A- A+
Costume
Ireri, l’eccellenza di un brand Made in Italy con un occhio all’Oriente

di Andrea Cianferoni

Il successo nasce dalla passione. Ed è proprio la passione che spinge nel 1990 la giovane designer Teresa Chen da Taiwan – la sua città natale - a Firenze per approfondire gli studi sull’arte e la moda, in particolare per quei materiali in pelle che solo gli artigiani fiorentini sanno trattare trasformandoli in accessori che tutto il mondo ci ammira. In Italia Teresa inizia a collaborare con alcune aziende della pelletteria toscana fin quando, nel 2006, nasce l’idea di creare insieme al marito Marco Arrighi il brand Ireri che deriva dal nome delle due figlie gemelle Irene ed Erica (la parola si può leggere allo stesso modo partendo sia in un senso che nell’altro, ndr) oggi ventenni e che si “prestano” volentieri ad essere testimonial del brand, tra un esame all’università inglese e un trekking sul monte Kilimangiaro insieme alle compagne di università per un progetto benefico in favore delle popolazioni della Tanzania. E se tra i progetti di Ireri c’è il piano di un’apertura imminente nel quadrilatero della moda milanese, ben chiara è la strategia di mantenere la testa a Firenze, dove non a caso le più note griffe mondiali di pelletteria hanno la loro produzione. E non è un caso che la boutique Ireri sorga in uno dei gioielli dell’architettura italiana, lo storico palazzo Gondi  adiacente a Piazza della Signoria costruito nel 1490 sulle rovine di un antico Teatro Romano. Nelle tre sale della boutique – Leonardo, Michelangelo e Raffaello – possono essere ammirati accessori prodotti a Firenze, assemblati dopo un attento studio di proporzioni, materiali e di scelta di dettagli unici. Le borse, ad esempio, non devono essere viste soltanto come un semplice accessorio, ma devono considerarsi come un attore principale nella costruzione dell’outfit,   rispettando personalità, fisicità e caratteristiche di tutte le donne che hanno gusti e aspettative molto diversi tra loro. Le Borse di Ireri sono tutte prodotte dalle mani di uno stesso artigiano che le cura in ogni minimo dettaglio. In particolare, le borse della linea classica sono tutte foderate in nappa color vitamina – il colore del brand -  e fornite di scomparti con tasche. La pelle può essere di vitello, cervo o coccodrillo. Ogni borsa, che ha il nome di un donna che nella storia ha lasciato un’impronta, ha il logo in ottone placcato oro ed una tracolla estraibile che la rende estremamente pratica. Ma Ireri non è solo borse. Una linea scarpe, sia da uomo che da donna, una linea di foulard che si accompagnano ad ogni borsa e l’eau de parfum fanno parte dell’universo Ireri, un “lusso invisibile”, mai ostentato, dove design e materiali si fondono l’uno con l'altro grazie alla maestria di Teresa Chen, mente creativa del brand, che si rende artefice di successo italiano, ma che strizza l’occhio ai mercati mondiali. 

Tags:
ireri brand made in italyireri moda borse
in evidenza
Cristina D'Avena, bikini esplosivo Fans: "Per tutti i puffi". LE FOTO

Wanda, Fico e... Gallery Vip

Cristina D'Avena, bikini esplosivo
Fans: "Per tutti i puffi". LE FOTO

i più visti
in vetrina
Come conciliare il risparmio con il rispetto dell'ambiente

Come conciliare il risparmio con il rispetto dell'ambiente


casa, immobiliare
motori
Mustang Mach-E: Il primo SUV completamente elettrico di Ford

Mustang Mach-E: Il primo SUV completamente elettrico di Ford


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.