A- A+
Costume
Orietta Berti e il furto d'identità: la denuncia in questura

Orietta Berti corre in questura per il furto della sua immagine

Orietta Berti è stata derubata. Non si tratta di un furto "canonico" che lascia un danno puramente  economico; al contrario, in questo caso si tratta di un furto più personale, perchè si tratterebbe proprio della sua stessa immagine usata a scopo di lucro da terzi.

La cantante dell’iconico brano Finché la barca va’ (lasciala andare…) in questo periodo è molto richiesta e impegnata per via del lavoro: sta terminando la sua lunga partecipazione come opinionista al GfVip ed è nel pieno della tournée per promuovere in giro per l'Italia il  nuovo cofanetto per i 55 anni di carriera.

Nonostante questo Berti ha tenuto a recarsi personalmente presso la questura di Reggio per sporgere denuncia, accompagnata dal figlio Otis Paterlini, divenuto anche manager della madre. Il contenuto è ignoto ma è trapelato che si tratti di utilizzo improprio e non autorizzato dell'immagine della cantante romagnola, per scopi commerciali.

Peraltro, l’avvistamento di Moreno Morello, il noto inviato di Striscia la Notizia, a Montecchio – dove vive l’usignolo di Cavriago - sembra confermare questa deduzione fatta dai più. Infatti, come si vede nei suoi servizi tv, l’inviato Morello si dedica assiduamente a smascherare truffe e illeciti, falsificazione e commercializzazione fraudolente.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
furto d'immagineorietta bertiorietta berti denunciaorietta berti furto





in evidenza
Derby e scudetto all'Inter? No, Lopetegui nuovo allenatore

Milan, l'incubo dei tifosi

Derby e scudetto all'Inter? No, Lopetegui nuovo allenatore


in vetrina
Meteo, in arrivo un intenso peggioramento. Pioggia e freddo: ecco dove

Meteo, in arrivo un intenso peggioramento. Pioggia e freddo: ecco dove

motori
Lancia celebra 70 anni con il ritorno alla 1000 Miglia

Lancia celebra 70 anni con il ritorno alla 1000 Miglia

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.