A- A+
Costume

 

 

mister bean 125

Confondere una persona per un'altra, sbagliare numero quando si vuole chiamare qualcuno, scambiare la propria borsa o giacca in ufficio con quelli dei colleghi. Sono solo alcune delle gaffes legate ai problemi di vista. Ad essere dei veri e propri 'campioni' sono gli uomini, che però, a differenza del 'gentil sesso', tendono a buttarla sul ridere per sdrammatizzare l'errore.

Altro che sicuri di sé ed impeccabili. Agli uomini spetta l'Oscar delle gaffes, in perfetto stile Mister Bean. Tra errori banali e clamorosi abbagli, per oltre la metà degli italiani (52%) la causa principale è legata alla vista. Dove avvengono? Specialmente in casa (34%) al ristorante (22%) ed in ufficio (18%). La fascia d'età più sensibile alle gaffes va dai 25 ai 34 anni (27%), specie tra gli automobilisti (25%) seguiti dagli impiegati (14%). Quelle più comuni? Confondere una persona per un'altra, sbagliare numero quando si vuole chiamare qualcuno e scambiare la propria borsa o giacca con quella del vicino di scrivania.

È quanto emerge da uno studio condotto per conto di Ottica Avanzi con metodologia WOA (Web Opinion Analysis) su circa 1300 italiani attraverso un monitoraggio on line sui principali social network - Facebook, Twitter e You Tube - blog, community e forum, per verificare quanto i  problemi di vista possono coincidere con le gaffes. Lo studio è stato realizzato in occasione dell'iniziativa "Vedi quanto vedi". L'attività, in corso in oltre 50 centri commerciali presenti sul territorio nazionale, consiste in un controllo gratuito computerizzato della vista attraverso il quale sono analizzati i parametri visivi degli italiani.

"Da sempre attenti alle esigenze degli italiani nei confronti della vista - afferma Andrea Amedei, Direttore Marketing di Avanzi Holding - in concomitanza con la Giornata Mondiale della vista, proseguiamo la nostra attività 'Vedi quanto Vedi', con cui vogliamo sensibilizzare il pubblico sul tema della prevenzione visiva offrendo un controllo totalmente gratuito computerizzato della vista. Finora abbiamo realizzato 710 controlli in più di 50 città, condotti da ottici professionisti. Con questa attività vogliamo proseguire il percorso intrapreso fin dalla nascita di Ottica Avanzi, il cui obiettivo numero uno è stare al fianco degli italiani stimolando una maggiore attenzione nei confronti della vista e offrendo loro delle soluzioni concrete".

Cosa preoccupa maggiormente oggi? I principali pensieri di uomini e donne sono legati al lavoro (33%), alla situazione sentimentale  (22%) ed al proprio stato psicofisico  (14%) o mancanze legate alla salute (10%). Tra questi ultimi, la maggioranza (26%) segnala problemi legati alla vista. E le conseguenze si registrano nella vita di tutti i giorni: ben il 52% degli italiani ammette di compiere errori e gaffes diverse volte nel corso della propria giornata.

Ma quali sono gli errori più comuni? La gaffe più frequente consiste nel confondere una persona per un'altra (34%), errore frequente che si registra indistintamente sia in occasioni formali che informali. Un altro sbaglio frequente consiste nel confondere il numero quando si cerca di contattare qualcuno al telefono (26%), non riconoscere la gente per strada (23%), mentre altri scambiano la propria borsa (18%) o la propria giacca (15%) con quella di qualcun altro. Situazione questa, che capita con maggior frequenza durante il lavoro, in ufficio.

Ma chi sono i "gaffeur" per eccellenza? A vincere il particolare premio sono i maschi (56%) rispetto alle femmine (44%). La fascia di età più sensibile agli errori? A dispetto della giovane età, sono i giovani che vanno dai 25 ai 34 anni (27%) i più inclini agli errori, seguiti dalla fascia d'età che va dai 45 ai 64 anni (22%). Le gaffes più comuni dei maschi? Sbagliare a mandare un messaggio al telefonino (35%) e confondere i cognomi della gente al citofono (27%). Tra le donne, invece, la maggioranza commette clamorosi errori non riconoscendo le persone per strada (33%) e scambiando la propria borsa con quella di un'altra (26%).

Quali sono i luoghi dove si consumano principalmente gaffes? La casa, a sorpresa, sembra essere il luogo degli errori per eccellenza (34%), seguita a ruota da ristorante (22%) soprattutto in occasione di inviti galanti, ed in ufficio (18%), in particolare quando si deve salvare un documento e inviare una mail importante. Quali sono le categorie più a rischio errori? Automobilisti (25%), impiegati (14%) e sportivi (9%).
 
Cosa può comportare una gaffe? Imbarazzo (45%) di fronte alla conoscenza di una nuova persona, sia per motivi di lavoro che sentimentali, inibizione nei confronti degli altri (37%), diminuzione della propria autostima (29%) e perfino litigi (23%), in particolare con le persone che si conoscono da una vita. I più "sensibili" di fronte ad una gaffe? In questo caso sono principalmente le donne (62%) a reagire in maniera negativa, mentre gli uomini, forse perché più abituati, il più delle volte sembrano non farci caso o comunque non reagiscono sempre in modo non costruttivo.

Tags:
uominigaffevistadonne
in evidenza
"Rido con Zalone, amo gli horror Only Fun? Sarà sorprendente..."

Elettra Lamborghini ad Affari

"Rido con Zalone, amo gli horror
Only Fun? Sarà sorprendente..."

i più visti
in vetrina
Pnrr e opportunità per le Pmi CorporateCredit, l'intervista al Ceo Giordano Guerrieri

Pnrr e opportunità per le Pmi
CorporateCredit, l'intervista al Ceo Giordano Guerrieri


casa, immobiliare
motori
Nissan JUKE Hybrid Rally Tribute dal concept alla realtà

Nissan JUKE Hybrid Rally Tribute dal concept alla realtà


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.