A- A+
Costume
Per il "dopo Floris" 6 italiani su 10 chiedono alla Rai una donna

Una donna alla Rai per il "dopo Floris": tu chi vorresti?

 

Preparata e con esperienza, non “marchiata” politicamente, in grado di segnare la rottura col passato. Sui social si alimentano le fantasie su chi dovrà raccogliere l'eredità di Giovanni Floris su Rai 3. E nel borsino delle “preferite” Federica de Sanctis di Sky Tg24 batte la “zarina” Bianca Berlinguer e la giovane Mia Ceran.

Con Giovanni Floris volato a La7 a comporre il dream team con Enrico Mentana adesso ci si interroga su chi avrà il difficile compito di colmare il vuoto lasciato dallo storico conduttore di Ballarò. E mentre impazza il totonomi tra gli addetti ai lavori, sul web gli italiani non hanno dubbi: il 62% dei monitorati sogna una donna, la soluzione ideale per rompere con il passato e aprire un nuovo capitolo su Rai 3.

Ben il 49% degli italiani, infatti, ritiene che sarà impossibile replicare la stessa formula vincente e addirittura con lo stesso nome della trasmissione. Per questo già nella conduzione la scelta deve essere radicale e orientarsi su un personaggio femminile con esperienza (33%) ma non marchiato politicamente (55%), in grado di portare idee fresche (27%) e di gestire al meglio un talk show di qualità (39%) e senza risse (22%).

E' quanto emerge da uno studio di una società di web monitoring milanese condotto attraverso un monitoraggio sui principali social network su circa 1.200 italiani per capire chi auspicano come erede di Giovanni Floris.

Ma come se lo immaginano gli italiani il dopo Floris? Se c'è chi ritiene che la Rai ha fatto un grave errore a lasciarselo sfuggire (61%), c'è anche chi ritiene che il conduttore abbia fatto bene ad accettare una nuova sfida (31%). Ma su Rai 3 adesso gli italiani immaginano una trasmissione più asciutta (17%), più “social oriented” (35%) e meno dominata dai sondaggi (29%). Giù anche gli applausi o i mugugni verso gli interventi degli ospiti in studio (28%). E per quanto riguarda la conduzione, il 44% dei monitorati vorrebbe uno stile più equidistante, meno tendenzioso nelle domande (23%) e che non si faccia rubare la scena dal protagonismo dei politici (21%).

E tra le conduttrici preferite ben un italiano su 2 (52%) vedrebbe bene l'autorevolezza e la competenza di Federica de Sanctis, big di Sky TG24. Più staccate Mia Ceran (41%) di Rai 3 e Giulia Innocenzi di Servizio Pubblico (34%), giudicate ancora troppo acerbe, mentre il direttore del Tg3 Bianca Berlinguer (26%) viene indicata come della “vecchia guardia” e troppo di parte. Chiude la “top five” Alessandra Sardoni (22%) di La7, considerata preparata ma che difficilmente Mentana si farà sfuggire.

Giulia Innocenzi MM 005Guarda la gallery - Giulia Innocenzi
ilaria d'amicoGuarda la gallery - Ilaria D'Amico

 

Iscriviti alla newsletter
Tags:
donnaflorisrai
in evidenza
La startup EdilGo guida la ripresa edile in Italia

Corporate - Il giornale delle imprese

La startup EdilGo guida la ripresa edile in Italia

i più visti
in vetrina
CDP, approvato Piano Strategico. Gorno Tempini: "Occasione senza precedenti"

CDP, approvato Piano Strategico. Gorno Tempini: "Occasione senza precedenti"


casa, immobiliare
motori
Stellantis: inaugurata “Arena del Futuro”, l’innovativa ricarica ad induzione

Stellantis: inaugurata “Arena del Futuro”, l’innovativa ricarica ad induzione


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.