al suo evento di formazione presentando il caso studio di American Uncle, con il quale ero arrivato a cifre relativamente utili per me stesso. Allo stesso evento ho conosciuto Michele Riccio e Pasquale Bracale, fondatori di Ribrain, e Alessandro Gargiulo di Cookie Srl. In loro ho visto il mio stesso modo di vedere le cose, la stessa voglia di crescere e coinvolgere persone. Intanto viene raggiunto l’importante traguardo di circa 10mila euro di fatturato mensile e dopo diversi mesi dall'evento, abbiamo deciso di continuare questo percorso insieme e nell'estate del 2017 è nata Uncle Food Srl di cui sono soci le persone precedentemente nominate. A settembre dello stesso anno siamo usciti con la nuova versione dell'e-commerce. I nuovi soci hanno apportato know how in termini di comunicazione, branding, adv e strategia fidelizzazione”.

Lo staff giovane e rigorosamente del Sud

Da un esperimento di marketing, American Uncle inizia così a diventare un vero e proprio lavoro. “Nella mia esperienza mi stava già accompagnando la mia fidanzata, Marilena, studentessa oggi di Scienze della formazione primaria. La crescita ci ha permesso poi di aggiungere allo staff prima Valentina e poi Sara”. Tutti assunti, under 25 e rigorosamente del Sud Italia.  I risultati del lavoro di team arrivano presto e a dicembre dello stesso anno raggiungono i 100mila euro di fatturato nel singolo mese. “Sarà stato Natale? Sicuramente, ma è stato soprattutto il frutto di una strategia studiata e condivisa. La crescita a gennaio non si è fermata, ed è stato utile aggiungere un ulteriore risorsa allo staff: Gennaro. Oggi in logistica, nel nostro magazzino a San Valentino Torio in provincia di Salerno; sono impegnate quattro risorse che si dividono contabilità, pick&pack e servizio clienti. In realtà, molto spesso, condividendo i ruoli. Se c'è bisogno di darsi una mano abbiamo una regola: nessuno può tirarsi indietro”. E nel 2017 il fatturato raggiunge i 200mila euro.

 

Il portale: tante sezioni per tutti i gusti, per Natale c’è il sacco a stelle e strisce

Il portale, che per logo ha il cilindro dello zio Sam con l’aggiunta di baffi, è suddiviso in modo da soddisfare tutte le voglie: dolce, salato, bibite e gluten free. Ma l’occhio del “nipote” goloso non può non cadere nell’area American Box dove è possibile scegliere tra scorte di 20, 30, 50 o oltre 100 prodotti. A completare il sito la zona delle promozioni. Il tutto scritto con torno informale, da farti sentire a casa. Con l’avvicinarsi del Natale, American Uncle pensa bene di far felici i suoi “nipoti” proponendo un packaging a tema: un sacco a stelle e strisce interamente cucito a mano per le confezioni regalo, un cartellino di auguri e in omaggio la spilla dello Zio.

Gli obiettivi del 2018 con uno sguardo al 2019

Ad oggi sono passati per l'ecommerce più di 500 prodotti, in continua rotazione. “Abbiamo una media di 2500 spedizioni al mese, ma abbiamo superato anche i 3mila. Con il supporto dei nostri fornitori dai quali, consolidato il rapporto, è stato possibile ottenere linee di credito e vantaggi”. E poi uno sguardo al prossimo futuro. “Puntiamo ad incrementare il fatturato, nel 2018 abbiamo superato il milione di euro. Altro obiettivo è consolidare la nostra posizione nel mercato e investire nell'ottica dell'apertura a spedizioni internazionali e di punti vendita offline. Ma questo soltanto dopo aver migliorato la nostra attuale offerta”.

 

 

Commenti
    Tags:
    napolisalernoromasavoia
    Loading...
    in evidenza
    Wanda Nara, giungla "bollente" Foto che lasciano a bocca aperta

    Lady Icardi da sogno

    Wanda Nara, giungla "bollente"
    Foto che lasciano a bocca aperta

    i più visti
    in vetrina
    Meteo, c'è la data. Temporali e fresco tornano. Ecco quando

    Meteo, c'è la data. Temporali e fresco tornano. Ecco quando


    casa, immobiliare
    motori
    Mercedes-Benz GLE 350 de 4MATIC: come ritrovare il gusto del viaggio

    Mercedes-Benz GLE 350 de 4MATIC: come ritrovare il gusto del viaggio


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.