A- A+
Cronache

 

alpinista 500 2

E' accusato di omicidio colposo per aver abbandonato il compagno di cordata. Un anno fa sul Gran Sasso era avvenuta la tragedia. L'alpinista esperto è stato rinviato a giudizio. Secondo il gip, Paolo Scimia, 33 anni, avrebbe abbandonato Massimiliano Giusti, 37 anni, scalatore inesperto, che precipitò in un dirupo, dove rimase agonizzante alcune ore fino al decesso.

Per il giudice, Scimia distanziò anche l'amico invece di soccorrerlo.  L'episodio risale al 26 febbraio 2012 quando Scimia accompagna Giusti in quella che sarà l'ultima scalata dell'amico. I due, secondo quanto riportato da Repubblica, salgono sul Corno Grande, nonostante condizioni atmosferiche proibitive. Arrivano sulla cima e  vengono investiti in pieno dalla bufera. Giusti precipita nella "Valle dell'Inferno", mentre Scimia, che era avanti nel percorso riesce a salvarsi. 

Tra le prove raccolte contro l'alpinista ci sono le telefonate effettuate sulla cima del Corno Grande da Giusti che chiedeva disperatamente aiuto ai familiari dicendo di essere rimasto solo.

Per il legale il suo assistito ha agito per stato di necessità e si è messo in salvo. Ognuno, in quei momenti drammatici, ha pensato a mettersi in salvo. Poi, Paone respinge il profilo della vittima tratteggiato dal pm e dal gip, dicendo che non era uno scalatore così inesperto. Il caso, comunque, è destinato a far discutere.

Tags:
alpinistagipomicidio
in evidenza
Carolina Stramare va in gol L'ex Miss Italia sfida Diletta

Calcio e tv... bollente

Carolina Stramare va in gol
L'ex Miss Italia sfida Diletta

i più visti
in vetrina
Pasta Garofalo, il pastificio presenta il suo primo Report di Sostenibilità

Pasta Garofalo, il pastificio presenta il suo primo Report di Sostenibilità





casa, immobiliare
motori
Renault: restyling per Megane berlina ora disponibile anche Plug-in Hybrid

Renault: restyling per Megane berlina ora disponibile anche Plug-in Hybrid


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.