A- A+
Cronache
Alluvione a Genova, un morto. E' polemica, il sindaco: "Mancata allerta"

Un uomo di 57 anni, genovese, è deceduto a Genova, annegato nella piena di acqua, fango e detriti del torrente Bisagno, lo stesso che alimentò la piena del rio Fereggiano nel 2011, causando la morte di sei persone. I danni sono enormi: tutta l'area della foce è sommersa di fango e acqua così come quartieri retrostanti Brignole. Circolazione dei veicoli interdetta. Sciacallaggi nei negozi. Scuole chiuse e... L'emergenza

Esplode il caso. Il sindaco Doria: "Nessuno ci ha avvertiti, non doveva essere il Comune a lanciare l'allerta meteo". I geologi: "Tante parole e pochi fatti".

 

LA POLEMICA

Doria, e' mancata l'allerta meteo - "Non doveva essere il comune a lanciare l'allerta meteo dopo cinque giorni di pioggia. E il comune di Genova, in assenza di una allerta meteo, aveva comunque alcune pattuglie sul territorio per monitorare la situazione". Lo ha detto il sindaco di Genova, Marco Doria, a SkyTg24. "L'allerta per noi rimane alta - ha sottolineato il primo cittadino - qualunque cosa ci dicano gli organi predisposti". "Ieri - ha proseguito Doria - abbiamo organizzato piani per gli edifici scolastici".

Paita, da modelli telematici nessuna allerta - "I modelli telematici previsionali di Arpal non riportavano condizioni tecniche e scientifiche tali da emanare un'allerta. Queste condizioni tecniche del centro meteo ligure di Arpal erano in linea con la protezione civile nazionale". Cosi' l'assessore regionale alla protezione civile, Raffaella Paita, risponde alle polemiche sulla mancata emanazione dello stato di allerta a Genova che nella notte e' stata colpita da una alluvione che ha provocato l'esondazione dei torrenti Bisagno, Fereggiano e Sturla e una vittima nella zona di Borgo Incrociati.

Pennellatore (Limet), era previsto da giorni - L'alluvione che ha travolto Genova "non solo si poteva prevedere, ma noi di Limet l'abbiamo prevista. Attorno a Genova era stata individuata una linea di convergenza, tra i venti di scirocco dal Tirreno e di grecale dalla Pianura Padana, con la formazione di temporali autorigeneranti. La situazione che si andava delineando era assolutamente paragonabile all'alluvione del novembre 2011. Il fenomeno pero' e' ancora in atto e la situazione e' critica". Cosi' Achille Pennellatore, previsore Limet - associazione ligure di meteorologia e previsore del centro meteo di Portosole - Sanremo, sull'ondata di maltempo che ha travolto la citta' della Lanterna provocando esondazioni dei torrenti e una vittima. "Ieri - ha spiegato Pennellatore - avevamo segnalato un livello arancio (corrispondente ad una allerta 1, ndr) con possibilita' di evoluzione al livello rosso (corrispondente ad una allerta 2, la massima). Quello che e' accaduto era chiaro gia' da due o tre giorni. Altri bollettini 'ufficiali' hanno invece minimizzato il fenomeno mentre avrebbero dovuto prevederlo. Noi ce ne eravamo accorti e lo abbiamo segnalato". Pennellatore lancia un allarme anche per i prossimi giorni perche' "e' in arrivo un'altra perturbazione tra domenica sera, lunedi' e martedi' che potrebbe portare altri fenomeni intensi. Avremo una pausa domani e domenica mattina ma da domenica sera e fino a martedi' - ha concluso - prevediamo una situazione di rischio, con possibili nuovi temporali autorigeneranti".

I DANNI

I danni sono enormi: tutta l'area della foce del torrente Bisagno e' sommersa di fango e acqua cosi' come quartieri retrostanti Brignole. Auto, moto, cassonetti sono ammassati dove sono stati sospinti dalla furia della piena. La piena ha portato devastazione in tutta l'area di Brignole, devastando negozi, fondi, cantine, portoni, appartamenti al piano terreno. Fango e detriti sono ovunque. Non ci sono ricerche di persone disperse in atto. La prima esondazione si era registrata a Montoggio, dove era esondato il torrente Scrivia. Si era temuto per l'incolumita' di due persone, una coppia di anziani che non era possibile contattare. Abitano al piano terreno: i vigili del fuoco li hanno trovati al primo piano della palazzina, rifugiati senza telefoni e contatti con l'esterno, nel black out generale. Numerose famiglie sono state evacuate. Numerose le aree colpite della citta', in particolare in Valbisagno, nella zona di via Geirato a Molassana, in piazzale Adriatico, e poi Marassi, Quezzi, San Fruttuoso e Foce devastati. Panico e danni anche nel levante, a Strula, dove l'omonimo torrente e' esondato. Nel complesso sono usciti dagli argini Bisagno, Fereggiano, Scrivia e Sturla. Oggi tutte le scuole, comprese l'Universita', sono chiuse. L'Arpal, l'agenzia regionale per l'ambiente, ha diramato un bollettino di Avviso, inferiore all'Allerta 1, che prevede iniziative di autoprotezione. Il Comune invita inoltre tutti i cittadini a non utilizzare auto o mezzi propri per spostarsi in citta'. La perturbazione si sta ora spostando nel levante della provincia di Genova, dove gia' l'Entella, a Chiavari, era uscito dagli argini nella notte. Anche nel Tigullio le scuole sono chiuse.

"Sono in vigore le norme di autoprotezione. L'invito e' di non uscire da casa se non strettamente necessario, di non usare mezzi di trasporto propri, di limitare gli spostamenti al necessario. Se si e' ai piani bassi, salire a quelli alti. Le scuole debbono rimanere chiuse". Questo quanto riferiscono al centro di Protezione civile di Genova da dove si stanno coordinando i soccorsi e gli interventi di riordino della citta'.

La circolazione dei veicoli e' interdetta nelle zone della Foce, Brignole, via XX Settembre, San Fruttuoso, Marassi, Quezzi. La polizia municipale raccomanda di evitare il passaggio veicolare in queste zone, le cui strade possono presentare situazioni di pericolo. Questa misura si rende indispensabile fino al ripristino delle condizioni di normale viabilita', ed e' da osservare anche dove non si incontrino presidi di polizia municipale. Le scuole di ogni ordine e grado chiuse. Per il pericolo di nuove piene del Bisagno, ormai saturo, il quartiere e' stato evacuato. Sospesi i mercati cittadini all'aperto.

Tags:
alluvionegenovafiume esonda
in evidenza
Heidi Klum reggiseno via in barca Diletta Leotta da sogno in vacanza

Wanda Nara.... che foto

Heidi Klum reggiseno via in barca
Diletta Leotta da sogno in vacanza

i più visti
in vetrina
Nicole Daza, chi è la compagna di Marcell Jacobs: la biografia

Nicole Daza, chi è la compagna di Marcell Jacobs: la biografia





casa, immobiliare
motori
Honda HR-V, arriva la tecnologia full Hibird

Honda HR-V, arriva la tecnologia full Hibird


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.