A- A+
Costume
Le mamme di nuova generazione? Sono HipMums. Scoprile

Due amiche, tre figli, una sfida: lanciare in tutta Italia un nuovo modo di fare acquisti per i bambini. Le protagoniste di quest'impresa sono Amata Accornero e Claudia Fabiano, online conosciute come le HipMums, dal nome della loro creazione: www.hipmums.it, un sito in cui le mamme possono vendere e comprare vestiti per bimbi, abiti premaman e accessori per la prima infanzia, usati ma ancora in ottimo stato.

L'obiettivo, diventato ormai il loro cavallo di battaglia, è così riassunto: dare una "second chance" agli abiti usati che inevitabilmente si accumulano negli armadi, facendoli diventare la "first choice" di altre mamme. E visto che le donne di oggi sono sempre più smart e attente alla socializzazione online, ecco anche tanti spazi virtuali in cui conoscersi e condividere la propria esperienza: Facebook (www.facebook.com/hipmums.it), Instagram (@hipmums), Pinterest (www.pinterest.com/hipmums) e Twitter (@hipmums), ricchi di consigli per acquisti intelligenti, foto di manine e piedini (cercatele con #hipmumswelcome) e immagini che ritraggono un nuovo modo di lavorare, sempre più incline a conciliare carriera e famiglia.

Cosa facevate prima di creare HipMums?
Claudia: lavoravo e lavoro in uno studio notarile anche se al momento sono in maternità. Il 5 Maggio scorso è nata la piccola Anita! Quindi ora faccio anche la mamma
Amata: vengo dal mondo della moda. Vendita, poi Stampa prodotto. Tanti anni, tante sfilate. Poi Tommaso mi ha cambiato la vita. Poi Maria. Ora sono felice di fare la blogger, la mamma e di avere cominciato questa magica sfida assieme a Claudia.

Perché questo nome?
Hip significa essere moderni, di tendenza. Oltre ad essere Hip noi siamo anche Mums quindi diamo grande importanza all'essere contemporanee, ma sempre con uno sguardo al passato, ai consigli delle nostre mamme, alle buone maniere e all'eleganza intesa nella sua classicità, non nell'estremismo delle mode moderne. Noi siamo mamme che controllano la qualità e la conservazione dei capi come in un'epoca passata, attente ai minimi dettagli. Noi siamo moderne mamme con antichi valori… delle HipMums!

Le mamme di oggi sono molto diverse da come erano quelle di qualche generazione fa?
Le mamme moderne approcciano ancora con difficoltà gli acquisti online. Vogliono toccare il prodotto, verificare i tessuti, essere certe della qualità. Questi sono giusti retaggi del passato che giungono come insegnamento dalle nonne e bisnonne. Ora però c'è bisogno di modernità. Di uscire dai soliti schemi di acquisto. HipMums si offre come canale di tramite. Noi siamo attentissime al Customer Care, misuriamo lunghezze e altezze dei capi, testiamo i passeggini, osserviamo ogni prodotto nei minimi dettagli. Cerchiamo di essere il più chiare possibili nelle descrizioni dei capi. L'altro ostacolo è l'usato: le mamme storcono il naso. Fanno ancora fatica a capire la praticità di questo commercio. Forse le nostre nonne erano più propense a prendere da parenti, amici e sconosciuti qualcosa per i loro bambini, non ci vedevano nulla di male, anzi. Oggi noi mamme siamo più selettive e forse a volte un po' troppo "snob". Usato non significa logoro: tutte noi abbiamo nell'armadio capi bellissimi usati 3 volte, in perfetto stato. Questo è usato, ma di un certo tipo. Questo è infatti l'usato di HipMums: buongusto, classicità, pulizia. Quindi la nostra missione è doppiamente difficile: avvicinare madri reticenti a due mondi a loro in parte sconosciuti, lo shop-online  e l'usato.

Come avete sviluppato l'idea dell'e-commerce?
Non volevamo un luogo fisico, un negozio a cui stare dietro. Volevamo lavorare da casa per stare accanto ai nostri figli. In più, il negozio è limitante: ha utenti di una sola città e di una certa zona. Tra l'altro non esistono praticamente e-commerce di vestiti usati per bambini (e non dimentichiamoci che noi vendiamo anche il premaman, che segue le stesse logiche d'uso dei capi dei bambini: pochi mesi e via!). Noi vogliamo spaziare in tutta Italia e perché no, anche fuori! L'e-commerce offre la possibilità di inserire in un contenitore tante idee. Noi abbiamo un blog, una gallery divertente, una parte dedicata al Sociale a cui teniamo tantissimo. Un giorno abbiamo chiesto a qualche amica se avesse capi da darci per un'idea che avevamo i  mente: in pochi giorni siamo state sommerse di vestiti e di complimenti. Questo è stato il motore di HipMums.

In termini di energia e risorse, quanto vi costa?
Moltissimo! Lavoriamo di notte, mentre i bambini dormono o sono all'asilo. Le nostre menti sono sempre in fermento per scoprire nuovi modi di promozione del sito, nuove idee per arricchirlo, ma anche sempre all'erta per risolvere i tantissimi problemi burocratici e pratici che si presentano all'apertura di una tale attività.

Dal vostro punto di vista, quanto serve ancora per far sì che la cultura del riciclo entri in modo stabile nella nostra società? Avete riscontrato degli ostacoli "culturali"?
Ci siamo accorte che in giro per Milano crescono le iniziative dedicate al riciclo: grandi marchi ti chiedono indietro i vestiti usati e fanno lo sconto sui nuovi; locali che vendono Luxury Brands usati a metà prezzo.
Ci divertiamo a fotografare queste novità e ci diciamo "stiamo percorrendo la strada giusta". Ma siamo pioniere anche noi di questo mondo. Speriamo di aver scommesso su un cavallo vincente! Noi ci crediamo. vediamo tanto spreco in giro e ci dispiace moltissimo. Non ha senso. Vorremmo poter educare le persone al riuso, alla sostenibilità, al riciclo appunto. E anche alla Beneficenza, che a nostro avviso va di pari passo con i temi citati. Invitiamo le mamme a lasciare i capi invenduti a noi, in modo da sostenere tanti piccoli Enti Benefici che spesso non sono aiutati da nessuno.

Secondo la vostra esperienza, qual è il capo di abbigliamento per bambini che le mamme accumulano di più e che però viene usato di meno?
Le scarpe da neonato: le mamme sono compratrici incallite di scarpette da bebè che poi non usano quasi mai. I maglioni di cashmere: spesso i bambini prediligono felpe o maglie di cotone. Poi giubbini imbottiti (a Natale ne vengono regalati moltissimi). In generale tutti i capi di età da 0 a 12 mesi. I bambini crescono in frettissima.Un giorno indossano un vestito e il giorno dopo già è piccolo.

Qual è il complimento più bello che avete ricevuto?
A parte i vari brave per aver fatto tutto da sole, per l'impegno che ci mettete, per la passione…. Due sono i commenti che ci hanno commosse. Un'amica ha scritto sul nostro blog: "Un grazie a voi che ci fate davvero capire che "volere è potere" e che non bisogna mai smettere di sognare."
Ma il più significativo è questo: il  volontario dell' Ente Benefico a cui abbiamo dato otto sacchetti colmi di vestiti, ci ha guardate negli occhi e ha detto "Grazie, grazie per quello che fate, ne abbiamo tanto bisogno, abbiamo tante mamme sole, tanti bambini... e nessuno che ci aiuta. Grazie". Ecco, questo grazie ci ha riempito il cuore.
Grazie a questo complimento ci siamo sentite più forti e ancora più fiere di HipMums.

---
E per chi volesse conoscere più da vicino il progetto, ecco un appuntamento speciale:
mercoledì 26 novembre, dalle ore 10,00 alle ore 18,00, Amata e Claudia saranno in Via San Vittore al Teatro 3 (Milano) per un evento pre-natalizio di raccolta e vendita.
Presso questo ampio spazio, infatti, le mamme non solo potranno portare vestitini e accessori, usati ma ancora in ottimo stato, da lasciare in conto vendita a HipMums, ma anche fare acquisti intelligenti in vista del Natale.

Shopping natalizio più sostenibile… con le HipMums
Mercoledì 26 novembre 2014
dalle ore 10,00 alle ore 18,00
Via San Vittore al Teatro 3, Milano (accanto a Piazza degli Affari)

 

Tags:
mamme
Loading...

i più visti

casa, immobiliare
motori
Mercedes-Benz GLE 350 de 4MATIC: come ritrovare il gusto del viaggio

Mercedes-Benz GLE 350 de 4MATIC: come ritrovare il gusto del viaggio


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.