A- A+
Costume
Pasta al caffè, la nuova frontiera del gusto nasce a Napoli. Le ricette

DA KIMBO E LA FABBRICA DELLA PASTA, UNA NUOVA FRONTIERA DEL GUSTO: LA CACCAVELLA, I FUSILLONI, I PACCHERI E I MEZZI PACCHERI AL CAFFÈ

Di Eduardo Cagnazzi

Matrimonio insolito e sorprendente nel mondo industriale tra Kimbo e La Fabbrica della Pasta. Frutto di questa unione, l’azienda di caffè guidata da Mario Rubino, da più di 50 anni simbolo dell’espresso napoletano nel mondo, e lo storico pastificio artigianale di Gragnano della famiglia Moccia, il primo certificato Igp. Dal matrimonio nascerà la pasta al caffè, sugli scaffali dei negozi da fine marzo.

Testimone di eccezione degli sposi il presidente di Confindustria, Vincenzo Boccia. “E’ un matrimonio che è il simbolo di come due settori tradizionali dell’industria campana riescano a costruire una dimensione qualitativa e di filiera che rappresenta il futuro della manifattura italiana”, ha affermato Boccia. “Questo evento dimostra che al Sud non è tutta desertificazione industriale, ci sono imprese che investono, innovano, esportano e adeguano la propria governance. Oggi il processo qualitativo impone di ripensare il modo di fare impresa, Kimbo e La Fabbrica della Pasta si sono incamminate su questa strada che è determinante sia per lo sviluppo dell’industria, sia per l’affermazione del Made in Italy nel mondo”, ha dichiarato il presidente di Confindustria. Mario Rubino, amministratore di Kimbo spa, nato alla fine degli anni Cinquanta con il nome di Cafè do Brasil dal genio di tre fratelli, ha affermato che la mission aziendale è stata sempre quella di osservare l’evoluzione dei costumi e del gusto per offrire un prodotto di qualità, realizzato con le più avanzate tecnologie, nel rispetto delle persone e dell’ambiente.

Un caffè dedicato a chi apprezza la ricchezza delle sfumature, le differenze, prestando il dovuto rispetto ad ogni singola tazzina della giornata. Anche per Ciro Moccia, amministratore del pastificio di Gragnano, la Fabbrica è un autentico luogo magico “dove le tradizioni ed i segreti del passato s’incontrano con le più moderne tecnologie, garantendo una costante e scrupolosa lavorazione artigianale, frutto dell’esperienza di tre generazioni di famiglia. Caratteristiche che le hanno consentito il riconoscimento Pasta di Gragnano Igp”. Protagonista principale del mercato del caffè, con un fatturato di 173 milioni di euro e stabilimenti a Melito e a Nola, Kimbo è il secondo player italiano nel canale retail che pesa per il 71% sul volume di affari. Anche l’export è in forte crescita, con un’incidenza del 19%. Con una rete che presidia tutti i canali distributivi e diverse alleanze in Italia, tra cui quella avviata cinque anni fa con Autogrill, Kimbo è protagonista nel proprio mercato con tre brand che coprono ogni fascia di mercato e con una presenza in settanta Paesi del mondo. La Fabbrica della Pasta può vantare invece la lavorazione tipicamente artigianale che le consente alti standard di gestione, tracciabilità e logistica, e di conseguire anche rigidi certificazioni internazionali, tra cui l’ultima per la linea Bio.

Proposta nelle varianti Caccavella, Fusilloni, Paccheri e Mezzi paccheri, la pasta al caffè Kimbo sarà messa in vendita a partire dal prossimo 21 marzo; quattro formati di un incontro tra due eccellenze della tradizione italiana destinato a sorprendere e ad appassionare.

Tags:
pasta caffèpasta al caffèpasta caffè kimbopasta caffè gragnano
Loading...

i più visti

casa, immobiliare
motori
Gladiator segna il ritorno del marchio Jeep® nel segmento dei pick-up

Gladiator segna il ritorno del marchio Jeep® nel segmento dei pick-up


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.