A- A+
Costume
Totò Riina è morto. E con lui i giornali di carta

La morte del capo dei capi di Cosa Nostra, Toto' Riina, avvenuta nella notte è stata completamente bucata da tutti i giornali cartacei.
Un dato di fatto che  dimostra per l'ennesima volta ( qualora ce ne fosse ancora bisogno) di quanto la carta nell'informazione, sia un mezzo superato, anacronistico e destinato alle aree museali.

Forse, al momento, ancora accettabile solo per qualche aspetto di approfondimento. Anche se, a dire la verità, la velocità ultrasonica della moderna informazione globalizzata sta facendo passare l'approfondimento che i magazine settimanali o mensili come un prodotto che si avvicina abbastanza ai libri di storia.

LA FINE DEI GIORNALI DI CARTA. I MILLENNIALS NON CONOSCONO L'EDICOLA

Ma chi di noi , possessori di ogni possibile forma di informazione sui mezzi telematici, aspetta la mattina per andare all'edicola (un nome che probabilmente ai millennials dice abbastanza poco se non quasi niente) per comprarsi un quotidiano cartaceo?

Sono sempre più rari , quasi una razza in via di estinzione, i professionisti che si avviano agli uffici di buon mattina portando sotto il braccio la storica 'mazzetta' di giornali.

LA FINE DEI GIORNALI DI CARTA. LA MAZZETTA CHE FACEVA FIGO

Un modus vivendi che un tempo faceva 'figo', anche se poi non la leggevi neanche per la metà e buona parte dei giornali rimaneva per tutta la giornata sulla scrivania in attesa del giro serale della donna delle pulizie.

Oggi , a differenza di qualche anno fa, rimane sempre la mazzetta di quotidiani, una mazzetta ricca di inchiostro ( pericolosissimo per cappotti e impermeabili chiari ) ma povera di vera attualità e a volte drammaticamente sorpassata dalla realtà..
Si è di fronte ad un mondo globalizzato che si muove a velocità supersonica e impone all'informazione la stessa velocità, pena il fallimento.

LA FINE DEI GIORNALI DI CARTA. I BILANCI DIFFICILI DEI GRUPPI EDITORIALI

Ed infatti , senza entrare in dettagli o approfondimenti, basta leggere i bilanci dei nostri gruppi editoriali per rendersi conto che 'il gioco non regge più', il destino della carta è segnato.
Il mantenimento in vita è solo indispensabile per gestire il rapporto professionale dei tanti colleghi, obbligati a riciclarsi sul www.it o www.com., o, se in età, dargli il tempo di muoversi  verso un'onorevole pensione anticipata.

Adesso c'è un diverso modo di esserci, di scrivere , di fare titoli nei giornali in-line.
Una nuova professionalità che gli autori devono avere per esaudire tutti i desideri del loro/nostro nuovo signore : il potente e ancora oscuro algoritmo, il signore di tutti i like.


Ma qualche copia di giornale teniamola, ben piegata e incelofanata, vicina magari ai vecchi giradischi a puntina Thorens e alla collezione di vinile, alle figurine Panini dei giocatori e a qualche set di collezioni di francobolli.
Un domani potrebbero avere un gran bel valore.

Tags:
totò riina mortototò riinacosa nostratoto riina
in evidenza
Consumi, come tagliare la bolletta rispettando l’ambiente

verso un mondo più sostenibile

Consumi, come tagliare la bolletta rispettando l’ambiente

i più visti
in vetrina
Miriam Leone si copre con una foglia. Ilary Blasi... Le FOTO delle vip

Miriam Leone si copre con una foglia. Ilary Blasi... Le FOTO delle vip


casa, immobiliare
motori
Peugeot 308 cambia faccia con la nuova sw

Peugeot 308 cambia faccia con la nuova sw


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.