A- A+
Cronache

 

Monica Lewinsky  (1)Milestone MediaGuarda la gallery

Gli americani "montano" tutto, spesso con autoironia. Dote che al nostro Paese manca. Sarebbero mai andati all'asta, in Italia, i vestiti delle donne protagoniste di uno scandalo politico? E' così, invece, che è tornata alla ribalta la stagista più famosa al mondo: Monica Lewinsky. Si tratta di alcuni oggetti esaminati durante il processo contro Clinton da Kenneth Starr, il procuratore che aveva lavorato all'impeachment dell'allora presidente Usa.

Dei 32 articoli appartenuti a Monica Lewinsky, è una lettera dattiloscritta su carta intestata della Casa Bianca e firmato dall'amministrazione Clinton il pezzo più "pregiato" dell'asta. Questa lettera è stata inviata su richiesta della signora Lewinsky al suo ragazzo, Andy Bleiler, per augurargli un buon compleanno nel febbraio 1996. Gli oggetti, tra cui molti indumenti, sono venduti da Andy Bleiler, che ha insegnato teatro al liceo della signorina Lewinsky. In Italia? Niente di tutto questo.

Proprio nei giorni in cui si conclude il processo Ruby e l'ex premier Silvio Berlusconi viene condannato, di tutto si parla fuorché di aste e di letture "alternative" rispetto alla classica e noiosa analisi politologica e bacchettona. Chissà, magari c'è qualcuno anche qui che si divertirebbe a scegliere in un'asta le mutandine delle Olgettine o le lettere private partite da villa Certosa...

 

 

Le donne che hanno creato scandalo nella politica italiana

berlusconi Marysthell Garcia Polanco

Guarda la gallery

Marysthell Garcia 420

Guarda la gallery

Ruby

 

Tags:
clintonlewinskysexgate
in evidenza
Carolina Stramare va in gol L'ex Miss Italia sfida Diletta

Calcio e tv... bollente

Carolina Stramare va in gol
L'ex Miss Italia sfida Diletta

i più visti
in vetrina
Pasta Garofalo, il pastificio presenta il suo primo Report di Sostenibilità

Pasta Garofalo, il pastificio presenta il suo primo Report di Sostenibilità





casa, immobiliare
motori
Opel: l'audacia del design tedesco nella sua forma più pura

Opel: l'audacia del design tedesco nella sua forma più pura


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.