A- A+
Costume
Mondiali 2018, Ema e Battisti, la fortuna ha lasciato l'Italia?

In questo periodo sembra che all’Italia la fortuna, lo stellone italico, di cui ci siamo sempre fatto vanto, ci abbia voltato la faccia. Luci e ombre si rincorrono. Le luci dicono che la ripresa del paese, seppur inferiore alla media europea, si attesta, per il 2017, all’1,5%, Un risultato insperato fino all’anno scorso.

LUCI E OMBRE IN ITALIA. UN PIL IN CRESCITA DELL’1,5%

Le luci ci regalano anche un’inversione , leggerissima, dell’insana abitudine di una parte dei concittadini a non pagare le tasse. I dati confermano un piccolissimo calo dell’evasione, piccolo ma significativo. E altro segnale in positivo i giovani ( i mammoni della Fornero ) se ne vanno fuori casa prima. Segno che l’indipendenza economica data da un lavoro un po’ più’ facile da trovare li aiuta ad anticipare l’uscita dalla famiglia. Le ombre nascono invece da qualche ‘schiaffone’ di troppo arrivato dallo scenario internazionale attraverso un mix di sfortuna e incapacità’. I due più’ forti sono arrivati in questi giorni, il terzo potrebbe arrivare breve.

LUCI E OMBRE IN ITALIA. IL PRIMO SCHIAFFO DAL CALCIO

Il primo ceffone a piena mano e’ arrivato dal calcio. Dopo 50 anni non andremo ai mondiali di Russia. Pali si, pali no la realtà conferma purtroppo le molte colpe della nostra Federazione Calcio. In questo caso la sfortuna non c’entra proprio nulla.

LUCI E OMBRE IN ITALIA. IL SECONDO SCHIAFFO DALL’ EMA

Il secondo ceffone e’ arrivato ieri e ha fatto male. La perdita della partita per la sede europea dell’Agenzia del Farmaco a Milano. Alla stupida lotteria abbiamo preso la pallina sbagliata. Uno stupendo lavoro di squadra vanificato da una scelta pilatesca. Qui la sfortuna ha contato per il 100% anche perché’ il peso politico italiano in Europa non e’ proprio fortissimo e gia' lo si sapeva.

LUCI E OMBRE IN ITALIA. IL TERZO ( POSSIBILE ) SCHIAFFO DA CESARE BATTISTI

Il terzo ceffone potrebbe arrivare a breve e ha il nome e la faccia insolente di Cesare Battisti, il pluriomicida in fuga da anni in Brasile. Sembrava gia’ fatta la decisione di estradarlo da parte del Governo brasiliano guidato da un presidente più’ attento. I titoli a piena pagina dei media italiani e di quelli brasiliani si sono sprecati, sembrava cosa fatta. Ora il silenzio e’ assordante, e tutti si e’ appesi alla decisone della Corte Suprema. Ma l’aria che si respira sembra non essere cosi’ favorevole ad una rispettosa decisione verso il nostro paese e verso le famiglie delle vittime. Speriamo di non dover perdere la faccia anche questa volta. Tre argomenti differenti, tre pesi politici economici e morali sicuramente diversi ma l’effetto e’ unico : il senso di contare proprio nulla, per sfortuna o per capacita’ l’amara sensazione di non avere un peso politico importante sulla scena mondiale. Unica speranza che da questi due fallimenti registrati e dal terzo , in procinto di arrivare, si faccia tesoro. Il mondo del calcio, quelli della politica, dell’ economia e della giustizia si prendano il tempo di riflettere su cosa si sarebbe potuto fare evitarli e lavorino nella direzione opposta. E noi italiani? Con la faccia un po’ gonfia, con dentro un mix di amarezza e incazzatura andiamo avanti.

Tags:
mondiali 2018
in evidenza
Consumi, come tagliare la bolletta rispettando l’ambiente

verso un mondo più sostenibile

Consumi, come tagliare la bolletta rispettando l’ambiente

i più visti
in vetrina
Miriam Leone si copre con una foglia. Ilary Blasi... Le FOTO delle vip

Miriam Leone si copre con una foglia. Ilary Blasi... Le FOTO delle vip


casa, immobiliare
motori
Peugeot 308 cambia faccia con la nuova sw

Peugeot 308 cambia faccia con la nuova sw


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.